Skip to content

Le dichiarazioni inesatte e reticenti rese all'assicuratore

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Le dichiarazioni inesatte e reticenti rese all'assicuratore, Pagina 8
del contratto di assicurazione contro i danni; infatti, a norma dell’art. 1901 c.c., 
l’assicurazione rimane sospesa fino alle ore 24 del giorno di pagamento
40
. 
Per il pagamento dei premi successivi è concesso al contraente un periodo di 
tolleranza di 15 giorni, durante il quale la garanzia è operante nonostante 
l’inadempimento.
41
Decorso il termine di tolleranza, se il contraente non ha provveduto al pagamento del 
premio, la garanzia resta sospesa 
42
 fino alle ore 24 del giorno di pagamento. Il contratto 
si risolve se, nel termine di sei mesi, l’assicuratore non agisce per la riscossione, fermo 
restando il diritto al premio relativo al periodo di assicurazione in corso.  
Viceversa nelle assicurazioni sulla vita  l’art. 1924 c.c. riconosce la possibilità per il 
contraente, una volta stipulato il contratto, di interrompere il pagamento dei premi. 
Nello specifico, una volta stipulato il contratto, la legge riconosce all’assicuratore il 
diritto di conseguire il premio relativo al primo anno, la riscossione del quale 
rappresenta, in sostanza, per l’impresa di assicurazione  il rimborso delle spese di 
acquisizione del contratto anziché il corrispettivo del rischio. 
Il mancato pagamento dei premi successivi non consente all’assicuratore di agire per 
la riscossione e comporta  la risoluzione del contratto a decorrere dallo scadere del 
termine di tolleranza; i premi già pagati restano acquisiti all’assicuratore, salvo il diritto 
dell’assicurato alla riduzione della somma o al riscatto dell’assicurazione, ove ne 
sussistano le condizioni.
43
  
Sull’assicuratore gravano ugualmente obblighi e oneri, quale l’obbligo di pagare la 
somma assicurata al verificarsi dell’evento previsto nel contratto, una volta che ne sia 
stato informato. 
Tuttavia, perché il debito diventi liquido ed esigibile, non è sufficiente il verificarsi 
del rischio; infatti, oltre alla esistenza dei presupposti o fatti costitutivi,
44
 non devono 
                                                                                                                                               
come quèrable e, cioè, pagabile al domicilio del contraente anziché portable, pagabile al domicilio del 
creditore e, cioè dell’assicuratore. Sulle modalità di riscossione del premio Cfr. anche DE GREGORIO in DE 
GREGORIO-FANELLI, Diritto delle assicurazioni, cit., p.  93. 
40
 DE GREGORIO in DE GREGORIO-FANELLI, op. cit., p. 94 Questa regola si applica solo se le parti non 
hanno stabilito che il contratto di assicurazione sarà considerato concluso solo col pagamento del primo 
premio; in questo caso infatti non c’è sospensione dell’assicurazione, ma inesistenza del contratto. 
L’assicuratore in tale ipotesi  non è obbligato perché la copertura assicurativa non ha neppure iniziato a 
decorrere. 
41
 VOLPE  PUTZOLU, L’ assicurazione, in  Tratt.  dir. priv. diretto da Rescigno, Torino, 1985  p.  85. 
42
 DE GREGORIO in DE GREGORIO-FANELLI, op. cit., p. 95 Per sospensione deve intendersi sospensione 
dell’obbligo di copertura del rischio, cosicché se si verifica  l’evento previsto nella polizza, l’assicuratore 
non è tenuto alla sua prestazione senza che ciò giustifichi l’assicurato dal dovere di non adempiere la 
propria.  
43
 DE  GREGORIO in DE GREGORIO-FANELLI, op.  cit., p. 211 dove si precisa che le polizze prevedono una 
disciplina tendenzialmente favorevole alla conclusione del contratto, è prevista infatti la possibilità o 
meglio il diritto dell’assicurato di riattivare il contratto anche dopo la scadenza del termine di tolleranza,  
a condizione però che il premio o i premi insoluti vengano corrisposti entro un certo termine. Ma Cfr. 
anche p. 102 dove si chiarisce che gli obblighi ed oneri a  carico del contraente o dell’assicurato non si 
esauriscono  nel solo pagamento del premio (nota 27). Numerosi sono gli ulteriori oneri, tra i quali: 
comunicare la cessazione del rischio dopo la conclusione del contratto, (art. 1896) senza la quale il 
contraente deve continuare a pagare i premi convenuti; l’onere di disdire il contratto prima della scadenza 
per evitare la proroga tacita (art. 1899) senza la quale questa non viene evitata; l’onere di dare avviso 
della esistenza di tutte le assicurazioni, (nel caso di assicurazioni contratte separatamente presso diversi 
assicuratori), a ciascun assicuratore e quello di ripetere l’avviso a tutti in caso di sinistro (art. 1910 c.c.); 
l’onere di denunciare il sinistro (art. 1913 c.c.); l’onere di salvataggio ( art. 1914 e art. 1915 c.c.); l’onere 
di comunicare all’assicuratore l’avvenuta alienazione e all’acquirente l’esistenza del contratto di 
assicurazione per far cessare l’obbligo del pagamento del premio (art. 1919 c.c.). 
44
 Cfr. GASPERONI, Contratto di assicurazione, (in generale), op. cit., p. 607 che, tra i fatti costitutivi,  
indica l’esistenza di un valido contratto e il verificarsi dell’evento in esso previsto, mentre tra i fatti 
impeditivi  menziona l’inosservanza degli oneri relativi al sinistro.  
 11

Preview dalla tesi:

Le dichiarazioni inesatte e reticenti rese all'assicuratore

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Piergiacomo Gambella
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Paoloefisio Corrias
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 83

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

annullamento
art. 1892 c.c.
art. 1893 c.c.
art. 429 codice di commercio
assicurato
assicuratore
assicurazioni
cass. 11206/1990
codice assicurazioni private
colpa lieve
contratto
d.lgs. 209/2005
dolo colpa grave
inesattezze e reticenze
intermediari di assicurazione
obblighi di informazione
polizze inex linked
polizze united linked
recesso
tesi
trasparenza assicurativa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi