Skip to content

I nuovi fattori di rischio per il successo accademico: studio sul ruolo dell'Internet Addiction Disorder e del Mind Wandering in un campione di studenti universitari

Informazioni tesi

  Autore: Michela D'Imporzano
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Carlo chiorri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

Il nucleo attorno al quale si delinea la tesi qui presentata è il concetto di successo accademico, inteso nei termini di un percorso universitario positivo, svolto entro le tempistiche prestabilite e con un voto medio elevato.
Ciò che motiva la realizzazione di questo studio è l’interesse per tutti quei fattori che possono avere in un qual modo un’influenza sull’andamento della carriera accademica degli studenti universitari, nello specifico in direzione negativa, determinando di fatto un calo delle prestazioni e conseguentemente un insuccesso del percorso accademico.
Sebbene alcuni fattori siano chiaramente connessi alle performance degli studenti, quali la tendenza alla procrastinazione, la bassa o l’alta motivazione allo studio, il possedere un self-concept accademico positivo o negativo e alcuni dei tratti di personalità del modello dei Big Five, ve ne sono altri che, pur essendo marcatamente presenti nella vita degli universitari, non sono stati ancora adeguatamente indagati, dunque non ne si conosce con chiarezza la possibile influenza sulla carriera accademica.
Nello specifico, scopo di questo studio è valutare se e in quale modo il sempre più diffuso fenomeno dell’Internet Addiction Disorder, la cosiddetta Dipendenza da Internet, abbia un impatto sul percorso universitario degli studenti. Tale interrogativo nasce dalla consapevolezza che in un mondo digitale come quello odierno, entro il quale l’utilizzo di Internet e dei Social Media sullo smartphone, sul tablet e sul pc è in costante aumento, le conseguenze derivanti da un maluso o un uso eccessivo di tali strumenti possono avere un impatto negativo nella vita degli individui.
Quando si fa riferimento agli studenti i quali, per scopi ricreativi o accademici utilizzano le piattaforme digitali quasi costantemente, gli interrogativi sull’impatto che queste pratiche possono avere sull’attenzione, sullo studio e sulle loro performance, determinano la necessità di indagare se questa condizione possa o meno essere considerata uno dei fattori di rischio per il successo accademico.
Oltre a ciò, un fenomeno che si sperimenta con frequenza e che può avere un’influenza negativa sulle performance degli studenti è il mind wandering. Quando se ne parla ci si riferisce ad uno spostamento dell’attenzione da un’attività che si sta svolgendo verso pensieri auto generati non connessi ad essa. Dunque ci si domanda se la frequente sperimentazione di tali condizioni possa avere un impatto negativo sulla carriera accademica, in quanto è presumibile pensare che qualora un soggetto si perda spesso nei propri pensieri possa incontrare delle difficoltà nel prestare attenzione alle lezioni universitarie e allo studio.
Emerge quindi la necessità di valutare quali fattori non ancora indagati abbiano un ruolo significativo nel determinare il percorso accademico degli studenti e allo scopo di rispondere a queste domande è stata strutturata una batteria di test che indaga i costrutti sopracitati e che è stata somministrata ad un campione di 120 studenti universitari di diverse facoltà.
Di fatto, in prospettiva futura, la valutazione dei fattori di rischio per la carriera accademica può risultare molto utile per aumentare il grado di consapevolezza rispetto a come individuare situazioni problematiche e quali precauzioni adottare allo scopo di evitarne l’insorgenza, nonché promuovere delle attività di prevenzione nel contesto universitario e di orientamento ai propri obiettivi accademici.
Il testo di questa tesi è suddiviso in tre capitoli:
Il primo capitolo definisce i costrutti chiave della ricerca descrivendo nel dettaglio i nuovi fattori di rischio per il successo accademico, quali l’Internet Addiction Disorder e il Mind Wandering, per poi riferirsi a quelli più chiaramente conosciuti, ossia la procrastinazione accademica, la motivazione accademica, il self-concept accademico e i tratti di personalità dei Big Five. I diversi costrutti vengono non soltanto analizzati da un punto di vista concettuale, ma vengono anche considerati in interazione l’uno con l’altro facendo riferimento ai diversi contributi teorici ed empirici presenti in letteratura scientifica.
Il secondo capitolo riguarda più marcatamente la ricerca svolta descrivendone gli aspetti tecnico procedurali. Vengono chiariti gli obiettivi e le ipotesi alla base dello studio, vengono definiti il campione di soggetti utilizzato e le procedure di campionamento, vengono descritti gli strumenti, le modalità di somministrazione della batteria di questionari e le procedure di raccolta dei dati.
Il terzo capitolo riguarda la descrizione delle analisi eseguite sui dati ottenuti mediante il programma SPSS e i risultati delle stesse. Vengono riportati gli elementi significativi e specificate le conclusioni tratte da quanto emerso, nonché i limiti individuati della ricerca.

Informazioni tesi

  Autore: Michela D'Imporzano
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Carlo chiorri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il nucleo attorno al quale si delinea la tesi qui presentata è il concetto di successo accademico, inteso nei termini di un percorso universitario positivo, svolto entro le tempistiche prestabilite e con un voto medio elevato. Ciò che motiva la realizzazione di questo studio è l’interesse per tutti quei fattori che possono avere in un qual modo un’influenza sull’andamento della carriera accademica degli studenti universitari, nello specifico in direzione negativa, determinando di fatto un calo delle prestazioni e conseguentemente un insuccesso del percorso accademico. Sebbene alcuni fattori siano chiaramente connessi alle performance degli studenti, quali la tendenza alla procrastinazione, la bassa o l’alta motivazione allo studio, il possedere un self-concept accademico positivo o negativo e alcuni dei tratti di personalità del modello dei Big Five, ve ne sono altri che, pur essendo marcatamente presenti nella vita degli universitari, non sono stati ancora adeguatamente indagati, dunque non ne si conosce con chiarezza la possibile influenza sulla carriera accademica. Nello specifico, scopo di questo studio è valutare se e in quale modo il sempre più diffuso fenomeno dell’Internet Addiction Disorder, la cosiddetta Dipendenza da Internet, abbia un impatto sul percorso universitario degli studenti. Tale interrogativo nasce dalla consapevolezza che in un mondo digitale come quello odierno, entro il quale l’utilizzo di Internet e dei Social Media sullo smartphone, sul tablet e sul pc è in costante aumento, le conseguenze derivanti da un maluso o un uso eccessivo di tali strumenti possono avere un impatto negativo nella vita degli individui.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

internet addiction disorder
studenti
dipendenza da internet
nuove dipendenze
addictions
mind wandering
rendimento accademico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi