Skip to content

Memoria musicale e malattia di Alzheimer

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Memoria musicale e malattia di Alzheimer, Pagina 9
1.3 
Identità sonora culturale, forte elemento evocativo 
14
‘identità sonora culturale, l’ISO culturale o gruppale benenzoniano è un 
elemento importantissimo su cui impostare un percorso musicoterapico. L’ISO 
Lculturale è il risultato delle identità sonore che hanno un’origine culturale 
comune e costituisce l’identità sonora di un gruppo o di un popolo. 
La musica contiene una dimensione sociale molto forte e aggregante e ha 
accompagnato significativamente le generazioni; naturalmente il modo di fruizione è 
molto cambiato nello svolgersi storico; gli anziani di oggi ricorderanno soprattutto 
canzoni ascoltate alla radio che “teneva compagnia” ma non era un “passatempo”. 
Indipendentemente dalle qualità estetiche di melodie e testi le musiche “in voga”, 
come si diceva un tempo, hanno accompagnato la vita di milioni di persone; inoltre le 
musiche di un determinato contesto storico culturale e sociale di varia provenienza 
geografica hanno ulteriormente contraddistinto l’identità sonora degli individui. 
Alcune arie d’opera sono particolarmente amate e ricordate da una vasta fascia di 
persone oggi anziane. Per loro, assistere alla rappresentazione di un’opera lirica era 
veramente un evento eccezionale, un sogno che avrebbe spezzato felicemente una 
quotidianità spesso molto difficile. 
Tutto ciò che immagazziniamo nella nostra memoria ha in sé una motivazione affettiva 
nella sua ragione d’essere. La motivazione è sentimento e l’analogia con le canzoni 
appare evidente se volgarmente si chiamano “motivi”. 
Il canto popolare d’altra parte testimonia il modo di pensare e di sentire di un popolo, 
ne documenta la sua storia e con i canti religiosi e quelli delle feste patronali, ne 
testimonia la fede. 
“ *…+sarebbe affascinante studiare l’influenza della musica sullo sviluppo della 
religione. Non possiamo infatti dubitare che questa, la più intima e la più emozionante 
di tutte le arti, abbia molto contribuito a creare, oltre che ad esprimere, i sentimenti 
religiosi, modificando così, più o meno profondamente, quella struttura di fede della 
quale, a prima vista, sembra solo l’ancella. Come il profeta e il pensatore, anche il 
musicista ha contribuito a creare la religione. Ogni fede ha una sua musica; e la 
differenza fra le varie religioni potrebbe quasi trovare la sua espressione sul 
pentagramma. Per esempio l’intervallo che intercorre fra le scatenate orge di Cibele e 
il rituale ieratico della Chiesa cattolica, si misura con l’abisso che separa il dissonante 
clangore di cembali e tamburelli dalle maestose e composte armonie di Palestrina e di 
15
Haendel. Uno spirito diverso alita nelle diverse musiche.” 
Certi suoni espressi in alcune combinazioni possono avere per ciascuno di noi un 
potere evocativo che va ben oltre il significato loro intrinseco, raggiungono la nostra 
parte più primordiale e ampliano i nostri istinti. Il potere evocativo non fa rivivere un 
episodio passato, ma lo ricrea continuamente in relazione alle esperienze personali, al 
14
 R.BENENZON, Manuale di Musicoterapia, Borla, Roma, 2005, p.46 
15
 J.G. FRAZER, Il ramo d’oro, Newton & Compton Editori, Roma, 2006, p. 382 
16 
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Memoria musicale e malattia di Alzheimer

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giovanna Dellacasagrande
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Musicoterapia
Anno: 2010
Docente/Relatore: Alfredo Raglio
Istituito da: Casa della Musica - Genova
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 114

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi