Skip to content

L'Europa dal 1989 a Maastricht nel dibattito politico-parlamentare europeo, italiano e francese.

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: L'Europa dal 1989 a Maastricht nel dibattito politico-parlamentare europeo, italiano e francese., Pagina 11
13 
 
Commissione per arrivare ad un “Atto Unico”, con obiettivo principale il completamento del 
mercato interno.
35
 
Nonostante il governo italiano avesse fatto pressione per ottenere molto di piø, le 
negoziazioni per l’Atto Unico furono un successo per il governo inglese, con Margaret 
Thatcher che dichiarava di aver ricondotto <<nelle giuste proporzioni le pretese 
esagerate>>
36
. Uscendo dalla prospettiva del momento e utilizzando una visione storica, però, 
è innegabile notare come l’Atto Unico, firmato il 17 febbraio 1986 ed entrato in vigore l’1 
luglio 1987, abbia rappresentato un evento centrale nel portare a compimento quel processo di 
rilancio dell’integrazione europea, di cui si era avvertita la necessità a partire dai primi anni 
’80, come anticipato di sopra
37
. Seppur l’opposizione britannica costringesse a tener fuori 
dall’Atto l’unione economica e monetaria, le competenze della Comunità si allargavano 
notevolmente, con due obiettivi principali: da un lato il completamento del mercato interno 
entro il 1992, condizione essenziale per avviare – secondo i piani del presidente Delors – 
l’unione monetaria. Si trattava di una misura molto importante, che avrebbe dato il via libera 
alla creazione di un <<un mercato interno, unico integrato, senza restrizioni al movimento 
delle merci, l’eliminazione degli ostacoli alla libera circolazione delle persone, dei servizi e 
dei capitali, la creazione di un regime inteso a garantire che la concorrenza non sia falsata da 
politiche protezioniste, il riavvicinamento delle legislazioni nazionali>>
38
 per il 
funzionamento del Mercato Comune, associato all’armonizzazione fiscale nell’interesse del 
mercato stesso. Tutto ciò era realizzabile solo tramite un’azione integrata di liberalizzazione, 
atta a ristrutturare e razionalizzare le gestioni amministrative e le imprese erogatrici di servizi 
nei diversi stati nazionali
39
. La spinta verso questi sviluppi rappresentò principalmente la 
risposta obbligata al nuovo contesto internazionale descritto nelle pagine precedenti, favorito 
dalla svolta liberista e alla deregulation dei governi Thatcher e Reagan, dagli imponenti 
accordi su scala globale dell’ Uruguay Round (inseriti nel quadro del GATT) , e la 
conseguente nascita dell’Organizzazione mondiale del commercio (WTO)
40
. 
Il secondo pilastro dell’Atto Unico era, invece, un vero e proprio elemento di svolta: per la 
prima volta i paesi membri si ponevano la questione della cooperazione politica europea 
(CPE), cercando di collaborare nell’ottica di una politica estera comune, nonchØ nel campo 
della sicurezza, prevedendo di lavorare << al di fuori, ma non in contrasto, con le 
                                                 
35
 Cfr. G. Mammarella – P. Cacace, op. cit., pp. 212-213. 
36
 Ivi. 
37
 Cfr. Sandro Rogari, op. cit., p. 600. 
38
 Il completamento del mercato interno. Libro bianco della Commissione per il Consiglio Europeo, Milano 28-
29 giugno 1985. 
39
 Cfr. Giuseppe Mammarella, op. cit., pp. 532-533. 
40
 Cfr. Sandro Rogari, op. cit., pp. 600-602.
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

L'Europa dal 1989 a Maastricht nel dibattito politico-parlamentare europeo, italiano e francese.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Davide Carrino
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Sandro Rogari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 166

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

unione europea
trattato di maastricht
unione politica
muro di berlino
integrazione e costruzione europea
unione economico-monetaria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi