Skip to content

Storia della chiacchiera sul pallone in Italia (allenatori e giornalisti, tattiche e polemiche dal 1910 al 2000)

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Storia della chiacchiera sul pallone in Italia (allenatori e giornalisti, tattiche e polemiche dal 1910 al 2000), Pagina 14
  
 
   
come un gioco d’attacco basato sul movimento della linea mediana e su uno schema molto 
offensivo che aveva il perno nel centromediano Janni e nel trio Baloncieri, Libonatti e 
Rossetti. I giornali dell’epoca lodavano l’operato di Cargnelli definendo il Toro una “squadra 
armonica”, che aveva dato una svolta sul piano tattico con i giocatori attenti a non perdere le 
distanze tra loro e che privilegiavano la manovra collettiva agli spunti individuali, concessi solo 
all’attacco (19). Una squadra che in campo dava veramente spettacolo. 
 
4.  Lo “stile Inter” di Veisz e la cinquina di Carcano  
Dopo il secondo scudetto conquistato nella stagione 28/29 da Felsner e dal suo Bologna, nel 
29/30 un altro maestro danubiano vinceva il campionato, il primo a girone unico, Arpad Veisz, al 
timone dell’Ambrosiana, la squadra nata dalla fusione del 1928 tra Inter e U.S. Milanese.  
      Il passaggio dal doppio girone al girone unico a diciotto squadre aveva aperto un’età 
importante per il calcio italiano. Da provinciale il movimento si dava un’organizzazione più 
rispettabile. Il paese era già da diversi anni in camicia nera e il fascismo era intervenuto nel 
calcio promuovendo una modernizzazione e un processo di concentrazione delle strutture 
esistenti. Erano stati costruiti nuovi stadi, erano nati nuovi club, molti si erano uniti dando i 
natali, tra gli altri, al Napoli e alla Fiorentina nel 1926, alla Roma nel 1927.  
     Alla presidenza della FIGC nel 1926 era salito il gerarca fascista Leandro Arpinati, podestà 
di Bologna. La sede federale era stata prima trasferita a Bologna, quindi, con la nomina di 
Arpinati a sottosegretario al ministero dell’Interno, spostata a Roma. La segreteria era stata 
affidata a Giuseppe Zanetti. L’organizzazione del calcio era stata riformata dalla “Carta di 
Viareggio”  (agosto 1926) che, tra l’altro, vietava anche il tesseramento di nuovi stranieri. Da 
allora si era aperta l’età degli oriundi. Arrivarono in Italia, soprattutto dal SudAmerica tanti 
campioni destinati a trovare nel nostro paese fama e danaro e a segnare un’epoca nelle rispettive 
squadre e nella Nazionale di Pozzo. Con il pretesto della doppia nazionalità il calcio italiano si 
arricchiva di elementi validissimi, determinanti per la crescita ulteriore a livello internazionale 
del nostro football.  
        Con la “Carta di Viareggio” era cambiata anche la figura del calciatore. In tutto il mondo e 
in particolare dal 1926 dopo il congresso della FIFA, la federazione internazionale nata nel 
1904, i giocatori da dilettanti erano diventati professionisti; gli ingaggi lievitarono così come i 
trasferimenti e gli scandali, anche se in Italia già nel 1924 si era alzato un notevole polverone per 
il passaggio del terzino Rosetta dalla ProVercelli alla Juventus. Fare il calciatore diventava un 
vero e proprio mestiere, e così tra i giocatori diminuiva anche il livello di istruzione. Laureati 
alla “Bocconi” come Fulvio Bernardini, il grande centromediano della Lazio, dell’Inter e della 
Roma, erano un’eccezione. Con lui, che esordiva in Nazionale il 22 marzo 1925 a Torino contro 

Preview dalla tesi:

Storia della chiacchiera sul pallone in Italia (allenatori e giornalisti, tattiche e polemiche dal 1910 al 2000)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabrizio Prisco
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Guido Panico
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 206

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

calcio
sport
storia del giornalismo
giornalismo sportivo
campionati mondiali di calcio
campionato di calcio
allenatori di calcio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi