Skip to content

Lo psicodramma classico: esercizio di creatività e di incontro con l'altro per la crescita personale

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Lo psicodramma classico: esercizio di creatività e di incontro con l'altro per la crescita personale, Pagina 6
6 
ragionevoli che può ancora salvarsi, si accetta il suo delirio: gli si fa apparire un angelo vestito di 
bianco, con una spada in mano, che dopo una severa esortazione gli annuncia che i suoi peccati gli 
sono perdonati
13
 
 
Il seguente caso è, forse, ancora più esemplificativo: 
 
un gruppo di persone che si erano rese pallide e si erano vestite come dei morti, entrano nella sua 
camera, preparano una tavola, fan portare i piatti e si mettono  a mangiare e bere davanti al letto. Il 
morto, affamato, guarda; ci si stupisce che resti a letto; lo convincono che i morti mangiano proprio 
come i vivi. Egli si adatta molto volentieri a questa usanza
14
. 
  
Questo è dunque un procedimento con cui non si tratta semplicemente di continuare 
il delirio, ma di continuarlo per portarlo a termine, introducendovi, a tale scopo, degli 
elementi che lo conducano inevitabilmente alla crisi e quindi alla risoluzione, ossia è un 
procedimento con cui:  
 
Senza urto né rottura la realtà può continuare il sogno, colmarne le lacune, confermarlo nella sua 
precarietà e portarlo a conclusione.
15
 
 
Le analogie esistenti tra la tecnica della realizzazione teatrale del delirio e i 
procedimenti propri dello psicodramma sono evidenti.  
Innanzitutto, vediamo che, come accade in psicodramma, anche con la tecnica della 
realizzazione del delirio si ha per prima cosa ciò che qui definiamo come  “l’apparente 
accettazione del mondo psicotico”, con cui il medico evita di approcciarsi al malato 
partendo da un’imposizione della propria realtà e lascia invece che questo sia 
inizialmente libero di manifestare la sua visione del mondo, ma, proprio come lo 
psicodrammatista attuale, chiedendo ai propri collaboratori di assumere un 
comportamento adeguato a quest’ultima, in modo da farla diventare “realtà concreta”. 
Poi, sempre coadiuvato dai suoi collaboratori, introduce in questa realtà degli elementi 
nuovi, che inducano il paziente a modificare le proprie percezioni in maniera più 
adeguata alla realtà oggettiva. Del resto, tra le due tecniche ci sono anche importanti 
differenze. Tra esse, il fatto che, ogni qual volta sia possibile, con lo psicodramma si fa 
in modo di rendere il paziente consapevole del fatto che quella che sta esprimendo non è 
la realtà oggettiva ma la propria soggettività, in una condizione di messa in scena e 
dunque di semirealtà
16
, mentre nella realizzazione teatrale del delirio il paziente ignora 
di trovarsi in tale condizione e dunque crede che tutto stia accadendo sul serio. Ma 
soprattutto è da tenere presente che in realtà la tecnica della realizzazione teatrale del 
delirio non era affatto considerata un trattamento di tipo psicologico, così come a noi 
sembrerebbe e così come è considerato lo psicodramma. Infatti, nel mondo medico il 
concetto di trattamento psicologico della malattia mentale fa la sua comparsa solo alla 
fine del Settecento, con l’affermarsi della concezione della malattia mentale come colpa 
morale e quindi con l’affermarsi dell’idea che il malato di mente sia responsabile del 
suo stato e dunque da punire e rieducare, in maniera da riportarlo sulla retta via, che ha 
come conseguenza la messa a punto, a cura del medico francese Pinel, operante prima a 
Bicêtre e poi  alla Salpêtrière
17
, dello strumento adatto a ciò e di cui si è brevemente 
                                                 
13
 FOUCAULT  M. (19..),cit., p. 274. 
14
 HULSHORFF, Discours sur les penchants, cit. in FOUCAULT  M. (19..),cit., p. 275. 
15
 Ibidem, p.274. 
16
 Cfr. infra, p. 57.  
17
 L’ospedale di Bicêtre viene fondato nel 1632 da Luigi XIII, allo scopo di accogliere e curare i feriti 
militari. In seguito fu annesso all’Ospedale generale e usato contemporaneamente come ospizio e 
prigione in cui venivano destinati alienati, vagabondi ed ergastolani. La Salpêtrière nasce invece a Parigi 
nel 1656 come luogo d’internamento per donne che potevano costituire un pericolo per  il mantenimento 
dell’ordine sociale e morale. Dunque in tale luogo vi erano recluse non solo donne affette da patologie

Preview dalla tesi:

Lo psicodramma classico: esercizio di creatività e di incontro con l'altro per la crescita personale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maria Cristina Cois
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Vincenzo Bongiorno
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 110

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

catarsi
creatività
empatia
formazione
handicap
moreno
play back
psicodramma
ruolo
schutzenberger
semirealtà
sociodramma
sociometria
spontaneità
stanislavskij
tele+
theatre
transfert
triadico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi