Skip to content

Legge morale ed obbligazione morale - L'approccio fenomenologico in Giuseppe Angelini

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Legge morale ed obbligazione morale - L'approccio fenomenologico in Giuseppe Angelini, Pagina 4
IL PROBLEMA MORALE 
4 
quell’esperienza storica9. Considereremo tale esperienza storica come punto d’arrivo 
dell’epoca premoderna, la sua dissoluzione come punto di partenza di quella moderna. 
1.1.1 Epoca premoderna 
Per l’etica greca antica, così come emerge dai poemi e dalle tragedie, il problema 
morale era costituito dalla felicità, dal benessere. Il metodo per raggiungere questo stato 
era l’appartenenza ad un dato ambiente, familiare ed educativo, che permettesse di 
acquisire la virtù (intesa in senso unitario). La condizione virtuosa era considerata non 
trasmissibile, quasi appartenente alla dotazione iniziale del soggetto. Dunque, in un 
certo senso, innata. Essa si sviluppa nella paideia10, un linguaggio condiviso a livello 
comunitario, ethos comune grazie al quale il soggetto sviluppa l’appartenenza 
consapevole alla comunità, il senso di identità; le scelte di valore cui tale ethos abilita 
rendono il soggetto libero, cioè capace di realizzare la propria identità, nella sua 
comunità11. La virtù diventa presto virtù politica, e l’uomo virtuoso tale se contribuisce 
al bene della polis cui appartiene. In questo senso la virtù viene insegnata in termini di 
conoscenza critica, confrontabile e trasmissibile, grazie al riferimento da un lato a dei 
principi primi, universalmente intuibili e verificabili, evidenti di per sé perché rilevati 
dalla natura (si configurano come certezze soggettive incrollabili), dall’altro al 
ragionamento; nascono le scuole ove insegnano i sofisti: tra essi anche Socrate, il cui 
metodo maieutico tendeva a ricollocare le verità e virtù già presenti nel soggetto in un 
                                                 
9
 Cfr. A. BONANDI, Il difficile rinnovamento, p. 291, e nota 25 p. 9. 
10
 Il riferimento è a M. CACCIARI, Gli intellettuali (cfr. S. ZACCHI, La riforma della scuola (1)). 
11
 L’identità del singolo, cioè la percezione che egli ha del proprio valore, dipende dalla sua esperienza 
immediata e globale dell’ethos vissuto trasmesso di generazione in generazione; esso è configurato dai 
rapporti umani vissuti attraverso linguaggi, istituzioni e regole. Come condizione della coscienza di sé, 
dunque, la società concorre alla strutturazione delle evidenze fondamentali del vivere; tra queste rientrano 
quelle morali. Il riconoscimento del legame originario dell’io alla società esibisce allora un contenuto 
della coscienza, e ciò permette di comprendere la vita sociale come luogo non di dati ma di significati, 
non di oggetti ma di azioni. Così è proprio a partire dalla società, più che astraendosi da essa come esito 
della sua negazione o del suo superamento, che è possibile porre la questione del bene o del giusto da 
compiere, perché è al suo interno che è resa possibile e configurata la grammatica essenziale del vivere 
bene, anzi la stessa domanda sul bene comune e sociale. Ciò che inizialmente si nomina come società è in 
realtà istituito dalla simbiosi di ethos storicamente determinato, coscienza individuale e domanda di 
giustizia. La paideia dunque non assume la forma dell’adattamento alla comunità del singolo pensato 
come se fosse isolato, del suo inserimento in essa attraverso delle appartenenze che gli consentono di 
apprezzare il proprio valore, la propria identità; la paideia mira invece a rendere percepibili le evidenze 
per cui vale la pena impegnare la propria libertà in una delle forme proposte dall’ethos sociale. 
L’atteggiamento critico che essa propizia ci sembra l’unico antidoto alla concezione contrattualistica del 
debito (dovere) morale, cioè alla sua riduzione a quanto è esigito, perché ad esso funzionale, dal sistema 
sociale oggettivisticamente considerato (cfr. A. BONANDI, Teoria sociale. Punto 1: La società come 
condizione – Ethos e morale). 
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Legge morale ed obbligazione morale - L'approccio fenomenologico in Giuseppe Angelini

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Simone Zacchi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Pontificio Ateneo Antoniano - studio teologico interprovinciale S. Bernard
  Facoltà: Teologia
  Corso: Teologia
  Relatore: Alberto Bonandi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

etica
fenomenologia
filosofia
legge morale
obbligazione morale
teologia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi