Skip to content

La politica europea di liberalizzazione dei servizi economici e la direttiva detta ''Bolkestein''

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: La politica europea di liberalizzazione dei servizi economici e la direttiva detta ''Bolkestein'', Pagina 8
 21 
sostenitori della direttiva fanno valere la tesi secondo la quale i servizi costituiscono 
il 70% del PIL e degli impieghi dell’Unione e che estendendo la liberalizzazione a 
questo settore sarebbero aumentati crescita e occupazione; dall’altro lato, gli avversi 
alla direttiva portano avanti la tesi secondo la quale questa liberalizzazione, subito 
dopo l’allargamento ad est,  avrebbe penalizzato l’ovest, l’occupazione e gli stipendi 
nelle attività di servizi24. 
In seguito all’allargamento ad est dell’Unione, nel maggio del 2004, le 
tensioni in merito alla direttiva si acuiscono: l’elemento di preoccupazione è ora il 
principio del Paese d’origine e il rischio di dumping sociale che esso comporta25-26. 
L’ampio dibattito che ha accompagnato l’elaborazione  della direttiva e l’asprezza 
della discussione, che ha visto impegnate in prima fila le organizzazioni sindacali, è 
dipesa, infatti, dal timore che i contenuti della proposta originaria di direttiva 
potessero produrre effetti di destabilizzazione nei singoli mercati nazionali del 
lavoro. La preoccupazione, in particolare, è legata all’eventualità che, attraverso 
un’applicazione estesa del principio del Paese d’origine, si consentisse ai prestatori 
di servizi di operare in altri Paesi della Comunità e che questi continuassero ad 
applicare le regole più flessibili (ivi comprese quelle in materia di rapporti di lavoro) 
del Paese di provenienza27-28. In realtà, riguardo a ciò, la proposta di direttiva fa 
                                                                                                                                                
avrebbe costituito un passo indietro clamoroso per l’Unione europea e la Romania era in linea con i 
nuovi Stati Membri. . Favorevoli alla Bolkestein erano anche Gran Bretagna ed Irlanda.  
24
 Per un approfondimento circa l’argomento si veda C. SCHWELLNUS, La directive services: une 
analyse économique, in La lettre du C.E.PAGG.I.I., 2006, n. 252, janvier, pagg. 1-4. 
25
 Per un approfondimento sulle principali posizioni e osservazioni degli Stati Membri in seguito alla 
proposta di modifica, ma prima dell’accordo politico si veda la tabella n. 5 in O. DERRUINE, De la 
proposition Bolkestein à la directive service, in Courrier hebdomadaire du CRISP, 2007, n.1962-
1963, pagg. 28 e 29. 
26
 Per un approfondimento sull’argomento si veda M. COLUCCI,  L‟Unione europea in un delicato 
equilibrio fra libertà economiche e diritti sindacali nei casi Laval e Viking: quando il fine non 
giustifica i mezzi, in Diritto delle Relazioni Industriai», numero 1/XVIII – 2008, Milano, Giuffrè 
Editore, pagg. 239-246; 
27
 Infatti, la paura più grande era quella che un’impresa straniera, ed in particolare quelle provenienti 
dai nuovi Paesi membri, potesse sottrarsi alle pratiche, alle autorizzazioni o ai requisiti più severi del 
Paese di destinazione del servizio rispetto a quelli applicati nel proprio Paese, generando cosi, ad 

Preview dalla tesi:

La politica europea di liberalizzazione dei servizi economici e la direttiva detta ''Bolkestein''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Salvatore Bellino
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Alfonso Mattera Ricigliano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 214

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bolkestein
cooperazione amministrativa
direttiva 2006/123/ce
direttiva bolkestein
direttiva servizi
distacco dei lavoratori
imi
libera prestazione dei servizi
liberalizzazione dei servizi
liberalizzazione dei servizi economici
libertà di stabilimento
meccanismo di allerta
mobilità dei pazienti
mutua assistenza
principio del mutuo riconoscimento
principio del paese d'origine
procedure elettroniche
qualità dei servizi
regimi di autorizzazione
semplificazione amministrativa
semplificazione normativa
servizi economici d'interesse generale
sistema d’informazione del mercato interno (imi)
sportello unico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi