Skip to content

Traduzione e commento di ''Horror at Suicide Terrorism'' dal saggio di Talal Asad ''On Suicide Bombing''

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Traduzione e commento di ''Horror at Suicide Terrorism'' dal saggio di Talal Asad ''On Suicide Bombing'', Pagina 6
 6 
of death and wounding but with a confounding of the body‟s shapes. It is as though the familiar, 
reassuring face of a friend had disintegrated before one‟s eyes. All this is interwoven with touching 
details (names and personal histories of some of the victims) based on information that could only 
have been acquired long after the event described so dramatically – by which I don‟t mean to imply 
that it is untrue but that it is a construction. The narrative is intended as a way of making readers 
feel the horror of a suicide bombing, to feel helpless in the face of a sudden attack against everyday 
life and, above all, the loss of that ordinariness in which human identity resides. There are two 
crucial things here: the writer‟s visceral sense of horror (which might have been felt witnessing a 
terrible accident) and his reconstruction of it specifically as the work of a suicide bomber. 
   In fact, horror is more often encountered in recitations of war, most acutely in retrospect by those 
who have experienced it. Theodore Nadelson, a psychiatrist who treated Vietnam veterans suffering 
from post-traumatic stress disorder, has written about their experiences of war, its terrors and 
enchantments. He has also written briefly (too briefly) of the aesthetics and pornography of 
killing,11 the sense that many soldiers in war have of affirming life through the very destruction of 
other human beings (regardless of whether they are non-combatants), their erotic involvement with 
death (including their own), and the intoxication with killing that Marines call “eye-fucking.”12 I 
reproduce at length one of the many accounts given to him by anguished patients: 
 
 
 
 
 
I got a photograph. I‟m holding two heads – standing there holding two heads by their hair. Can you 
believe it? Well, there were other guys walking around with heads on poles – like savages, like long 
ago… and nothing un-normal about it, that‟s the un-normal part – it was normal, real, it was 
accepted. They took a picture of me. That‟s how I remember it because of the photo. That‟s why I 
still have it – reminds me of those times – without the picture I won‟t believe it in peacetime…. In 
„Nam you always got something to do, ambush, clean out a VC [Vietcong] tunnel…you do it so you 
can get out, get food, get water, and maybe, but you don‟t want to think of it, you [will] get back 
home, back to the “real world.” But now you are in hell and you act it. You don‟t dare think of 
home, no way. If you try to get home, you worry about trying to save yourself, you get dead. So 
nothing matters. The VC I killed…. Jesus! Well, you had to do it. You had to do it to get out of 
there. I didn‟t care about the VC – they would have killed me. But the women and kids? First I was 
picking them [children] up after the gunships shot up a ville. Then I capped them too. They‟d grow 
up to kill you – maybe that was the story. But that‟s crazy – but like I said crazy was normal there. 
Unless you accepted that as normal, you could not live through it. They would do things, then it‟s 
over, and you go on. Hell, they [the VC] would do it to you, you have to do it to them a hundred 
times harder and worse…. So these guys found these women in a village and they started to rape 
them. Yeh, and they are banging away and then they take out their K-bars, for God‟s sake! And they 
are stabbing them, crazy, out of control, and banging away – crazy – and still doing it when the 
women are dead. You understand? Maybe you understand…but it isn‟t possible to get people to 
understand who were not there. It was terrible what I – we did – but we all did it, those good guys I 
knew. All good, do anything for you. I can say it, I loved them….But the worst thing I can say about 
myself is that while I was there I was so alive. I loved it the way you can like an adrenaline high, the 
way you can love your friends, your tight buddies. So unreal and the realest thing that ever 
                                                 
11
 Nadelson cites the passage from the Iliad in which Patroclus kills a Trojan with his spear, like catching a fish: 
There is joy and celebration of the killer‟s own life, skilfully taking a life. He is the hunter or, in the simile, the 
fisherman, the superior of  the slain, the quick not the dead. He is the manifest lord raised high by the dead body he has 
created. The victim is face down, neutered, dirtied, and diminished. The killer has manifested the most naked self-
assertion. He is lasciviousness personified. He is adulated as a hero, his potency glorified; he shines. The elegance of 
killing action in war is celebrated throughout the Greek tragedies; it is echoed in the Hebrew Bible…and in literature on 
war through history. (Theodore Nadelson, Trained to Kill: Soldiers at War [Baltimore: Johns Hopkins University Press, 
2005], p. 64) 
12
 Ibid., pp. 68-69. 
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Traduzione e commento di ''Horror at Suicide Terrorism'' dal saggio di Talal Asad ''On Suicide Bombing''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giovanna Regali
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master di II livello in Traduzione di testi post-coloniali in lingua inglese:letteratura,saggistica,teatro e cinema
Anno: 2007
Docente/Relatore: Antonio Perri
Istituito da: Università degli Studi di Pisa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

11 settembre 2001
antropologia
attacchi terroristici
bibbia
crocifissione
esplosioni
guerra
guerra al terrore
inglese
islam
israele
occidente
orrore
postcoloniale
saggistica
scontro di civiltà
talal asad
terrorismo sucida
traduzione
uccisione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi