Skip to content

Indagini Archeologiche Strumentali nelle Acque di Marettimo

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Indagini Archeologiche Strumentali nelle Acque di Marettimo, Pagina 6
isole furono abbandonate in seguito ad uno sconvolgimento tellurico che ne 
provocò lo sprofondamento.
15
Nel III secolo d.C. compare il nome latino di Maritima nell’Itinerarium 
maritimum
16
, quale statio nella rotta che dalla Sicilia portava a Capo Bon, come 
ribadito successivamente nei Portolani catalani del XVI secolo. 
Alfonso Ventimiglia, nel Portolano del 1573, descrivendo l’isola,
17
significativamente annota <<tiene abrigos y buena acqua>>.
Il suo importante ruolo di scalo lungo le rotte che collegavano la Sicilia, non solo
all’Africa, è ribadito dai più antichi portolani medievali a noi noti: il Liber de 
Exsistencia riveriarum, redatto a Pisa nel XII secolo e il Conpasso de Navegare 
della metà del XIII secolo.
18
Nel 1154 Idrisi, geografo arabo al servizio di Ruggero II, realizzò un planisfero 
completato da un trattato di geografia noto con il nome de Il libro di Ruggero,
nel quale, descrivendo l’isola Malitimah, fornisce delle indicazioni 
contraddittorie, sostenendo, infatti, che essa sia <<situata 30 miglia ad occidente 
di Favignana, di fronte a Tunisi e Cartagine; manca di porti, ma è ricca di pozzi e 
di animali selvatici>>, poi più avanti, erroneamente aggiunge: <<adiacenti a 
Trapani si trovano Favignana, Levanzo e Marettimo, ognuna dotata di un porto, di 
pozzi e boschi da cui si ricava la legna>>.
19 
È probabile che il geografo di Ruggero
abbia utilizzato delle fonti di seconda mano, mai verificate personalmente, o che
sia stato tratto in inganno da Formica e Maraone, le altre due isolette che
compongono l’arcipelago delle Egadi.
Ibn Jubair che visita la Sicilia durante il regno di Guglielmo II (1183b1185),
afferma che Marettimo non era popolata. 
15 
Cfr. MILANA 2007, pp. 19b20.

16 
L’Itinerarium maritimum è la parte dell’Itinerarium Antonini Augusti dedicata al mare,

una sorta di elenco delle vie di comunicazione della Roma imperiale, considerato da

alcuni studiosi l’antenato degli odierni Portolani. Di Marettimo dice: “Si autem non
 
Carthagine sed superius ad Lybiam versus volueris adplicare, debes venire de Sicilia ad

insula Maritima in Promontorium Mercuri. Stadia DCC” [“se tu invece volessi dirigere
 
non a Cartagine ma più oltre verso la Libia, devi venire dalla Sicilia, passando per l’isola

di Marettimo, al Promontorio di Mercurio (attuale Capo Bon). 700 Stadi (pari a 67

miglia nautiche)”]. MILANA 2007, p. 18, nota 45.
 
17 
Cfr. COLUMBA 1906, pp. 247b248.

18 
ARDIZZONE 1995, p. 388.

19 
Idrisi, a cura di RIZZITANO 1994, pp. 26b43.
 
7
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Indagini Archeologiche Strumentali nelle Acque di Marettimo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonino Venza
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Conservazione dei Beni Culturali
  Corso: Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali
  Relatore: Sebastiano Tusa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 139

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

archeologia
rov
subacquea
sss
ancore
marettimo
teoria butleriana
odissea del baglio
pipa
relitto del clizia
scalo maestro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi