Skip to content

SideBike, componente accessorio motociclistico: nuovo sidecar monoposto ad inclinazione variabile in parallelo con la moto

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: SideBike, componente accessorio motociclistico: nuovo sidecar monoposto ad inclinazione variabile in parallelo con la moto, Pagina 10
17 
 
Fin dall’inizio le moto si segnalarono per la loro robustezza, buone prestazioni e 
per l’elevata qualità generale, oltre che l’inconsueta architettura d’assieme. Ben 
presto arrivò un ottimo successo commerciale e la Casa si ingrandì rapidamente.  
Nel 1928 nasce la prima Gran Turismo della storia della motocicletta: viene 
realizzata la Guzzi G.T., una moto dotata di telaio elastico grazie alla sospensione 
posteriore. La moto prenderà il nome di Norge dal raid al Circolo Polare Artico. 
Poiché al tempo la legislazione agevolava dal punto di vista fiscale i modelli sino ai 
175 cm³, a partire dai primi anni Trenta la Guzzi produsse modelli in tal senso. Nel 
1934 la Moto Guzzi è la più importante fabbrica italiana di motociclette. 
Le affermazioni nelle competizioni viaggiano di pari passo con le innovazioni 
tecnologiche. Nel trionfale Tourist Trophy del 1935 la Moto Guzzi di Stanley 
Woods impiega la sospensione posteriore, e ben presto il telaio elastico si diffonde 
tra tutte le moto da competizione. 
Le moto sono la monocilindrica 250cc e la bicilindrica 500cc, con l'inedito motore 
a V di 120° capace di superare i 200 km/h, e di dominare i circuiti di tutto il mondo 
per quasi vent'anni. 
L'evoluzione tecnologica è continua. Nel 1939 arriva l'Airone 250, con un cambio 
a quattro marce comandato dal pedale: un modello che diventerà, per 15 anni, la 
"media cilindrata" più diffusa in Italia. 
Con il secondo conflitto mondiale alle porte, anche in questa circostanza l'ingegno 
e l'adattabilità dei progettisti Moto Guzzi si fa valere. Nasce il mitico Trialce, un 
originale motocarro smontabile, progettato per poter essere paracadutato. Il sidecar 
Alce, con ruota motrice a lato scocca, monta anche un'originale barra di torsione 
per evitare coricamenti laterali e sbandamenti in curva. 
La fine della guerra vede un mutamento nei gusti e nelle tendenze del pubblico. La 
Moto Guzzi coglie questo e annuncia al mercato la sua prima due tempi, il Guzzino 
65. Tra le più famose di queste motoleggere vanno ricordati il Cardellino, lo Zigolo 
e il Galletto. In particolare quest’ultimo è un curioso e riuscito veicolo a metà tra lo 
scooter e una moto vera, con un successo tale da rimanere in produzione dal 1950 a 
metà anni Sessanta. 
La tendenza ad anticipare i tempi si vede anche nella costante ricerca delle migliori 
metodologie progettuali e costruttive. Primo e unico costruttore mondiale, nel 1950 
la Moto Guzzi costruisce la prima Galleria del Vento in cui è possibile provare i 
prototipi in scala reale, portando allo sviluppo delle primissime carenature 
moderne.
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

SideBike, componente accessorio motociclistico: nuovo sidecar monoposto ad inclinazione variabile in parallelo con la moto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Claudio Proietto
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Politecnico di Milano
  Facoltà: Design e Arti
  Corso: Disegno industriale
  Relatore: Mario Bisson
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 148

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accessorio
design
dinamico
flessibile
leggero
modulare
monoposto
moto
moto guzzi
motocicletta
motociclo
passeggero
seduta
sidebike
sidecar
veicolo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi