Skip to content

The Effect of Transcranial Direct-Current Stimulation of Right Anterior Superior Temporal Sulcus in Adults Related to Autism Traits

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Nicolosi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Cognitive Neuroscience and clinical neuropsychology
  Relatore: Clara Casco
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 69

The direction of the eye gaze provides important information about the focus of attention of other persons, their mental states, private thoughts, goals and desire. It is a fundamental mechanism involved in social communication and social interaction, and it is modulated by a lot of factors, such as expectation, head direction or emotional face expressions. In contrast with most animals for which the direct gaze is perceived as a threat, for humans the mutual gaze is often considered as positive attitude. As a matter of fact, a lot of studies have focused on the usefulness of eye gaze and its mechanisms. Infants of 2 days show a preference for direct gaze, preferring to look at face with a direct gaze compared to face with averted gaze, confirming the relevance of eye gaze perception in humans.
The brain area which is more related to the perceptual coding of another’s gaze is the anterior superior temporal sulcus (aSTS). Numerous studies in macaques and humans identified an involvement of aSTS in gaze processing, in particular in coding specific gaze directions, across different cues, such as head orientation. For example, functional imaging studies has shown that superior temporal sulcus is activated during the perception of changeable features of faces, such as the angles at which the eyes are oriented, and during the view of both still pictures and moving images. One of the most common disorder which involved a deficit in eye – gaze processing is the Autism Spectrum Disorder (ASD). This is a neurodevelopmental disorder which affect a broad range of abilities and behaviors. In particular the social and relational sphere is primary affected. Autistic people have difficult to recognize others’ emotions and feeling, which limited their ability to communicate with people. This relational problem can be due in part to the abnormal eye – gaze processing which is present in autistic people. In fact numerous studies have highlighted that autistic people tend to avoid the eyes of a person in front of them and look more frequently the lower part of the face. This caused a limited ability to use the eyes and the eye – gaze as a source of information, necessary to communicate and establish social interactions.

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Nicolosi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Cognitive Neuroscience and clinical neuropsychology
  Relatore: Clara Casco
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 69

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduction The direction of the eye gaze provides important information about the focus of attention of other persons, their mental states, private thoughts, goals and desire. It is a fundamental mechanism involved in social communication and social interaction, and it is modulated by a lot of factors, such as expectation, head direction or emotional face expressions. In contrast with most animals for which the direct gaze is perceived as a threat, for humans the mutual gaze is often considered as positive attitude. As a matter of fact, a lot of studies have focused on the usefulness of eye gaze and its mechanisms. Infants of 2 days show a preference for direct gaze, preferring to look at face with a direct gaze compared to face with averted gaze, confirming the relevance of eye gaze perception in humans (Farroni et al., 2002). The brain area which is more related to the perceptual coding of another’s gaze is the anterior superior temporal sulcus (aSTS). Numerous studies in macaques and humans identified an involvement of aSTS in gaze processing, in particular in coding specific gaze directions, across different cues, such as head orientation. For example, functional imaging studies has shown that superior temporal sulcus is activated during the perception of changeable features of faces, such as the angles at which the eyes are oriented, and during the view of both still pictures and moving images. (Haxby et al., 200; Carlin, 2013). One of the most common disorder which involved a deficit in eye – gaze processing is the Autism Spectrum Disorder (ASD). This is a neurodevelopmental disorder which affect a broad range of abilities and behaviors. In particular the social

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

autism
sts
tdcs
superior temporal sulcus
eye-gaze

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi