Skip to content

L'antropologia giuridica nell'opera di Johann Jakob Bachofen

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: L'antropologia giuridica nell'opera di Johann Jakob Bachofen, Pagina 4
 5 
modo aprioristico. Invece, come scrive esplicitamente Moretti, «il punto di riferimento 
fondamentale dell‟indagine di Bachofen consiste nell‟intuizione che la storia abbia un 
senso, abbia cioè significato e direzione. Tale intuizione è di natura religiosa in senso 
ampio, non semplicemente fideistica»9. Ebbene, è proprio questa concezione della storia 
che ci siamo impegnati a scardinare e perciò abbiamo cercato di individuare le radici da 
cui tale concezione della storia ha preso le mosse. 
Ne‟ “Il lato oscuro della cultura” abbiamo messo in evidenza le tensioni che hanno 
caratterizzato il percorso intellettuale di Bachofen e i suoi “controversi” rapporti con il 
suo maestro Savigny, fondatore della Scuola Storica del Diritto. Partendo da uno 
spunto, offerto da Benjamin, quando parla dell‟“amore per il suo luogo natio”, abbiamo 
considerato il legame di Bachofen con la sua terra. Infatti, come scrive Benjamin, la 
«coscienza civica non avrebbe d‟altra parte mai potuto raggiungere in lui un tale vigore 
se non fosse stata profondamente impregnata di un sentimento ctonio»10. 
Da qui siamo passati a descrivere l‟ambiente familiare entro cui Bachofen è stato 
educato e le sue origini patrizie; la scelta degli studi, coerente con la sua avversione per 
gli usi pratici della cultura, a cui preferiva una sorta di Teoreticòs Bios di aristotelica 
memoria. 
Successivamente, abbiamo trattato i suoi rapporti con la Scuola storica di Savigny (che 
abbiamo definito come il suo “lato diurno”), e l‟uso che egli fa del diritto romano per 
addentrarsi nella storia antica più che per comprendere la storia presente; l‟emergere 
dell‟altro aspetto dei suoi interessi, ossia il “lato notturno”: i rapporti con il 
romanticismo mistico (Creuzer, Görres, il simbolo e il mito). 
Si è parlato di una svolta nei suoi studi dopo il primo viaggio a Roma (1842) quando è 
venuto a contatto per la prima volta  con le antiche tombe e queste sue ricerche 
confluiranno nell‟opera sul simbolismo funerario degli antichi in cui già troviamo 
addensate le dicotomie che faranno da linee guida della sua opera intera. 
L‟ultimo capitolo è interamente dedicato all‟opera sul matriarcato (e alla sua ricezione) 
in cui Bachofen teorizza in modo articolato e complesso l‟esistenza storica di uno stadio 
della società in cui la trasmissione dei beni e del nome avveniva per via materna e in cui 
il governo spettava alle donne (ginecocrazia), ispirato al “principio di Demetra” , dea 
greca del grano, dell‟agricoltura e delle stagioni (Demetra significa infatti “madre terra): 
al suo avvento l‟umanità ebbe il suo primo ordinamento giuridico secondo un diritto 
naturale e universale, distinto dal diritto positivo fissato in leggi scritte con il successivo 
imporsi del patriarcato. Nella concezione di Bachofen, il principio di Demetra, connesso 
alla pratica del matrimonio monogamico e dell‟agricoltura, soppianta una fase 
precedente e barbarica defintita “eterismo”, caratterizzata dall‟arbitrio dei maschi che, 
fisicamente più forti, abusano sessualmente delle donne; l‟ordine matriarcale declinerà a 
sua volta per far posto a una fase superiore della civiltà, spirituale e patriarcale, 
nettamente contrapposta alla potenza tellurica della ginecocrazia. 
Il periodo dell‟amazzonismo o imperialismo femminile, superamento cruento della fase 
eterica o afroditica, è una fase intermedia preparatoria alla futura ginecocrazia demetrica 
e riappare anche dopo la fase matriarcale di tipo demetrico vero e proprio, durante la 
quale le donne abusano del potere causando una degenerazione del matriarcato stesso; la 
ribellione degli uomini contro codesti abusi dell‟amazzonismo (vittoria definitiva del 
                                                 
9
 G. Moretti, Presentazione a Bachofen, Il matriarcato. Storia e Mito tra Oriente e Occidente, 
Christian Marinotti Edizioni, Milano 2003, p. 8.  
10
 W. Benjamin, Il viaggiatore solitario e il flâneur. Saggio su Bachofen, a cura di Elisabetta 
Villari, il Melangolo, Genova 1998. 
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

L'antropologia giuridica nell'opera di Johann Jakob Bachofen

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giovanna Regali
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Identità,memoria e mutamento sociale
  Relatore: Maria Paola Mittica
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 93

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amazzonismo
antropologia giuridica
bachofen
diritto materno
eterismo
matriarcato
patriarcato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi