Skip to content

La nuova Russia e la politica di neoegemonia all'interno della CSI

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: La nuova Russia e la politica di neoegemonia all'interno della CSI, Pagina 8
6 
 
della NEP, l’unico momento della storia dell’URSS in cui erano state concesse delle 
piccole aperture all’economia di mercato. La glasnost’ (“trasparenza”) rappresentava un 
concetto più astratto che tecnico, vale a dire una maggiore democratizzazione del rapporto 
fra l’apparato di potere e la società, inserendosi nell’ottica della lotta alla corruzione 
intrapresa l’anno precedente. 
  Il “nuovo pensiero” ebbe fin da subito effetti contrastanti: se da un lato, infatti, portava a 
cambiamenti quasi impensabili in politica estera, lo stesso non si può affermare in relazione 
allo scenario interno. Gorbačëv approfondì il dialogo con Reagan, Presidente repubblicano 
degli Stati Uniti dal 1981 al 1989 , nel tentativo di abbandonare la corsa agli armamenti e 
liberare così risorse economiche da investire nella riforma del sistema.    
  Il leader sovietico offriva agli USA, ed al blocco occidentale in generale, una prospettiva 
molto allettante, vale a dire la possibilità di assumersi il titolo di “vincitori” della Guerra 
Fredda. La svolta era epocale: per la prima volta dal secondo dopoguerra si giungeva a 
negare l’esistenza di uno scenario bipolare e di due blocchi contrapposti. Da un punto di 
vista ideologico, tutto ciò rappresentava la fine stessa della Guerra Fredda
14
.  
  La politica interna versava in tutt’altre condizioni: la perestrojka stentava a decollare e più 
ci si allontanava da Mosca, più essa era avversata dalle élites locali, che in essa vedevano 
un tentativo di ingerenza da parte del potere centrale.  
  Conscio del basso tenore di vita dei suoi concittadini, il Segretario provò a dare maggiore 
respiro ad un settore che non aveva mai goduto di grande prosperità in Unione Sovietica, 
l’industria leggera, considerata, non a torto, fondamentale per l’instaurazione di politiche 
sociali efficaci e per il miglioramento della qualità di vita. 
  Il processo messo in moto, già di difficoltosa messa in opera, subì un colpo inaspettato 
nella notte del 26 aprile 1986: a Čornobyl’, una località a circa cento chilometri da Kiev, il 
quarto reattore della locale centrale nucleare andò in avaria a causa di un’incredibile serie 
di errori umani e di una tecnologia oramai obsoleta. A distanza di oltre vent’anni, l’impatto 
dell’evento in numero di vittime non è ancora chiaro; i dati più attendibili e recenti parlano 
di 56 morti dirette e di 9100 indirette, causate da varie tipologie di tumori legati 
all’esposizione alle radiazioni
15
. L’incidente rappresentò un ingente passo falso per 
Gorbačëv, che vedeva per la prima volta in crisi anche la sua reputazione all’estero. Da un 
                                                 
  
14
 Per approfondimenti si consigliano: J.L. Gaddis, The Cold War: A New History, Penguin Books, 2005; W. 
LaFeber, America, Russia and the Cold War, 1945-2002, McGraw-Hill, 2002; V. Zubok, The Soviet Union in 
The Cold War from Stalin to Gorbachev, University of North Carolina Press, 2007; G. Mitchell, The Iron 
Curtain: The Cold War in         Europe, Arbitrary Borders, 2004; N. Friedman, The Fifty Year War: Conflict 
and Strategy in the Cold War, Naval Institute Press, 2007; J. Haslam, Russia's Cold War: From the October 
Revolution to the Fall of the Wall, Yale University Press, 2011. 
  
15
 Čornobyl’ Forum (2005), Organizzazione mondiale della sanità ed Agenzia internazionale per l’energia 
nucleare.

Preview dalla tesi:

La nuova Russia e la politica di neoegemonia all'interno della CSI

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabrizio Barbon Di Marco
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze internazionali e diplomatiche
  Relatore: Cesare La Mantia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

urss
putin
csi
perestrojka
gorbacev
el'cin

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi