Skip to content

Mercosur: integrazione dei paesi sudamericani e il rapporto privilegiato con l'Europa

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Mercosur: integrazione dei paesi sudamericani e il rapporto privilegiato con l'Europa, Pagina 3
 1 IL MERCATO COMUNE DEL SUD, ORIGINI E FUNZIONAMENTO
Il 26 marzo del 1991, la Repubblica Argentina, la Repubblica federale del Brasile, la Repubblica del 
Paraguay e la Repubblica Orientale dell’Uruguay firmano ad Asunción, nel Paraguay, il Trattato di 
Asunción per la costituzione di un mercato comune, culmine di un lungo e complesso processo di 
avvicinamento e integrazione fra i quattro paesi.
Si è trattato di un risultato importantissimo, e alla luce dei primi tredici anni di vita si può affermare 
che  sia  il  progetto  di  integrazione  più  riuscito  dell’intera  area  latinoamericana,  sia  per  motivi 
economici, sia per le prospettive di una sempre più stretta cooperazione politica fra i paesi membri, 
sia,  infine,  per  l’influenza  che  i  successi  o  gli  arretramenti  di  questo  processo  possono  avere 
sull’intera regione.
1.1.Il processo di integrazione latinoamericana dal secondo dopoguerra ad oggi
 1.1.1 Il XIX secolo. L’indipendenza e i primi tentativi di integrazione: Bolivarismo e 
Monroismo
Il Mercosur non è però né il primo né più ambizioso progetto di integrazione. Il secondo dopoguerra 
è costellato di innumerevoli tentativi in questo senso, iniziative a volte spontanee ma più sovente 
guidate o proposte dalle Nazioni Unite, attraverso i suoi organismi specializzati.
Ma l’origine di questa volontà di ricostruire l’unità latinoamericana è più antica, e sebbene ci si 
voglia qui limitare ad una rassegna degli eventi più importanti degli ultimi sessant’anni, non si può 
omettere un breve riferimento al più importante, e forse utopistico tentativo di unificazione, quello 
ispirato da Simón Bolívar, e che ebbe come momento culminante il Congreso de Panamá del 1826 
(e, in minor misura, i successivi tre congressi: quello di Lima, nel 1847, conosciuto come il “Primo 
Congrsso  Internazionale  Americano”;  quello  di  Santiago  de  Chile,  nel  1856,  noto  come  il 
“Congresso  Continentale”;  e  infine  il  “Secondo  Congresso  Internazionale  Americano”,  che  si 
celebrò a  Lima nel  1865)1.  L’obiettivo principale  perseguito  da  Bolívar  era  la  creazione di  un 
sistema  difensivo  comune  dell’intero  continente  americano,  che  preservasse  i  giovani  stati 
latinoamericani dalle mire colonizzatrici europee, minacce provenienti allora soprattutto da Spagna 
e Gran Bretagna2. Peraltro il processo di indipendenza non si era ancora concluso, e diversi stati 
latinoamericani si trovavano sotto il dominio di potenze straniere (fra gli altri ricordiamo Cuba e 
Porto Rico,  colonie spagnole,  per le quali  gli  Stati  Uniti  si  rifiutarono, negli anni ’20 del XIX 
secolo, di appoggiarne l’indipendenza, chiesta con forza da Bolívar). Fra il 1810 e il 1830 ci fu 
infatti la prima fase del processo d’indipendenza3, che portò alla creazione delle repubbliche del 
Venezuela (1811), Messico (1815), Provincias Unidas de América Central Independientes (1823)4, 
Brasile (1823), Perù (1824) e Bolivia (1825)5. Come osserva giustamente Skidmore, i movimenti 
indipendentisti che animarono questo periodo, e in generale tutti quelli che seguirono, dovettero le 
loro  fortune  principalmente  ad  importanti  avvenimenti  nella  situazione  politica  delle  potenze 
1 Abinzano, Mercosur. Un modelo de integración, Editorial Universitaria, Posadas – Misiones, 1993
2 Abinzano, Mercosur… op. cit.
3 Skidmore, Thomas E.,  Historia Contemporánea de América Latina: América Latina en el  Siglo XX/Thomas E.  
Skidmore, Peter H. Smith, Barcelona, Crítica, 1996
4 Le  Provincias Unidas de América Central Independientes comprendevano gli attuali Guatemala, Costa Rica, El 
Salvador, Honduras e Nicaragua.
5 Lo stesso Bolívar aveva partecipato alla guerra contro le truppe spagnole. Fallì però il suo progetto di creare uno 
stato più grande, l’Alto Perú, costituito dal Perù e dalla Bolivia. La Bolivia divenne invece uno stato autonomo, e i 
suoi dirigenti decisero di darle questo nome in onore del grande patriota, che venne anche nominato presidente a 
vita.
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Mercosur: integrazione dei paesi sudamericani e il rapporto privilegiato con l'Europa

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Claudia Firino
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Sassari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Luigi Bua
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 105

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi