Skip to content

La nuova Russia e la politica di neoegemonia all'interno della CSI

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: La nuova Russia e la politica di neoegemonia all'interno della CSI, Pagina 3
1 
 
 
Capitolo 1 
Il fallimento della perestrojka 
 
1.1. Le condizioni politiche, economiche e sociali negli anni di Gorbačëv 
 
  Il 10 marzo 1985, l’allora Segretario generale del PCUS, nonché Presidente del 
Praesidium del Soviet supremo
1
, il settantacinquenne Konstantin Ustinovič Černenko, si 
spense a Mosca. Il suo breve mandato, durato poco più di un anno, oltre che l’immobilismo 
dello stesso, fecero sì che la dipartita dell’anziano leader non suscitasse grandi clamori né 
particolari rimpianti. Avendo egli bloccato il pur timido riformismo del predecessore 
Andropov
2
 ed essendo ritornato alla politica dell’ultimo Brežnev
3
, Černenko aveva 
ulteriormente ritardato quel processo di rinnovamento di quadri e di politiche, soprattutto 
economiche, di cui l’URSS necessitava ormai dalla seconda metà del decennio precedente. 
  Nonostante le divisioni e le varie anime interne al Partito, non si verificò nessuna sfida per 
la conquista della Segreteria e la scelta dell’Ufficio politico cadde subito su Mihail 
Sergeevič Gorbačëv, che incarnava più di chiunque altro le speranze di cambiamento.  
   Nato a Privol’noe, nel territorio caucasico di Stavropol’, il nuovo volto della politica 
sovietica si era laureato in giurisprudenza nel 1955 all’Università statale di Mosca e poi in 
economia agraria nel 1967 all’Università di Stavropol’. Proprio durante gli studi per 
l’ottenimento della seconda laurea si era iscritto al Partito Comunista, diventandone fin da 
subito un elemento molto attivo e partecipando al XXII Congresso, quando l’allora 
Segretario Chruščёv annunciò che in un ventennio l’URSS avrebbe superato la produzione 
                                                 
  
1
 Il Soviet Supremo dell’Unione Sovietica era l’organo legislativo federale. Ad esso spettava il compito di 
approvare o meno gli emendamenti alla Costituzione. Era composto da due camere elettive a mandato 
quadriennale: il Soviet dell’Unione ed il Soviet delle Nazionalità. Entrambi venivano eletti a suffragio 
universale ed avevano gli stessi poteri, inclusa l’iniziativa legislativa. Da un punto di vista teorico, il primo 
doveva rappresentare gli interessi dell’Unione nella sua interezza, il secondo quelli delle singole Repubbliche. 
Nella pratica, il Soviet Supremo si limitava molto spesso alla semplice conferma di quanto già deciso dal 
Partito. 
  
2
 Jurij Vladimirovič Andropov, ex presidente del KGB, era divenuto Segretario generale del PCUS dopo la 
morte di  Brežnev, nel novembre del 1982. La sua personalità, e di riflesso la sua rotta politica, ebbero degli 
aspetti contradditori, come per esempio la fede nel marxismo-leninismo ma allo stesso tempo la 
consapevolezza della necessità di riforme ingenti. Privo di conoscenze economiche rilevanti, Andropov aveva 
condotto la sua principale campagna contro il lassismo e la corruzione dei quadri del Partito, attirando su di sé 
la simpatie di molti esponenti, quali Gorbačëv, Ligačev, Ryžkov e Jakovlev. 
  
3
 La politica degli ultimi anni di Brežnev, essenzialmente dalla seconda metà degli anni ’70 fino alla sua 
morte, avvenuta nel novembre del 1982, si caratterizzò per un rafforzamento del ruolo del Partito e per la 
mancanza di rinnovamento. Dopo aver accumulato per la prima volta nella storia sovietica la carica di 
Segretario del PCUS e quella di Presidente del Soviet Supremo, nel 1977 promosse la stesura di una nuova 
Costituzione, detta “Costituzione Brežnev”. Essa attribuì ulteriori prerogative al Partito, rendendolo un 
organo ancor più potente e presente nella vita quotidiana dei cittadini grazie alla creazione di associazioni e 
strutture ricreative da esso gestite.

Preview dalla tesi:

La nuova Russia e la politica di neoegemonia all'interno della CSI

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabrizio Barbon Di Marco
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze internazionali e diplomatiche
  Relatore: Cesare La Mantia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

urss
putin
csi
perestrojka
gorbacev
el'cin

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi