Skip to content

Simbologia nei racconti di Katherine Mansfield

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Simbologia nei racconti di Katherine Mansfield, Pagina 8
 8
feels and hears and sees is not fragmentary and separate; it 
belongs together as writing”. Katherine sa come rendere eterno 
un istante: “the moment itself suddenly puts on significance, and 
she traces the outline as if to preserve it”, per fissarlo per sempre 
sulla carta: “No one felt more seriously the importance of writing 
than she did”.
15
 
Eppure nelle pagine private woolfiane, al “queer sense of 
being like”, e a sincere quanto inaspettate ammissioni di invidia 
per il talento e i successi editoriali dell’amica,
16
 si alternano 
commenti estremamente pungenti sulla giovane neozelandese, 
come donna e come artista. Oltre alla citata lettera a Raverat, 
                                                 
15
 “A Terribly Sensitive Mind” (1927), in The Essays of Virginia Woolf, op. cit., 4:447-8. Il 
saggio è una recensione al Journal of Katherine Mansfield: 1914-1922, uscito a quattro 
anni dalla morte della scrittrice a cura del marito John Middleton Murry: non un vero e 
proprio diario, bensì il risultato di un’arbitraria selezione operata senza un reale criterio 
editoriale sull’immenso e quasi illegibile materiale di cui sono costituiti i notebooks 
mansfieldiani, cinquantatré quaderni riempiti nel corso di più di venticinque anni con 
annotazioni di ogni genere – riflessioni personali, appunti di viaggio, commenti e citazioni 
da letture, abbozzi di racconti e romanzi, lettere non spedite, poesie, liste della spesa…. Nel 
1939 Murry pubblica una seconda scelta di brani dal titolo The Scrapbook of Katherine 
Mansfield, mentre nel 1954 esce il Journal of Katherine Mansfield: Definitive Edition, il 
quale, nonostante integri il Journal del 1927 con passaggi dello Scrapbook e altro materiale 
ancora inedito, non può però dirsi affatto definitivo. L’edizione finalmente completa degli 
scritti informali mansfieldiani è apparsa soltanto nel 1997 a cura di Margaret Scott: The 
Katherine Mansfield Notebooks (2 vols., Wellington and Canterbury, New Zealand: 
Daphne Brasell Associates Ltd. and Lincoln University Press; d’ora in avanti citati come 
KM Notebooks). È da notare come il titolo utilizzato da Virginia Woolf per la recensione 
del 1927 sia una citazione dallo stesso diario mansfieldiano; in data 26 gennaio 1922 
leggiamo infatti:  “I am sure that meditation is one cure for the sickness of my mind i.e. its 
lack of control. I have a terribly sensitive mind which receives every impression and that is 
the reason why I am so carried away and borne under” (KM Notebooks, 2:320). 
16
 Si vedano, tra i diversi esempi, almeno la lettera dell‘1 agosto 1920 al critico d’arte e 
amico Roger Fry: “I’m coming up tomorrow to say goodby to Katherine Murry. She goes 
away for two years. Have you at all come round to her stories? I suppose I’m too jealous to 
wish you to, yet I’m sure they have merit all the same. It’s awful to be afflicted by jealousy. 
I think the only thing is to confess it.” (Letters of Virginia Woolf, op. cit., 2:438); e la 
pagina del diario scritta una settimana dopo la morte della Mansfield: “And I was jealous of 
her writing – the only writing I have ever been jealous of. This made it harder to write to 
her; & I saw in it, perhaps from jealousy, all the qualities I disliked in her.” (The Diary of 
Virginia Woolf, op. cit., 2:227, 16 gennaio 1923). 

Preview dalla tesi:

Simbologia nei racconti di Katherine Mansfield

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Camicia
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Mirella Billi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 133

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arthur symons
post-impressionismo
roger fry
simbolismo
virginia woolf
walter pater
letteratura inglese
narrativa
storia della letteratura
modernismo
katherine mansfield
paul cezanne
letteratura modernista

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi