Skip to content

La persistenza di una società arretrata. Analisi e attualità dell'opera di E. C. Banfield

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: La persistenza di una società arretrata. Analisi e attualità dell'opera di E. C. Banfield, Pagina 7
6 
benché di parte, deve essere considerato valido anche in relazione agli anni degli studi e 
della formazione di Banfield. 
Nelle vesti di docente egli ha formato numerosi studenti, fra i quali James Q. Wilson, 
che gli è subentrato ad Harvard, e Cristopher De Muth, presidente dell‟American 
Enterprise Institute in Washington. 
Il politologo fu uno dei leader intellettuali dell‟Harvard – Massachussets Institutes of 
Tecnology Joint Center for Urban Studies negli anni „60 e ‟70, quando i problemi delle 
città erano rilevanti sull‟agenda politica nazionale. Negli stessi anni Banfield resse per un 
certo tempo la Henry Lee Shattuck Chair in Government ad Harvard. 
I. 5. La ricerca in Italia 
Quando Laura ed Edward soggiornarono in un piccolo comune dell‟Italia 
Meridionale, lo fecero nell‟arco di circa nove mesi, a cavallo tra il 1954 ed il 1955.  Da 
questo viaggio scaturì l‟opera più importante di E. C. Banfield: “The moral basis of a 
backward society” (“Le basi morali di una società arretrata”). Laura contribuì a tale 
impegno: la donna, dalle chiare origini italiane, aveva acquisito padronanza della nostra 
lingua e si prestò ad intrattenere relazioni interpersonali e a sottoporre, con l‟assistenza di 
uno studente, gli abitanti di Chiaromonte (questo il nome della piccola, isolata e povera 
località in provincia di Potenza, nella Basilicata) ad interviste e test utili ai fini della 
ricerca.  
La signora Fasano Banfield, a riprova della qualità del suo italiano, cooperò 
successivamente con Harvey Mansfield per una traduzione, per gli Stati Uniti, delle 
“Istorie fiorentine” di Niccolò Macchiavelli.  
La “backward society”, a cui si riferisce il titolo del libro di Banfield, trova in 
Chiaromonte, mascherata dall‟autore con il fittizio nome di Montegrano, un modello tipico 
d‟arretratezza. Nell‟indagine dei coniugi si evidenziano l‟incapacità politica, la struttura 
economica, i rapporti di classe e, soprattutto, il sostrato culturale caratteristico dei 
“montegranesi”: un “ethos”, nelle parole del politologo, denominato “familismo amorale”. 
Per descrivere le peculiari caratteristiche dell‟ethos familista, Banfield dedica un intero 
capitolo del libro a quella che egli chiama “Un‟ipotesi predittiva”
8
. In diciassette punti 
riassume le convinzioni ed i comportamenti che un “familista amorale” adotta in diverse 
circostanze, sostenendo che la presenza contemporanea di ogni parametro descritto su 
ciascun cittadino è l‟unica condizione per definire “familista amorale” qualsiasi società. 
                                                 
8
 E.C. Banfield, Le basi morali di una società arretrata, il Mulino, Bologna, 2010 (cap. quinto pp. 101-118)

Preview dalla tesi:

La persistenza di una società arretrata. Analisi e attualità dell'opera di E. C. Banfield

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Pierfrancesco Sozzo
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi del Salento
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Valentina Cremonesini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 93

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

chiaromonte
le basi morali di una società arretrata
individualismo
povertà
isolamento
questione meridionale
sociologia
comunità
mezzogiorno
cittadino
società
individuo
meridione
familismo
familismo amorale
etica
morale
sud
miseria
montegrano
etica culturale
società familista
edward c. banfield
postmodernità liquida

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi