Skip to content

La nuova pelle del packaging

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: La nuova pelle del packaging, Pagina 7
19
La dematerializzazione del packaging
In altre parole, una virtualizzazione che assume le forme di una dematerializzazione dei materiali.
Per corroborare questa ipotesi, ci si richiama spesso al ruolo dirompente che starebbero assu-
mendo i nuovi materiali, o materiali avanzati (compositi avanzati a matrice polimerica, cera-
mica e metallica; materiali elettronici e magnetici; nuove leghe metalliche ecc. con un riferi-
mento particolare ai semiconduttori, di cui parleremo approfonditamente nel capitolo 3).
L’idea di virtualizzazione dei materiali si basa su una generalizzazione e un trasferimento
arbitrario dal piano tecnologico a quello epistemologico di due fenomeni osservabili oggi nel
campo dei nuovi materiali. Il primo riguarda il loro peso, il secondo concerne le caratteristi-
che delle superfici che se ne possono trarre. Per contro, constatare il fatto che i materiali
“leggeri” stanno ora sostituendo i materiali “pesanti” non autorizza a dedurre che si stia
percorrendo la strada verso una produzione a bassa intensità di materiali. In pratica, ciò
significherebbe assumere il parametro attinente al peso dei materiali, come l’unico idoneo
per giudicare la loro intensità.
Se si utilizzasse invece un ulteriore parametro, quello, per esempio, che tiene conto del volu-
me complessivo dei materiali utilizzati a scala mondiale, si potrebbe arrivare ad una conclu-
sione molto più ragionevole: la tendenza attuale non sarebbe verso una produzione a bassa
intensità di materiali, piuttosto verso una produzione ad alta intensità di materiali leggeri.
I nuovi materiali, seppur più lievi, hanno anch’essi, a modo loro, una materialità forte.
L’altra forma di virtualizzazione è invece connessa con la teoria secondo la quale la superficie
di gran parte degli oggetti di oggi, per il particolare tipo di materiale con cui sono stati
prodotti, non esibirebbe più la struttura del materiale, bensì la celerebbe sotto una sorta di
patina opaca (il riferimento non è soltanto nei confronti dei materiali avanzati di recente
sviluppo, ma anche ai polimeri sintetici ormai vastamente diffusi dal 1930 in poi)
4
.
In questo modo si deve sottolineare che i materiali, infinitamente manipolabili e componibi-
li, perdono la loro identità culturale profonda.
Contemporaneamente molte superfici componenti i nuovi materiali, si animano, varia-
no nel tempo, diventano sensibili, espressive, luogo privilegiato di scambi di energia e
informazione.
Arricchito di memoria e intelligenza, potenzialmente collegato ad una rete estesa di
informazioni, dotato di questa nuova pelle comunicativa e interattiva, l’universo fino a
ieri inanimato degli oggetti, prende la parola e si definisce come una forma di relazioni
nel tempo, quasi a voler recuperare nella quarta dimensione temporale ciò che ha per-
duto nella terza dimensione spaziale.
4
 Tomás Maldonado, Reale e virtuale, Milano, Feltrinelli, 1994.

Preview dalla tesi:

La nuova pelle del packaging

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Capitini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Politecnico di Milano
  Facoltà: Architettura
  Corso: Disegno Industriale
  Relatore: Valeria Bucchetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 122

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi