Skip to content

Tematizzare il G8. Il dibattito sul vertice di Genova nei media

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Tematizzare il G8. Il dibattito sul vertice di Genova nei media, Pagina 12
 15
dopo la fine della guerra. L’Organizzazione fu creata con la conferenza di San Francisco 
(aprile-giugno 1945) e vi parteciparono, all’inizio, 50 Stati fondatori.     
  
 
 
1.1.1. Le organizzazioni internazionali nel “mirino” dei contestatori no-global 
 
 
E’ in un periodo estremamente delicato per la ripresa economica internazionale dopo lo 
choc bellico che vengono istituite quelle organizzazioni internazionali che oggi sono 
maggiormente contestate dal popolo no-global: la Banca Mondiale, il Fondo Monetario 
Internazionale e il GATT (che non è un’organizzazione internazionale), dalle cui ceneri 
nascerà nel 1994 l’Organizzazione Mondiale del Commercio (Comba, 1995). 
 
    
 La Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale.   Nel 1944 in seguito alla 
conferenza di Bretton Woods vengono create due istituzioni basilari dell’organizzazione 
neo-liberista internazionale: la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale. 
Originariamente lo scopo della Banca Mondiale era quello di aiutare la ricostruzione dei 
Paesi usciti dalla Seconda Guerra Mondiale, ma in seguito, dal momento che l’Europa 
poteva ricevere aiuti finanziari da altre parti (soprattutto attraverso il Piano Marshall ), 
la Banca si è orientata verso il sostegno dello sviluppo dell’economia dei Paesi più 
deboli, erogando direttamente prestiti. 
Il FMI si pone tra i principali obiettivi quello di: a) promuovere la cooperazione 
monetaria internazionale, attraverso un’istituzione permanente che assicuri un 
meccanismo di consultazione e di collaborazione sui problemi monetari internazionali 
(art.1, n.1); b) facilitare l’espansione e lo sviluppo armonico del commercio 
internazionale che deve contribuire all’instaurazione e conservazione di alti livelli di 
occupazione e di reddito effettivo, nonché allo sviluppo delle risorse produttive di tutti 
gli Stati membri (art.1, n.2); c) promuovere la stabilità dei rapporti di cambio tra gli 
Stati membri (art.1, n.3); d) appoggiare l’istituzione di un sistema multilaterale dei 
pagamenti per le transazioni correnti fra gli Stati membri e l’eliminazione delle 
restrizioni valutarie che ostacolino lo sviluppo del commercio internazionale (art.1, n.4); 
e) ispirare fiducia agli Stati membri, mettendo a loro disposizione, con appropriate 
cautele, le sue risorse alle quali possono attingere gli Stati in difficoltà, in modo da 
assicurare agli stessi la possibilità di correggere gli squilibri della bilancia dei 
pagamenti, senza ricorrere a misure rovinose per la prosperità nazionale o internazionale 
(art.1, n.5). 
 
 
    Dal GATT al WTO 
2
.   Un importante pilastro sul quale avrebbe dovuto fondarsi la 
struttura giuridica del neo-liberismo post-bellico sarebbe dovuto essere 
l’Organizzazione Internazionale del Commercio (ITO), che però non entrò mai in 
vigore: gli Stati Uniti e la Gran Bretagna non provvidero alla ratifica del trattato 
istitutivo dell’Organizzazione, la cosiddetta Carta dell’Avana (dal nome della città nella 
quale venne redatto il documento nell’ambito della Conferenza delle Nazioni Unite sul 
                                                 
2
 La creazione dell’Organizzazione Mondiale del Commercio  ( WTO ) implica una trasformazione della 
struttura istituzionale del GATT: mentre quest’ultimo era un contratto tra nazioni alle cui norme ciascun 
Paese poteva opporre un veto oppure sottrarsi, la nuova istituzione è una “personalità legale” come le 
Nazioni Unite o la Banca Mondiale, cosicché i suoi regolamenti sono vincolanti per i suoi membri. 
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Tematizzare il G8. Il dibattito sul vertice di Genova nei media

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Michela Vindrola
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Franca Roncarolo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 208

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

black block
comunicazione politica
g8
genoa social forum
globalizzazione
mass-media
media logic
no global
popolo di seattle
summit
tematizzazione
vertice internazionale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi