Skip to content

Legge morale ed obbligazione morale - L'approccio fenomenologico in Giuseppe Angelini

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Legge morale ed obbligazione morale - L'approccio fenomenologico in Giuseppe Angelini, Pagina 6
IL PROBLEMA MORALE 
6 
più l’integrazione nella comunità, ma il dominio della realtà ottenuto preservando la 
vita, intesa in senso soggettivo e dunque a prescindere dal nesso con la comunità, 
dall’irrazionalità di passioni, emozioni, desideri16. Infatti il bene da realizzare non è più 
quello della polis, preminente (per Platone) o comunque corrispondente (per Aristotele) 
al bene dei singoli cittadini. Anzi: in un contesto diverso da quello delle città-stato 
greche, caratterizzate da sistemi partecipativi, l’iniziazione ad un ethos condiviso viene 
vista come asservimento alla polis, la trasmissione di un principio di identità come 
prevaricazione17. I sistemi etici che si sviluppano considerano il soggetto non più dal 
punto di vista della collettività cui appartiene, ma della sua individualità. In altri 
termini18, se fino al III sec. a. C. in Grecia l’armonia e l’ordine che che potevano 
sottrarre la vita individuale al caso e al caos erano ricercati attraverso la mediazione 
della saggezza civile, i sistemi etici che si affermano nel periodo abbandonano la 
speranza che una qualche sapienza possa fare da istanza unificatrice del reale, 
limitandosi così alla soddisfazione dei soli bisogni fondamentali, essendo ogni altra 
esperienza, compreso il piacere, fumo (cinici); alla tranquillità dell’animo attraverso 
una vita sobria, con poche cose, per evitare che il piacere di perseguire un fine degno, il 
bene morale, sia divorato da desideri divenuti insaziabili (epicureismo)19; o ancora alla 
accettazione come unico criterio di verità, stante l’inattendibilità di ogni altra 
conoscenza, del sentire individuale momentaneo (lo scettico sospende ogni giudizio per 
liberarsi dalla vanità delle opinioni del suo ambiente attraverso l’epoché). Unico 
sistema etico che non rinuncia a ricercare un senso ed una verità nella totalità di quanto 
accade nel mondo umano, e nella realtà in generale, è lo stoicismo20, che indica la via 
                                                                                                                                               
questo l’educazione puntava non alla ripetizione ma alla criticità (con riferimento a M. CACCIARI, Gli 
intellettuali, cfr. S. ZACCHI, La riforma della scuola (1)).  
16
 Il razionalismo greco fu, fin da Socrate, sospettoso di tutto ciò che non aveva misura e forma delimitata 
agli occhi della ragione. Sulla scorta di esso, la tradizione teologica egemone di fatto irrigidì il dualismo 
di carne e spirito, di passione e ragione. Così ratio e sensus, e quindi appetitus rationis (voluntas) e 
appetitus sensitivus, sono considerati rigidamente separati. Ne consegue il primato della ratio 
sull’appetitus sensitivus (primato politico, non dispotico, come lo qualifica S. Tommaso al seguito di 
Aristotele), e la natura razionale della legge naturalie o legge morale. La dissociazione e il conseguente 
rapporto gerarchico conducono alla pratica sottrazione di ogni valore assiologico all’appetitus sensitivus: 
ogni inclinazione umana non in grado di mostrare la sua “razionalità” (cioè la sua corrispondenza al fine 
costituito dal bene comune – l’etica greca è tutta etica politica), è dequalificata allo stadio di appetitus 
sensitivus, ossia istinto irrazionale scaturente da un bisogno cieco, inattendibile sotto il profilo etico (cfr. 
G. ANGELINI, Il senso, pp. 412-413). 
17
 Il riferimento è a G. ANGELINI, discussione (cfr. S. ZACCHI, La riforma della scuola (2)). 
18
 Con riguardo ai sistemi etici di seguito presentati il riferimento è a A. BONORA, Qohelet, pp. 44-46. 
19
 Non sfugga la contiguità di questa proposta etica con quella del Buddhismo. 
20
 Cfr. G. ANGELINI, Teologia, pp.63-64. 
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Legge morale ed obbligazione morale - L'approccio fenomenologico in Giuseppe Angelini

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Simone Zacchi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Pontificio Ateneo Antoniano - studio teologico interprovinciale S. Bernard
  Facoltà: Teologia
  Corso: Teologia
  Relatore: Alberto Bonandi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

etica
fenomenologia
filosofia
legge morale
obbligazione morale
teologia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi