Skip to content

Pasolini legge Dostoevskij - Le recensioni a ''Delitto e castigo'' e ''I fratelli Karamazov''

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Pasolini legge Dostoevskij - Le recensioni a ''Delitto e castigo'' e ''I fratelli Karamazov'', Pagina 5
PASOLINI LEGGE DOSTOEVSKIJ 
Forte di un carisma già notevole, induce i suoi compagni alla lettura del 
Circolo Pickwick, di Taras Bulba, dell’Idiota, nonché alla scoperta del cinema 
di John Ford. La sua formazione intellettuale avviene sulle bancarelle di libri 
usati sotto Il portico della morte, luogo che rappresentò la cultura in quegli 
anni per il giovane Pier Paolo, e che darà poi il nome a una raccolta di scritti 
inediti, saggi e recensioni, non entrati in Passione e ideologia o che furono 
pubblicati dopo, tra il 1958 e il 1971. “Il portico della morte è il più bel ricordo 
di Bologna. Mi ricorda L‟Idiota di Dostoevskij, mi ricorda il Macbeth di 
Shakespeare, mi ricorda i primi libri”, scriverà nel ’54 a Franco Farolfi, “[…] 
9
siamo rimasti quei due adolescenti che parlavano per ore dell‟Idiota” . 
A diciassette anni si iscrive all’Università di Bologna, presso la facoltà di 
Lettere. Sono questi gli anni in cui si sviluppano i primi grandi incontri, quelli 
con Roberto Longhi e con Francesco Arcangeli, questi gli anni in cui iniziano 
le prime avventure critiche. 
Si tratta di una rivista, “Eredi”, che Pasolini fonda con alcuni sui amici 
universitari (Francesco Leonetti, Roberto Roversi, Luciano Serra) nel 1941. 
La rivista si pone come terreno per dibattiti sui classici (Foscolo, Petrarca, 
Leopardi), sulla pittura e sui narratori contemporanei (Romano Bilenchi, 
Carlo Emilio Gadda, Tommaso Landolfi) e diventa subito un trampolino di 
lancio per lo scrittore. Dopo pochi numeri però i giovani studenti si trovano 
costretti a dover chiudere a causa delle disposizioni ministeriali sul consumo 
della carta. 
Poco dopo si ritrova Pasolini ancora impegnato in un’altra rivista, “Il 
Setaccio”, di cui diventa vice consulente. “Il Setaccio” si presenta come un 
manifesto della nuova cultura, desideroso di occuparsi di tutte le forme 
d’arte, dal cinema al teatro, dalla letteratura alla pittura. Anche questa 
esperienza si concluderà nel giro di un anno. 
In quel periodo Pasolini scrive poesie in dialetto friulano e in lingua 
italiana, e nel 1942 appare il suo primo volumetto, Poesie a Casarsa. Negli 
ultimi anni di guerra infatti Pasolini torna nella sua amata terra friulana e qui i 
suoi interessi letterari si concretizzano in un’altra rivista, “Stroligut”. Pier 
Paolo diventa l’anima di un gruppo di giovani, tra cui il cugino Nico Naldini e 
Tonuti Spagnol, che vogliono fare “cultura” e si definiscono d’”avanguardia”. 
9
 P.P. Pasolini, Lettere 1940-1954, a cura di Nico Naldini, Torino, Einaudi, 1988, vol. 1, p. 655 
7 
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Pasolini legge Dostoevskij - Le recensioni a ''Delitto e castigo'' e ''I fratelli Karamazov''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Federica Albertin
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Damiano Rebecchini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 55

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

delitto e castigo
descrizioni di descrizioni
dostoevskij
i fratelli karamazov
letteratura russa
letterature comparate
pasolini
pasolini dostoevskij

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi