Skip to content

Il Disturbo dello Spettro Autistico: comunicare nell'incomunicabilità attraverso le immagini

Informazioni tesi

  Autore: Viviana Venezia
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi Niccolò Cusano - Telematica Roma
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Francesco Peluso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 39

Per la maggior parte di noi la comunicazione quotidiana è cosi immediata, efficiente e automatica da non ricordarci degli sforzi fatti da piccoli per imparare a parlare, ma come abbiamo visto le persone con Disturbo dello Spettro Autistico, così come avviene in un’ampia gamma di altri quadri clinici che presentano disabilità comunicative, non sono in grado di comunicare senza sforzo e non riescono a rispondere ai propri bisogni comunicativi attraverso il linguaggio naturale. Non potendo parlare e poter esprimere i loro bisogni quotidiani, queste persone hanno notevoli limitazioni nella comunicazione e nella partecipazione in tutti gli aspetti della vita, famiglia, lavoro, istruzione, vita sociale. Diventa quindi necessario offrire la possibilità di attuare degli interventi che migliorino la loro efficacia comunicativa, poiché essere in grado di comunicare è fondamentale ed è un diritto degli esseri umani.

Spesso l’apprendimento del linguaggio verbale, per i bambini autistici, non risulta un mezzo di comunicazione efficace, essendo però note le loro buone abilità in ambito visuo-spaziale la Comunicazione Aumentativa Alternativa assume un ruolo importante per poter far fronte alle difficoltà di questi soggetti.

La CAA è la sigla che rappresenta un nuovo orientamento clinico-riabilitativo-educativo nell’ambito delle disabilità verbali.

Informazioni tesi

  Autore: Viviana Venezia
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi Niccolò Cusano - Telematica Roma
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Francesco Peluso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 39

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. Il Disturbo dello Spettro Autistico 1.1 Percorso storico del Disturbo dello Spettro Autistico L’Autismo Infantile rappresenta una delle sindromi più preoccupanti ed enigmatiche dell’età evolutiva. La manifestazione del disturbo presenta un insieme di sintomi ampio e complesso, tale da rendere difficile la classificazione dal punto di vista diagnostico. Per tale motivo l’Autismo è considerato un disturbo generalizzato e pervasivo dello sviluppo poiché ne compromette diverse aree presentando manifestazioni diverse con peculiarità proprie, oggi infatti è denominato Disturbo dello Spettro Autistico, proprio perché la parola “spettro” indica il presentarsi dei sintomi lungo un continuum con diversi livelli di gravità e combinati in diverso modo tra loro a seconda dei casi. Lo spettro autistico è caratterizzato da una triade principale di sintomi che coinvolgono l’ambito sociale (compromissione, ritardo o atipicità dello sviluppo e delle competenze sociali), comunicativo (compromissione e atipicità del linguaggio e della comunicazione verbale e non-verbale) e comportamentale (presenza di comportamenti ritualistici/ripetitivi). La parola autismo deriva dal greco “autùs” che significa “sé stesso”, tale termine venne utilizzato per la prima volta nel 1911 da Eugen Bleuer, psichiatra svizzero, il quale aveva individuato nella Schizofrenia un sintomo secondario importante, una particolare forma di isolamento e la fuga in realtà fantastiche. Per diverso tempo il termine autismo rimase legato ai quadri clinici di schizofrenia. Fu nel 1943 che Leo Kanner, psichiatra

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione
linguaggio
autismo
terapia
dsa
asd
caa
comunicazione aumentativa alternativa
disturbo dello spettro autistico
disturbo della comunicazione

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi