Skip to content

L’involucro avverso: la pelle come luogo privilegiato per la somatizzazione del conflitto psichico

Informazioni tesi

  Autore: Marta Sechi
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi Niccolò Cusano - Telematica Roma
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze psicologiche
  Relatore: Claudia Prestano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

Il presente elaborato ha come oggetto di studio il rapporto tra la mente e l’involucro più esterno che la contiene: la pelle. L’obiettivo è esaminare e descrivere il modo in cui le forme di disagio interiore trovino la loro manifestazione sulla superficie del nostro corpo.
Il legame tra mente e pelle si crea, infatti, sin dalle primissime fasi dello sviluppo embrionale e prosegue la sua corroborazione attraverso gli scambi tattili affettuosi tra la madre ed il bambino, a partire dalle fasi più precoci dello sviluppo evolutivo. In virtù di questo legame, è possibile concepire la pelle come l’involucro del nostro organismo, che assolve la duplice funzione di barriera rispetto agli agenti chimici e fisici e di interfaccia nei processi relazionali e sociali con il mondo esterno.
La volontà di rivolgere uno sguardo particolare ai disturbi psico-dermatologici rispetto al più ampio ventaglio di disturbi appartenenti alla sfera psicosomatica, è dovuta principalmente alla personale, seppur indiretta, familiarità con il mondo della dermatologia. Dall’infanzia, infatti, ho avuto la possibilità di imbattermi in una molteplicità di manuali dermatologici, la cui iconografia spesso e volentieri riportava patologie cutanee che allora mi limitavo a considerare impressionanti e scabrose ma che, allo stesso tempo, suscitavano il mio interesse.
Il percorso di studi in psicologia ha accresciuto in me il desiderio e la curiosità di voler comprendere quali fossero gli stati d’animo ed i fattori psicologici dei pazienti dei quali avevo osservato le immagini da bambina. Inoltre, il presente elaborato vuole rispondere ai seguenti interrogativi: qual è il riconoscimento medico e scientifico che si attribuisce ai fattori psicologici nell’eziologia e nell’esacerbazione di alcune malattie cutanee? In che misura il mondo interiore del paziente viene effettivamente preso in considerazione dal medico?
Nel primo capitolo saranno trattati i principali disturbi dermatologici correlati al disagio psichico a partire dalla classificazione proposta da Koo & Lee (2003). In particolare, si parlerà di come la pelle costituisca una tela sulla quale il nostro Io più profondo manifesti le sue emozioni e del modo in cui le malattie dermatologiche incidano sulla qualità di vita dei pazienti. Saranno descritti i disturbi cutanei sensoriali come il prurito psicogeno e più in particolare la sua forma sine materia, i disturbi psicofisiologici in cui gli eventi emotivi e stressogeni concorrono all’esordio e/o al mantenimento della malattia ed i disturbi in cui la condizione dermatologica produce un forte rebound psicologico in grado di compromettere sensibilmente i rapporti sociali del paziente.
Nel secondo capitolo la pelle è descritta come involucro sofferente, che mostra attraverso segni superficiali i disagi interiori più profondi. Si parlerà del rapporto madre-figlio e della deprivazione tattile durante l’infanzia come elemento incisivo nell’insorgenza delle condotte autolesive di comportamento. Sarà inoltre esaminata un’ultima classe di disturbi, in cui i problemi a carico della pelle insorgono a causa del disturbo mentale preesistente. In proposito, si darà particolare attenzione al Disturbo Ossessivo Compulsivo (DOC) come causa di comportamenti ripetitivi focalizzati sul corpo (Body Focused Repetitive Disorders) quali tricotillomania e il disturbo da escoriazione compulsiva. Infine, rimanendo nell’ambito delle dermatosi artefatte, verrà descritta la differenza tra il disturbo fittizio (o Sindrome di Munchausen) e le patomimie, sottolineando come, ancora una volta, il disturbo mentale abbia un ruolo prioritario nell’espressione della malattia sul corpo e come la pelle costituisca spesso e volentieri il luogo preferenziale per la somatizzazione del conflitto psichico.
Nel terzo ed ultimo capitolo, l’attenzione è posta sul rapporto medico-paziente e sull’importanza della comunicazione empatica per garantire la compliance terapeutica. Saranno descritti i benefici ottenuti dalla convocazione della psicologia nei contesti della salute, che ha permesso il superamento del tradizionale modello biomedico attraverso l’introduzione del modello biopsicosociale di Engel (1977), incentrato su una concezione della malattia come risultato della compartecipazione di fattori biologici, psicologici e sociali. Sarà descritta infine l’importanza della riumanizzazione del rapporto medico-paziente attraverso l’impiego di uno stile espressivo-comunicativo empatico da parte del medico (Ley, 1979), sia dell’attenzione al mondo interiore del malato e di come, l’insieme di questi elementi, debba essere considerato requisito essenziale nell’arte medica.

Informazioni tesi

  Autore: Marta Sechi
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi Niccolò Cusano - Telematica Roma
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze psicologiche
  Relatore: Claudia Prestano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il presente elaborato ha come oggetto di studio il rapporto tra la mente e l’involucro più esterno che la contiene: la pelle. L’obiettivo è esaminare e descrivere il modo in cui le forme di disagio interiore trovano la loro manifestazione sulla superficie del nostro corpo. Il legame tra mente e pelle si crea, infatti, sin dalle primissime fasi dello sviluppo embrionale e prosegue la sua corroborazione attraverso gli scambi tattili affettuosi tra la madre ed il bambino, a partire dalle fasi più precoci dello sviluppo evolutivo. In virtù di questo legame, è possibile concepire la pelle come l’involucro del nostro organismo, che assolve la duplice funzione di barriera rispetto agli agenti chimici e fisici e di interfaccia nei processi relazionali e sociali con il mondo esterno (Anzieu; 1985). La volontà di rivolgere uno sguardo particolare ai disturbi psico-dermatologici rispetto al più ampio ventaglio di disturbi appartenenti alla sfera psicosomatica, è dovuta principalmente alla personale, seppur indiretta, familiarità con il mondo della dermatologia. Dall’infanzia, infatti, ho avuto la possibilità di imbattermi in una molteplicità di manuali dermatologici, la cui iconografia spesso e volentieri riportava patologie cutanee che allora mi limitavo a considerare impressionanti e scabrose ma che, allo stesso tempo, suscitavano il mio interesse. Il percorso di studi in psicologia ha accresciuto in me il desiderio e la curiosità di voler comprendere quali fossero gli stati d’animo ed i fattori psicologici dei pazienti dei quali avevo osservato le immagini da bambina. Inoltre, il presente elaborato vuole rispondere ai seguenti interrogativi: qual è il

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

rapporto medico paziente
psicodermatologia
la pelle psicologica
pelle e mente
involucro pelle
dermatologia e mente
disturbi ripetitivi focalizzati sul corpo
disturbo ossessivo compulsivo e pelle
psicologia e malattie cutanee
psicologia e dermatologia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi