Skip to content

«Il segno di Giona» (Mt 12,39-40). Da Pinocchio a Paolo di Tarso: una simbolica della resurrezione in declinazione didattica.

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: «Il segno di Giona» (Mt 12,39-40). Da Pinocchio a Paolo di Tarso: una simbolica della resurrezione in declinazione didattica., Pagina 8
7 
 
che, non discostandosi mai dai riferimenti alla Parola (Mt 12,39-40) da cui è nata 
l’idea centrale di questa esercitazione, mantiene la barca costantemente in vista della 
costa. Una prima suggestione è fornita nella metafora (enunciata e poi ripresa nelle 
Premesse della Parte prima e seconda) ispirata direttamente dall’ambientazione dei 
passi biblici esaminati…e che ben ha raffigurato per secoli l’umano destino. 
Incontreremo navi in viaggio partite alla fortuna, miracolosamente integre o 
provvidenzialmente sfasciate, mari sempre tempestosi che grazie a Dio si calmano, 
viaggi naufragati in cui uomini destinati alla morte rianno vita e la donano ad altri. 
Conversioni e guarigioni, conflitti umani e sentimenti contrastanti, scelte rischiose e 
virtù messe alla prova, fatiche, scoperte, preghiere, incontri con esiti felici: un 
concentrato di umana fragilità e grandezza, che ha potuto solo nell’ultimo secolo 
essere sondato mediante una nuova lettura fondata sulle scienze socio-psicologiche, 
cui accenneremo.  
Il girovagare senza una rotta non può essere chiamato viaggio compiuto: la nostra 
rotta metaforica si calcola quindi su due coppie di «coordinate nautiche», intessute 
nello scorrere dei capitoli di questo lavoro e incrociate come la trama e l’ordito di 
un’antica vela, le quali legano argomenti ed episodi ad un primo sguardo distanti fra 
loro.  
Questa rotta presenta degli snodi: i punti focali illustrati dal c.3 e spiegati 
teologicamente nel c.5, che tirano i fil-rouge della tesi.  
Questa rotta non è scontata: la nostra nave prende infatti le mosse da un porto che 
non è un libro biblico, bensì l’opera letteraria per ragazzi italiana più celebre: Le 
avventure di Pinocchio. Il romanzo ci offre il destro per leggere una interessante 
versione ascrivibile alla vasta categoria della lunga «storia degli effetti» che la 
Bibbia, il libro più diffuso al mondo (anche se forse tra i meno letti nel nostro 
Paese),
25
 abbia ispirato con le sue innumerevoli ricadute artistiche (v.c.1).  
Questa rotta, infine, prevede delle tappe: alcuni argomenti collegati (par.1 c.3, 
par.2 c.4) a temi toccati nella esercitazione, quali la discesa agli inferi, la signoria 
sulla natura di Dio, lo straniero, spesso oggi trascurati tanto nell’insegnamento come 
nella catechesi, aprono spunti per una elaborazione didattica percorribile. 
                                                           
25
 COMMISSIONE EPISCOPALE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE E LA CATECHESI, La Bibbia nella vita 
della chiesa, n.10.
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

«Il segno di Giona» (Mt 12,39-40). Da Pinocchio a Paolo di Tarso: una simbolica della resurrezione in declinazione didattica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lidia Roboni
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Facoltà Teologica del'Emilia-Romagna
  Facoltà: Istituto di Scienze Religiose
  Corso: Scienze Religiose
  Relatore: Brunetto Salvarani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 155

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pinocchio
pensiero narrativo
insegnamento della religione cattolica
bibbia a scuola
storia della salvezza cristiana
insegnante di religione
storia degli effetti biblici
programmazione e didattica della religione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi