Skip to content

L'approccio narrativo nel trattamento delle dipendenze

Informazioni tesi

  Autore: Mariangela Ciceri
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi Guglielmo Marconi
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Marco Saettoni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 132

L’elaborato si propone di analizzare la complessità dei fattori che contribuiscono all’instaurarsi di una patologia dipendente e gli approcci suggeriti per la cura tra i quali quello narrativo.
Partendo dalle riflessioni degli autori che, per primi hanno analizzato l’uso della narrazione in psicoterapia si sono esaminati e proposti gli studi di Jiames Hillman sulla cura delle frammentazioni narrative, l’individuazione di copioni, l’importanza del raccontarsi per la Terapia Sistemico-Relazionale.
In particolare si è prestata attenzione alla raccolta dell’anamnesi attraverso un racconto funzionale alla comprensione della patologia e al suo essersi instaurata, ai ricordi, ai traumi, ai lutti e a tutte le criticità che hanno fatto da sfondo alla dipendenza, e alla relazione tra chi narra e chi ascolta.
In base a quanto esposto è facilmente deducibile come l’approccio narrativo investa due dinamiche di uguale importanza sia al fine diagnostico che terapeutico: i vissuti, le emozioni e gli stati d’animo del paziente, ma anche la risonanza emozionale, il coinvolgimento e gli aspetti proiettivi del terapeuta.
Al fine di approfondire tale tematica ci si è avvalsi dell’Hermeneutic Single Case Efficacy Design e del Client Change Interview Protocol, studi che analizzano trattamento e cambiamento attraverso le relazioni percepite dal paziente e le sensazioni e le considerazioni del terapeuta che lo ha preso in carico.
L’elaborato che segue è stato strutturato in quattro capitoli, in ognuno dei quali si sono analizzate, nel dettaglio, alcune tra le ricerche e i lavori legati alle tematiche correlate all’approccio narrativo
Si è partiti dalla definizione e dai criteri diagnostici per quanto riguarda le dipendenze, individuandone i fattori di rischio e le prospettive terapeutiche.
Nel secondo capitolo si sono prese in esame studi sulla narrazione in ambito terapeutico, i metodi di ricerca e i dati messi a confronto a dimostrazione di una strategia nuova ed efficace.
Nel terzo capitolo si è trattato il setting narrativo sia attraverso la disamina delle considerazioni fatte in letteratura clinica rispetto alla metodologia, che all’individuazione del paziente più adatto, all’interno di una patologia da dipendenza, fino allo sviluppo di un percorso terapeutico.
Nel quarto ed ultimo capitolo si è sottolineata l’importanza di continuare nella ricerca di strumenti utili a facilitare la narrazione di sé, capaci di contenere il disagio legato al recupero di vissuti problematici che hanno indotto il paziente alla dipendenza, ma anche alla consapevolezza di essere vittima di una patologia, ma non per questo passivo di fronte alla stessa.
Tra i possibili sviluppi dell’approccio narrativo si è esaminato quello legato alla visione di immagini, disegni, tavole, attualmente in uso più con finalità diagnostiche che facilitante la narrazione e si sono anche esaminate i pro e i contro, i limiti e le risorse dell’approccio narrativo, sottolineando quanto siano essenziali la volontà ma anche la capacità di «raccontarsi».
In ultima analisi, poiché in ogni percorso terapeutico con un paziente affetto da dipendenza, qualunque sia l’approccio usato, è essenziale che egli abbia tra gli obiettivi la voglia e la capacità di comprendere se stesso, si è sottolineato come sia essenziale creare una relazione tra colui che narra e colui che ascolta, in modo da intraprendere un percorso di comprensione per il paziente e di restituzione coerente di frantumazioni narrative o incongruenze, da parte del terapeuta.
Modalità importantissima poiché le proprie storie di vita sono l’unico modo per raccontare a chi ascolta, disagi, paure, al fine di creare, nel setting, una relazione che attraverso l’accettazione prima, il cambiamento dopo, possa consentire il liberarsi da comportamenti dipendenti che condizionano in modo incontrollabile lo stile di vita.

Informazioni tesi

  Autore: Mariangela Ciceri
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi Guglielmo Marconi
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Marco Saettoni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 132

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
40 2 – Le narrazioni in psichiatria e psicopatologia 1.2 Cenni storici La narrazione è nata con l’uomo. Edmund White sostiene che ognuno di noi vive esperienze che cerca di tradurre e interpretare alla luce di quanto gli è accaduto in passato. Per farlo ha bisogno di contestualizzarle, di inserirle in uno telaio narrativo, con una «cornice» ove sia possibile vedere e definire sfondo e rilievo di quanto raccontato. Ma se affermare che «ogni persona è la sua storia» può sembrare eccessivo non possiamo ignorare che: «in qualche modo (…) le storie della nostra specie, del nostro gruppo etnico, della nostra famiglia, delle nostre relazioni significative e delle opzioni già sottoposte al nostro arbitrio, sono contemporaneamente vincoli e possibilità, humus e radici per ogni nuovo atto di coscienza.» 91 L’attenzione sulle narrazioni dei pazienti ha conosciuto diverse fasi, ed è scivolata tra le ricerche che hanno permesso nuove a precise classificazioni delle dipendenze senza mai cessare di essere un punto essenziale per comprendere chi, come e cosa, fossero alla base della patologia. Giuseppe Martini scrive che: «ogni narrazione è un tentativo di comprendere se stessi e il mondo che sembra rispondere a istanze molto profonde» 92 «capaci di dare un senso al disagio provato, alla patologia esistente scavando, fino a ritrovare quelle motivazioni o quei significanti intrecciati tra loro come fili conduttori di storie a volte nate «tra le note stonate della famiglia o le falle del mondo sociale» 93 Per ripercorrere la storia dell’approccio narrativo occorre seguire le tappe della nascita della psichiatria e della psicopatologia come scienze autonome attraverso il pensiero che ha caratterizzato gli esponenti delle loro principali Teorie. 91 F. VEGLIA, Della storia personale in psicologia cognitiva, in Storie di vita. Narrazioni e cura in psicoterapia cognitiva a cura di F. Veglia Torino Bollati Boringhieri Edizioni 2017 (1999) 92 G. MARTINI, Ermeneutica e narrazione: un percorso fra psichiatria a psicanalisi. Torino Bollati Boringhieri Edizioni 1998 93 F. RIBOLDI, Dipendenze e autocura Francavilla al mare Psicoline Edizioni 2013 p. 41

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dipendenza
narrazione
trattamento dipendenze
narrazioni in psichiatria
narrazioni in psicologia
setting narrativo

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi