Skip to content

COSPLAY - Immaginario e rappresentazioni di un fenomeno contemporaneo

Informazioni tesi

  Autore: Lidia Macrì
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Comunicazione e pubblicità per le organizzazioni
  Relatore: Laura Gemini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 125

Cos'è il fenomeno Cosplay? Come si diventa Cosplayer? Cosa spinge una persona da semplice consumatore di prodotti culturali a travestirsi e girare mascherata interpretando un personaggio? Come si rappresenta un Cosplayer?
Lo scopo di questa analisi è quello di esaminare l'emergere di un fenomeno globale, quale quello del Cosplay, nelle sue rappresentazioni come espressione di un prodotto dell'immaginario. Il metodo di approccio utilizzato affronta il quesito servendosi del metodo autocritico nella sua totalità (Morin, 1962), quest'analisi del fenomeno prevede la partecipazione attiva dell'osservatore nei confronti del suo oggetto di studio integrando l'analisi oggettiva all'osservazione effettuata.
Possiamo innanzitutto chiarire che un Cosplayer è una persona molto appassionata di anime e manga, in questo caso ne parleremo come di un fan, collezionista di dvd, gadget e Tankōbon, che realizza con i propri mezzi costumi ispirati ai personaggi di queste opere con la finalità di essere indossati durante i raduni dedicati alla cultura pop. L'attività del travestimento è tuttavia trasversale alla passione per anime e manga, in quanto è possibile indossare i panni di qualunque personaggio di fantasia, sia esso appartenente al mondo dei fumetti americani, telefilm, film o videogiochi.
Il mondo dell'immaginario ha il merito di generare oggetti di rappresentazione che diventano per i Cosplayer soggetti interessanti di identificazione e trasformazione. Nel corso di questo nostro studio in seguito ad un approccio teorico, analizzeremo come tecnicamente avviene questo processo e quali siano le tattiche messe in atto dagli individui all'interno degli spazi online e offline per la loro rappresentazione.
Un importante contributo a questo studio è stato dato grazie ai lavori di Marco Pellitteri Il drago e la saetta: modelli, strategie e identità dell'immaginario giapponese (2006) che ha il merito di esprimere una riflessione esaustiva riguardo l'arrivo della cultura pop nel panorama europeo nonché italiano. Il suo lavoro di approfondimento su anime e manga servirà come punto di partenza per gli autori successivi per tentare di spiegare l'esplosione del Cosplay.
Il lavoro è suddiviso in due parti, nella prima parte illustreremo i fondamenti dell'immaginario e delle dinamiche che hanno portato l'industria culturale ad attingere dai suoi modelli per standardizzare contenuti dalla parvenza originale. Grazie all'importazione dell'intrattenimento giapponese nel panorama italiano sin dagli anni '70-'80, vedremo come con l'arrivo di questi prodotti l'opinione su tutto il settore sia stata influenzata in maniera negativa, connotando questi nuovi contenuti come pericolosi e dannosi per lo sviluppo psicologico dei bambini, riconducendo ad anime, manga e videogiochi del settore, un mero tentativo di condizionare le giovani menti ad un inneggiamento dei valori nipponici (Vanzella, 2005). Parleremo inoltre di come il Cosplay possa essere considerato come una nuova sottocultura emergente e non solo una moda passeggera destinata ad essere dimenticata (ibidem). Sin dai tempi più antichi il travestimento e la maschera hanno fatto parte della vita dell'individuo, nelle società arcaiche l'utilizzo di questi elementi accompagnava un processo deformativo del soggetto che avveniva sia sul piano corporeo che inconscio, nella società moderna di oggi, la maschera è uno strumento che protegge un'identità spogliata del suo valore magico di metamorfosi che diventa un oggetto di ludico divertimento (Fimiani, 1984).
Nella seconda parte analizzeremo le due componenti fondamentali del Cosplay, la parte legata all'importanza del Costume, in base alla quale ne derivano diverse categorie e generi che saranno approfondite (Lotecki, 2013), e la sezione dedicata al play ovvero alla dimensione del gioco e alle sue rappresentazioni online e offline. Come vedremo, l'importanza che assume il costume per il Cosplayer, ne determina delle categorie gerarchiche che differenziano il Cosplayer amatoriale da quello professionale, l'investimento di tempo, risorse e denaro può incidere sulla resa finale del lavoro e far acquisire notorietà e prestigio ai Cosplayer con più dedizione. L'elemento del costume fa parte della dimensione più ampia del gioco del Cosplay che si costruisce egualmente sia nel mondo online che in quello offline (Kane, 2017). La partecipazione alle fiere Cosplay e ai principali raduni dove la presenza fisica viene notata, contribuisce a generare scambi relazionali fra altri Cosplayer e il pubblico, e a produrre materiale originale per essere postato e condiviso con la propria fanbase ricalcando il modello di micro-celebrity proposto da Alice Marwick, (2015).
Questa estremizzazione della rappresentazione, dove non vi è più scissione fra la dimensione reale e quella immaginaria, è particolarmente evidente per quanto riguarda il panorama orientale ma non è escluso che possa presto entrare a far parte della nostra vita quotidiana.

Informazioni tesi

  Autore: Lidia Macrì
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Comunicazione e pubblicità per le organizzazioni
  Relatore: Laura Gemini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 125

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Cos’è il fenomeno Cosplay? Come si diventa Cosplayer? Cosa spinge una persona da semplice consumatore di prodotti culturali a travestirsi e girare mascherata interpretando un personaggio? Come si rappresenta un Cosplayer? Lo scopo di questa analisi è quello di esaminare l’emergere di un fenomeno globale, quale quello del Cosplay, nelle sue rappresentazioni come espressione di un prodotto dell’immaginario. Il metodo di approccio utilizzato affronta il quesito servendosi del metodo autocritico nella sua totalità (Morin, 1962), quest’analisi del fenomeno prevede la partecipazione attiva dell’osservatore nei confronti del suo oggetto di studio integrando l’analisi oggettiva all’osservazione effettuata. L’attenzione verso questo soggetto d’osservazione è stato guidato da una passione personale per il Cosplay e la cultura pop nelle sue varie forme, che nel corso degli anni ha iniziato ad interessare da un punto di vista sociologico gli studi su questa forma di travestimento (Kane, 2017; Flatt, 2015; Nesic, 2013; Lamerichs, 2013; Lotecki, 2013; Rahman, 2012; Vanzella, 2005;). Possiamo innanzitutto chiarire che un Cosplayer è una persona molto appassionata di anime e manga, in questo caso ne parleremo come di un fan, collezionista di dvd, gadget e Tankōbon 1 , che realizza con i propri mezzi costumi ispirati ai personaggi di queste opere con la finalità di essere indossati durante i raduni dedicati alla cultura pop. L’attività del travestimento è tuttavia trasversale alla passione per anime e manga, in quanto è possibile indossare i panni di qualunque personaggio di fantasia, sia esso appartenente al mondo dei fumetti americani, telefilm, film o videogiochi. 1 Particolare formato cartaceo, (13x18 cm) utilizzato nell’industria manga.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

rappresentazione
teatro
travestimento
maschera
manga
anime
cultura pop
cosplay
cosplayer
gioco e performance

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi