Skip to content

La preghiera nel Purgatorio dantesco

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: La preghiera nel Purgatorio dantesco, Pagina 2
1 
INTRODUZIONE 
 
L’idea di questa tesi e il mio interesse per questo argomento nasce alcuni anni fa, durante una 
lezione, mentre il mio Professore, seduto sulla scrivania come sempre amava fare, raccontava con 
enfasi il muoversi delle anime superbe sotto il peso della pietra del peccato recitando all’unisono il 
Padre nostro. Così, mentre la sua voce disegnava nell’aria questo gruppo di anime raccolte insieme 
e unite nella preghiera dalla coralità e dalla fratellanza, io, stupita, non credevo a ciò che sentivo, 
perchØ la storia che lì si stava narrando era la mia storia, era la mia vita. Quel giorno, mentre 
guardavo allibita i versi della Commedia come se li vedessi per la prima volta, essa mi è fiorita tra 
le mani, sbocciando. Appartengo al Cammino Neocatecumenale (un cammino di riscoperta del 
battesimo in seno alla Chiesa Cattolica) e faccio esperienza profonda della preghiera 
quotidianamente. Essa mi appartiene come ci appartiene la voce della mamma: come l’atto fisico 
del respirare, necessario e spesso automatico, tale è per me l’atto del pregare, soprattutto quel 
genere di preghiera interiore, silenziosa, definita preghiera del cuore. Da questa esperienza 
personale parte il mio interesse per questo tema. Ma non solo questo: nel Cammino 
Neocatecumenale viviamo la fede in piccole comunità di persone (non piø di cinquanta, ma 
solitamente molte meno, circa la metà) dove si realizza una forte comunione spirituale data dalla 
liturgia e dalla preghiera in comune. E’ la stessa esperienza che Dante immagina per le anime del 
Purgatorio. 
Ho custodito questi pensieri nel segreto del mio cuore
1
 per alcuni anni, fino a quando ho avuto la 
possibilità di dar loro vita, dandogli un corpo materiale e una base scientifica.  
Lavorare a questa tesi è stata per me un’esperienza meravigliosa. Studiando e leggendo ho scoperto 
che ciò che avevo custodito in me era vero, e si realizzava come io pensavo. Cresciuta dai miei 
genitori a pane e Sacre Scritture, ho scoperto nella Commedia colori e odori che ben conoscevo: 
come la trama di un tappeto sul quale ho giocato fin da bambina seguendone i disegni col dito, così, 
meravigliata, stupita, ho ritrovato gli stessi disegni (lo stesso ordito) intessuti tra le parole di un 
poema scritto da Dante settecento anni fa. La mia personale interpretazione del Purgatorio è che 
esso sia, come tutta la Commedia fin dal primo canto, prima di qualsiasi altra cosa, la trasposizione 
letteraria e allegorica della storia di conversione del suo autore. Ovvero che Dante, qui, in questo 
testo (non negli altri) sia piø cristiano che poeta. Che egli abbia messo la sua poesia al servizio della 
                                                 
1
 Non sono parole mie ma le traggo dall’esempio di Maria la quale da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole 
nel suo cuore (Lc 2, 19). Sua madre serbava tutte queste cose nel suo cuore (Lc 2,51b).
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

La preghiera nel Purgatorio dantesco

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sara Trevisan
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lettere
  Corso: Lettere
  Relatore: Riccardo Drusi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 109

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dante
inni
salmi
preghiera
purgatorio
pater noster

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi