Skip to content

Le Nazioni Unite e la guerra Iran-Iraq

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Le Nazioni Unite e la guerra Iran-Iraq , Pagina 5
7 
 
Teheran smentisce solo l‟ultima parte dell‟affermazione e dichiara che questa zona 
spetta all‟Iran in base all‟accordo di Algeri del 1975
1
.  
Lo stesso scarso rilievo viene dato al fatto che i giornali iracheni  del 13 
settembre pubblicano in prima pagina fotografie di missili utilizzati contro l‟Iran. Non 
si dà troppo peso all‟Iran che annuncia, il 14 settembre, la morte di 100 iracheni, né 
all‟Iraq che conta 50 iraniani uccisi e più di 300 feriti tra il 10 e il 15 settembre. Si 
perde tra le righe la notizia che l‟Iran afferma di aver abbattuto un Mig iracheno, 
mentre Baghdad sostiene di aver distrutto due Phantom, tre carri armati e vari 
autoveicoli iraniani nel corso di una penetrazione di alcuni km in territorio iraniano. 
Persino il riconoscimento da parte di Teheran della perdita di una porzione di 
territorio provoca scarsa impressione, e poca risonanza ha l‟appello del segretario 
della Lega Araba, che da Tunisi giudica “preoccupante” il conflitto e lancia un 
appello in favore del “regolamento politico dei problemi”
2
. 
Il 17 settembre 1980, l‟Iraq denuncia l‟accordo di riconciliazione concluso 
con l‟Iran nel 1975, dall‟allora vice Presidente Saddam Hussein e dallo Shah, e ci si 
accorge che quei combattimenti lungo la frontiera non sono incidenti qualsiasi.  
Infatti con l‟accordo in  questione, lo Shatt al-Arab è diviso con una linea 
mediana in due parti eguali attribuite ai due paesi, lasciando all‟Iran la sponda est 
dove si trova l‟enorme complesso petrolifero di Abadan e il porto commerciale di 
Khorramchar; in una seconda serie di disposizioni si delimita definitivamente la 
lunga frontiera terrestre; con una terza intesa Teheran si impegna a cessare di 
sostenere i curdi iracheni; in un quarto punto Baghdad rinuncia alla richiesta di 
evacuazione delle tre isole situate negli stretti di Hormuz (Piccola Tumb, Grande 
Tumb, Abou-Moussa) occupate nel 1971 dalla marina imperiale dello Shah
3
. 
La denuncia dell‟Accordo di Algeri del 1975, che Saddam Hussein comunica 
durante un discorso radio-televisivo, riapre un vecchio contenzioso e il significato 
dei combattimenti viene chiarito dallo stesso Raìs: “L‟Iraq non ha intenzione di 
scatenare una guerra contro l‟Iran, ma intende difendere il territorio nazionale e i 
suoi diritti legittimi. Perciò abbiamo preso la decisione  di recuperare con la forza i 
nostri territori. Le acque dello Shatt al-Arab devono ritrovare il loro vecchio statuto 
iracheno ed arabo ed essere interamente poste sotto sovranità irachena”. Davanti 
alla teoria della sovranità irachena imposta a una zona di frontiera (il Khuzistan, che 
                                                           
1
 A. CAVALLARI, Iran-Irak: La guerra prototipo, “Affari Esteri”, XII, 1980,48, pp. 423-424. 
2
 Ivi, p. 424-425. 
3
 V. STRIKA, La guerra Iran-Iraq e la guerra del Golfo, Napoli, Liguori Editore, 1993, p. 36
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Le Nazioni Unite e la guerra Iran-Iraq

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Vincenzo Macirella
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Luciano Tosi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 153

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

petrolio
iran
nazioni unite
onu
guerra fredda
iraq
saddam hussein
khomeini
guerra iran-iraq
irak
iran-contras
irangate
iran-irak war
rivoluzione khomeinista
sciiti-sunniti
shatt al-arab
paralisi onu
jolly rubino
perez de cuellar
guerra dimenticata
rivoluzione iraniana
repubblica islamica d'iran
r/598
uniimog

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi