Skip to content

Processi decisionali e movimenti di protesta tra scienza e politica. Una comparazione tra Italia e Francia sul caso alta velocità

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 democraticità nella costruzione dei dati stessi [Sclavi 2003]. Ossia sulla partecipazione paritaria dei cit- tadini, che andrebbero coinvolti (non semplicemente perchè stakeholders, portatori di interessi, ma in quanto portatori di conoscenze), a processi deliberativi in cui si costruisce pubblicamente un’“oggettività di giudizio” comune, non fondata su dati oggettivi ma aperta a revisioni e conflitti (deli- berative social inquiry) [Fisch er 20 03, 2 18; Lanz ara 20 05 ]. 1.2 Obiettivi e struttura della ricerca Lo s tudio delle basi informati ve delle poli tiche tecnol ogiche che vengono considerate rilevanti ai fi ni dell’azione, o che vengono al contrario considerate non rilevanti, diventa dunque fondamentale [Pado- van 2011, 15]. Il progetto intende indagare, sulla base di questo quadro interpretativo, come la struttura- zione delle arene decisionali, e nello speci fico l’apertura a soggetti portatori di saperi non speci alistici, possa influire sulla definizione del problema di policy, nel caso politiche tecno-scientifiche altamente conflittuali come quelle ambientali. A questo scopo si mettono a comparazione due casi relativi ai fe- nomeni che si rivelano spesso come i più complessi anche fra i conflitti ambientali, vale a dire quelli di pianificazione e localizzazione di grandi infrastrutture particolarmente impattanti sul territorio quali le tratte ferroviarie ad alta velocità. La scelta è ricaduta sui due casi nazionali, italiano e francese, della progettata linea transfrontaliera Torino-Lione, per gli spunti che essi offrono in termini di rapporto fra saperi, repertori d’azione collettiva, struttura delle arene decisionali, e nel tentativo di fornire una pro- spettiva il più possibile originale e completa su un fenomeno sempre più studiato da diverse angolature, ma su cui non esistono risultati univoci. Più in generale gli obiettivi della ricerca sono legati alla relazione fra saperi e frames diversi che si intrecciano nel processo decisionale, all’organizzazione e al coordinamento dei diversi attori, alle corni- ci cognitive con cui questo processo si costruisce, prende forma e genera significati e senso. Processo che può essere considerato alla s tregua di uno spazio in cui si prendono decisioni su beni comuni, deci- sioni cioè relative a domande concernenti quali risorse utilizzare e quali no, quali informazioni e criteri diventano rilevanti per scegliere e chi li dovrebbe fornire [Jasanoff 1987], in un’arena che comprende una varietà di voci che concorrono a costruire la scelta: non solo quella degli esperti, ma anche quella dei diretti interessati e di altri attori. La ricerca vorrebbe verificare se la formazione delle cornici cogni- tive degli attori sia influenzata dalle pratiche agite all’interno dell’arena decisionale, più ancora che dal- la collocazione sociale pregressa degli attori stessi. L’approccio che si vorrebbe utilizzare intenderebbe dunque dare priorità epistemologica all’azione situata degli attori, piuttosto che agli attori che agiscono sulla base delle loro caratteristiche. Ciò significa definire come gli attori che partecipano al processo ve- dono e costruiscono la situazione, cercando di capire interpretazioni e significati attribuiti al processo stesso nel mentre che lo si agisce, processo inteso come azione collettiva basata su pratiche di creazione di senso e di significati condivisi cui prendono parte diversi attori. Le decisioni possono così essere considerate come processi interazionali, in cui dimensioni cogniti- ve, prescri tti ve e simboliche degli attori si incontrano al fine di individuare un corso d’azione piu ttos to che un altro. Per capire come avvenga tale processo, e quali cornici cognitive guidano l’azione e la giu- stificano, è necessario ricostruire la scena decisionale, capire quali siano gli attori che vi prendono parte, con che ruolo e potere, e quali pratiche guidano e modellano l’azione nel suo svolgersi. A questo scopo di utilizza un framework analitico complesso, che dopo aver pagato il giusto tributo alla storia e alle isti- tuzioni che delimitano il contesto situato dell’azione, prenda però in considerazione la componente co-
Anteprima della tesi: Processi decisionali e movimenti di protesta tra scienza e politica. Una comparazione tra Italia e Francia sul caso alta velocità, Pagina 4

Preview dalla tesi:

Processi decisionali e movimenti di protesta tra scienza e politica. Una comparazione tra Italia e Francia sul caso alta velocità

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valerio Lastrico
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Sociology
Anno: 2011
Docente/Relatore: Ota de Leonardis
Correlatore: MauroBarisione
Istituito da: Università degli Studi di Milano
Dipartimento: Graduate School in Social and Political Sciences
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 534

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tav
rischio ambientale
movimenti sociali
processi decisionali
expertise
torino-lione
tecnocrazia
conflitti ambientali
arene allargate
alta velocità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi