Skip to content

Storia di una beffa mediatica: il caso dei ''falsi Modì'' ​

Informazioni tesi

  Autore: Sara Bonsignori
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Federico Mazzei
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 53

Il caso delle false teste di Modigliani è la storia di una beffa mediatica che ha coinvolto la storia dell’arte, la politica, l’intera città di Livorno e soprattutto la stampa locale e nazionale.
Tutto ebbe inizio durante la mostra della nascita di Modigliani, artista livornese che, secondo la leggenda, avrebbe buttato nel Fosso Reale alcune sue sculture reputate di basso livello.
L’elaborato ripercorre la "beffa di Livorno" entrando nello specifico e nel primo capitolo analizza l’attesa e il ritrovamento delle sculture con particolare attenzione alla notizia della scoperta, la sua evoluzione, il sentimento di attesa e il clamore mediatico.
In apertura del secondo capitolo vi è il dibattito tra critici e giornalisti contrapponendo chi proclama l’autenticità delle teste sostenendo che le opere sono talmente originali e uniche, che identificarle è facile anche per i meno esperti, a chi, invece, ne annuncia la burla sapendo che, ai livornesi piace scherzare.
Fulcro del terzo e ultimo capitolo è, infine, la rivelazione della beffa e gli strascichi che lascerà, tra cui, il duro colpo che la credibilità dell’intero mondo della critica d’arte subisce.
Tutto l’elaborato si basa sull’analisi oggettiva, sostenuta da fonti di natura specialmente giornalistica, cercando di mettere in luce ciò che ha significato la burla di Livorno.

Informazioni tesi

  Autore: Sara Bonsignori
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Federico Mazzei
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 53

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
29 3. La rivelazione della beffa 3.1 I falsari si svelano In questo paradossale contesto, tra chi continuava a credere le teste vere e chi, anche se in maniera sommessa e in numero minore, credeva fossero fasulle, ecco che si alzò il sipario sulla tragedia che ebbe come interpreti le teste di Modì. Il giornale «La Nazione», riportò una chiamata ricevuta in redazione: «con una telefonata anonima alla nostra redazione, mentre a Villa Maria era in corso la festa, è stato deposto un rotolino fotografico. Dalle immagini ricavate si può osservare una testa scolpita in pietra che l’anonimo indica, con un cartello, come opera scolpita da Modigliani e ripescata nel fosso nel 1954, vicino al caffè Bardi. Cosa vuol fare intendere con quelle immagini? Presumibilmente che già trent’anni fa fu ritrovata una scultura. Una cosa è certa: da una osservazione anche superficiale non si ricavano analogie con le opere esposte e catalogate a Villa Maria» 58 . Poche ore dopo la telefonata anonima, l’agenzia Ansa diffondeva ai giornali la notizia che un settimanale, nel numero in edicola il giorno dopo, avrebbe pubblicato un servizio che raccontava di tre giovani livornesi che affermavano di essere gli autori della seconda testa ritrovata il 24 luglio e che, totalmente inesperti del mestiere, l’avrebbero gettata nella zona delle ricerche per farla appositamente trovare proprio dove aveva indicato la Durbé. Si aggiungeva, infatti, che la tipologia della pietra che i ragazzi dicevano di aver scolpito, cioè quella in arenaria, era presente nel catalogo pubblicato il giorno prima a cura di Dario Durbé, nel quale venivano dettagliatamente riportate le teste ripescate nel Fosso ed esposte a Villa Maria. E’ da sottolineare che, in detto catalogo, pareri illustri e critici di alto rango, attribuivano senz’ombra di dubbio le opere a Modì; in più, al capitolo dedicato agli esami di natura tecnica si diceva, tra l’altro: «dalle osservazioni compiute e dai dati raccolti nulla emerge che sia contrario all’ipotesi che le due sculture recuperate giacciono sul fondo dei Fossi a partire dal 1909; molte prove indiziarie indicano anzi come questa ipotesi sia corretta» 59 . 58 G. Isozio, Chi si burla di Modì, «La Nazione», 3 settembre 1984, p. 4. 59 Ibidem.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

media
modigliani
beffa mediatica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi