Skip to content

La città di Salerno: trasformazioni urbane e topophilia. Un’indagine quali-quantitativa

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: La città di Salerno: trasformazioni urbane e topophilia. Un’indagine quali-quantitativa, Pagina 7
11   
 
Orograficamente, il territorio è per lo più collinare, tuttavia è nella fascia costiera dal 
porto alla foce del Picentino che si concentra la maggior parte degli insediamenti umani.  
Questa striscia alluvionale, molto ristretta a occidente, si allarga man mano nella 
parte orientale. Parallelamente, i rilievi tendono ad addolcirsi. Oltre a quelli già 
menzionati, sono da citare la Pietra di S. Stefano (390 metri), che sovrasta il popoloso 
quartiere di Torrione,  il più orientale Piano di Montena, vasto altipiano che raggiunge i 
405 metri e il monte Bonadies.  
 
1.2.  L’idrografia   
L’idrografia superficiale di Salerno, laddove ancora visibile, è senz’altro notevole, a 
causa della particolare disposizione dei rilievi rispetto al Tirreno. Le masse d’aria 
umida, risalendo le ripide colline dal mare, danno origine ad abbondanti precipitazioni: 
da qui provengono i numerosi corsi d’acqua semi-stagionali, che s’incassano in 
profonde vallate fino al mare. Procedendo da ovest verso est, oltre al già ricordato 
Fusandola
1
, che fu responsabile della disastrosa alluvione del 1954, troviamo il 
Rafastia
2
, alimentato da diverse sorgenti perenni, e quindi il bacino del fiume Irno
3
, che 
                                                           
1
 Il torrente Fusandola nasce a circa 500 metri sul livello del mare in località Croce in territorio del 
Comune di Salerno e nei pressi del confine con il Comune di Cava de' Tirreni e sfocia nel mare sulla 
spiaggia di Santa Teresa in prossimità del porto commerciale. 
2
 Il torrente Rafastia nasce a circa 635 metri sul livello del mare in località Colle Grande in territorio del 
Comune di Salerno nei pressi del confine con i Comuni di Cava de' Tirreni e Pellezzano e sfocia nel mare 
sul Lungomare Trieste in prossimità della fontana a mare. Il corso d'acqua viene espressamente citato 
nel Chronicon Salernitanum (X secolo), dove viene chiamato torrente Faustino; sappiamo che esso 
scorreva proprio a ridosso del settore orientale delle mura ed era scavalcato, nell'angolo NE, 
dall'acquedotto medievale di Salerno, sotto il quale scorre ancor oggi, seppur sotterraneo. Il Rafastia, 
assieme ad altri corsi d'acqua minori, fu uno dei principali "responsabili" della spaventosa alluvione del 
25 ottobre 1954 che danneggiò gravemente la città: in quell'occasione, e sempre in via Velia, la pressione 
dell'acqua del torrente sotterraneo fece saltare in aria la strada, risucchiando molte persone nelle voragini. 
3
 Il fiume Irno nasce alle pendici del monte Stella a 951 metri sul mare e sfocia nel golfo di Salerno.              
Il fiume Irno ha origine dalla confluenza dei fossi Fariconda e Sala poco a sud da Baronissi nei pressi di 
Sava; dopo aver percorso circa 10 km, sbocca a mare nei pressi del Torrione. Il suo imbrifero, allo 
sbocco, conta circa 45 kmq, resta contornato ad oriente e ad occidente da alte catene montuose con più 
vette che superano i 600 m e il Monte Stella. Il confine del bacino a nord corre quasi parallelo alla costa e, 
nell’ampio tratto centrale, presenta una sella che si attesta attorno ai 200 metri sul livello del mare, al di là
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

La città di Salerno: trasformazioni urbane e topophilia. Un’indagine quali-quantitativa

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Vincenzo Donadio
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della Formazione Primaria
  Relatore: Antonina  Plutino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 281

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

salerno
trasformazione urbana
piano regolatore
vincenzo de luca
attachment
oriol bohigas
fiume irno
topophilia
tuan

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi