Skip to content

Il riuso degli elementi strutturali in acciaio, tra progettazione architettonica e sostenibilità ambientale

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
11 Secondo la Direttiva Quadro 2008/98/CE i rifiuti da costruzione e demolizione, o da C&D, vanno definiti in base alla loro natura (materiali componenti) e in base alle attività che li hanno generati. In generale comprendono: rifiuti da costruzione (provenienti cioè da altri edifici); rifiuti da demolizione (provenienti cioè dalla demolizione totale o parziale di altri edifici); rifiuti da manutenzione e costruzione di strade; terreno e rocce provenienti da movimenti di terra, opere civili e scavi. Una più precisa classificazione dei rifiuti da C&D, basata sulla natura dei loro materiali componenti, la fornisce il CER, Catalogo Europeo dei Rifiuti, che li ha individuati nella classe 17, così ulteriormente suddivisa: 17 01 00 cemento, mattoni, mattonelle, ceramiche e materiali in gesso 17 02 00 legno, vetro e plastica 17 03 00 asfalto, catrame e prodotti catramosi 17 04 00 metalli (incluse le loro leghe) 17 05 00 terra e materiali di dragaggio 17 06 00 materiale isolante 17 07 00 rifiuti misti di costruzioni e demolizioni Attraverso l’elaborazione e la combinazione dei dati raccolti da UBA nel 2009 e da ETC/RWM nel 2009, si possono analizzare le modalità di gestione dei rifiuti da C&D di alcuni paesi europei 5 . Dai dati rilevati nei 27 paesi membri dell’UE, il 46% dei 531,38 milioni di tonnellate di rifiuti da C&D il 46% viene riutilizzato o riciclato. Va precisato che questa stima non tiene conto dei rifiuti provenienti dall’attività di scavo e considerando lo scenario peggiore (0% di materiale riciclato o recuperato) per quegli stati in cui mancano dati sufficienti per effettuarne una stima. Tra questi c’è anche l’Italia, che contribuisce per il 9% sulla produzione totale di rifiuti e ha un tasso di recupero e riciclo relativamente basso. Il riciclo dei rifiuti da C&D in Europa Country Arising (million tonnes) % Re-used or recycled Austria 6,60 60% Belgium 11,02 68% Bulgaria 7,80 0% Cyprus 0,73 1% Czech Republic 14,70 23% Denmark 5,27 94% Estonia 1,51 92% Finland 5,21 26% France 85,65 45% 20 Germany 72,40 86% Greece 11,04 5% Hungary 10,12 16% Ireland 2,54 80% Italy 46,31 0% Latvia 2,32 46% Lithuania 3,45 60% Luxembourg 0,67 46% Malta 0,8 0% Netherlands 23,9 98% Poland 38,19 28% Portugal 11,42 5% Romania 21,71 0% Slovak Republic 5,38 0% Slovenia 2,00 53% Spain 31,34 14% Sweden 10,23 0% UK 99,10 75%21 EU 27 531,38 46% UBA 2009 No data available: worst case scenario assumed Reminder: data from ETC/RWM 2009 corrected to exclude excavated material and fill data gaps Tabella 1. Calcolo del tasso medio di riciclo di rifiuti da C&D nei paesi EU 27(dati ETC/RWM 2009 e UBA 2008, anno di riferimento 2004, con debite correzioni apportate nel Rapporto della Commissione Europea) 6 Qualche dato in più a proposito del tasso di recupero dei rifiuti da C&D in Italia lo si può evincere incrociando i dati raccolti dall’Eurostat nel 2008 e quelli relativi alla produzione di aggregati riciclati nello stesso anno da UEPG (UEPG 2009-2010) 7 : 6 Service Contract on management of construction and demolition waste – SR1, Final Report Task 2, European Commission (DG ENV), February 2011. 7 L’Italia del riciclo 2011- Fondazione per lo sviluppo sostenibile - FISE UNIRE, Unione Nazionale Imprese Recupero. Country Arising (million tonnes) % Re-used or recycled Austria 6,60 60% Belgium 11,02 68% Bulgaria 7,80 0% Cyprus 0,73 1% Czech Republic 14,70 23% Denmark 5,27 94% Estonia 1,51 92% Finland 5,21 26% France 85,65 45% 20 Germany 72,40 86% Greece 11,04 5% Hungary 10,12 16% Ireland 2,54 80% Italy 46,31 0% Latvia 2,32 46% Lithuania 3,45 60% Luxembourg 0,67 46% Malta 0,8 0% Netherlands 23,9 98% Poland 38,19 28% Portugal 11,42 5% Romania 21,71 0% Slovak Republic 5,38 0% Slovenia 2,00 53% Spain 31,34 14% Sweden 10,23 0% UK 99,10 75%21 EU 27 531,38 46% UBA 2009 No data available: worst case scenario assumed Reminder: data from ETC/RWM 2009 corrected to exclude excavated material and fill data gaps Tabella 1. Calcolo del tasso medio di riciclo di rifiuti da C&D nei paesi EU 27(dati ETC/RWM 2009 e UBA 2008, anno di riferimento 2004, con debite correzioni apportate nel Rapporto della Commissione Europea) 6 Qualche dato in più a proposito del tasso di recupero dei rifiuti da C&D in Italia lo si può evincere incrociando i dati raccolti dall’Eurostat nel 2008 e quelli relativi alla produzione di aggregati riciclati nello stesso anno da UEPG (UEPG 2009-2010) 7 : 6 Service Contract on management of construction and demolition waste – SR1, Final Report Task 2, European Commission (DG ENV), February 2011. 7 L’Italia del riciclo 2011- Fondazione per lo sviluppo sostenibile - FISE UNIRE, Unione Nazionale Imprese Recupero. Tabella 1 Calcolo del tasso medio di riciclo di rifiuti da C&D nei paesi EU 27 (dati ETC/RWM 2009 e UBA 2008, anno di riferimento 2004, con debite correzioni apportate nel Rapporto della Commissione Europea) 6 5 Service Contract on management of construction and demolition waste – SR1, Final Report Task 2, European Commission (DG ENV), February 2011. 6 Service Contract on management of construction and demolition waste – SR1, Final Report Task 2, European Commission (DG ENV), February 2011
Anteprima della tesi: Il riuso degli elementi strutturali in acciaio, tra progettazione architettonica e sostenibilità ambientale, Pagina 8

Preview dalla tesi:

Il riuso degli elementi strutturali in acciaio, tra progettazione architettonica e sostenibilità ambientale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Margherita Pongiglione
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Chiara Calderini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 141

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sostenibilità ambientale
riuso elementi strutturali in acciaio
progetto di strutture in acciaio
sostenibilità del progetto di strutture
demolizione selettiva

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi