Skip to content

Assistenza infermieristica in paziente affetto da epatocarcinoma sottoposto a trattamento di termoablazione

Informazioni tesi

  Autore: Carmine Pane
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Scienze Infermieristiche
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Stefania Zanni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 44

L’epatocarcinoma è una patologia del fegato, una grossa ghiandola del corpo umano che svolge molteplici funzioni: interviene nel metabolismo dei glucidi fungendo da deposito di glicogeno, interviene nella sintesi di acidi grassi, distrugge e metabolizza i globuli rossi morti, recuperando il ferro legato all'emoglobina e creando metaboliti che vengono aggiunti alla bile come pigmenti, funge da deposito di vitamine e ferro ed interviene nel loro metabolismo e infine il fegato interviene anche nella sintesi di aminoacidi non essenziali.
L’epatocarcinoma rappresenta la quinta neoplasia più frequente e la quarta causa di morte per malattia neoplastica nel mondo (Mazzeo, 2001).
Negli ultimi anni grazie a mezzi diagnostici più numerosi e precisi, le possibilità terapeutiche sono aumentate. In particolare è aumentata la possibilità di arrivare alla diagnosi di epatocarcinoma in stadio iniziale. Questo perché gli studi epidemiologici hanno permesso di selezionare una popolazione a rischio rappresentata dai malati di cirrosi epatica e di epatite cronica da virus B e C e di sottoporli a programmi di controllo che prevedono il dosaggio dell’alfa-fetoproteina ed ecografie periodiche, in genere ogni 4-6 mesi, a seconda del tempo di durata della malattia e del tipo di cirrosi.
Contemporaneamente lo sviluppo dei trattamenti non operatori come la chemioembolizzazione, l’alcolizzazione, la radiofrequenza, la crioterapia e la fotocoagulazione interstiziale (Nd–YAG), nonché gli ottimi risultati ottenuti in casi selezionati con il trapianto, hanno portato a successi sia in termini di qualità di vita, oltre ai successi in termini di sopravvivenza.
Il ruolo e le competenze infermieristiche nell’assistenza al paziente con epatocarcinoma si sono arricchite insieme alle altre discipline coinvolte nell’aspetto diagnostico e di cura, in particolare l’infermiere deve conoscere tutto l’iter diagnostico e terapeutico del paziente per poter rivolgere l’assistenza nel modo più adeguato e valido.
È necessario acquisire conoscenze e competenze sempre più specialistiche, e viene richiesta una visione multidisciplinare, al fine di garantire la sicurezza delle cure e una presa in carico del paziente che continui anche dopo la cura.
L’infermiere può essere ancor più coinvolto a livello territoriale anche per gli aspetti di prevenzione, al fine di segnalare ai medici di medicina generale eventuali comportamenti del paziente che lo pongono a rischio, ed eventualmente rafforzare gli aspetti educativi sugli stili di vita corretti.
L’obiettivo di questo lavoro di tesi è quello di mettere in evidenza le principali linee giuda sull’argomento, evidenziando gli eventuali ambiti di competenza infermieristica per una giusta gestione del paziente con epatocarcinoma, trattato con tecniche interventistiche mininvasive.

Informazioni tesi

  Autore: Carmine Pane
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Scienze Infermieristiche
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Stefania Zanni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 44

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9 2) C a rc inoma misto: è un c a rc inoma c on doppia c ompone nte , e pa tic a e dutta le , diffe re nz ia te da un punto di vista immunoistoc himic o pe rc hé la c ompone nte dutta le produc e muc ina (PAS positivo) e d è positiva pe r le c itoc he ra tine AE -1 e d AE -3 (a d a lto pe so mole c ola re ), me ntre la c ompone nte e pa toc e llula re è PAS ne ga tiva e d è positiva pe r c itoc he ra tine 8-18. 3) C a rc inoma sc irroso, in c ui la c ompone nte fibrosa è e c c e ssiva me nte ra ppre se nta ta . 4)C a rc inoma sc le rosa nte , simile a l c a rc inoma de i dotti bilia ri. 1.2 L a stadiaz ione Il primo sc he ma di sta dia z ione è sta to proposto ne l 1971, a se guito de l simposio di Ka mpa la , poi modific a to da Prima c k e t a l. ma sono sta ti poc o utiliz z a ti. L o sc he ma proposto da Okuda e t a l. ne l 1985 (L ivra ghi, 1997) ha otte nuto inve c e un’a mpia diffusione , pe r la se mplic ità e pe r il fa tto di pre nde re in c onside ra z ione sia pa ra me tri funz iona li (pre se nz a di a sc ite , va lori e ma tic i di a lbumina e bilirubina ) fa c ilme nte disponibili, sia le dime nsioni de l tumore . T a le sc he ma pre ve de va solo 3 sta di: I sta dio: tumore c he oc c upa me no de l 50 % de l volume e pa tic o, non vi è a sc ite , l’a lbumina è > 3 g % e la bilirubine mia è < 3 mg %; II sta dio: a lte ra z ione di uno o due pa ra me tri c onside ra ti; III Sta dio: a lte ra z ione di tre o di tutti i qua ttro pa ra me tri. Ne gli a nni suc c e ssivi, sia pe r le c onosc e nz e di nuovi fa ttori prognostic i sia pe r le informa z ioni se mpre più a c c ura te fornite da lle te c nic he d’ima ging e sia , sopra ttutto, pe r i progra mmi di sc re e ning e c ogra fic o c he ha nno a ntic ipa to di molto l’e vide nz ia z ione de ll’HC C , si è se ntita la ne c e ssità di e la bora re sc he mi sta dia z ione più de tta glia ti, c he pote sse ro risponde re in ma nie ra più c omple ta a i nuovi bisogni. E ’ sta ta quindi proposta la sta dia z ione pa tologic a T NM de lla UIC C : a ) T ( tumore primitivo ) T X: tumore primitivo non può e sse re e vide nz ia to; T 0: ne ssuna e vide nz a di tumore primitivo; T 1: tumore unic o, dia me tro < 2 c m se nz a inva sioni va sc ola ri; T 2: tumore unic o, dia me tro < 2 c m c on inva sione va sc ola re ; o tumore unic o, dia me tro > 2 c m se nz a inva sione va sc ola re ; o tumori multipli ne llo ste sso lobo dia me tro < 2 c m, se nz a inva sione va sc ola re ; T 3: tumore unic o dia me tro > 2 c m c on inva sione va sc ola re ; o tumori multipli ne llo ste sso lobo, dia me tro > 2 c m c on o se nz a inva sione va sc ola re ;

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tesi
assistenza infermieristica
infermiere
termoablazione
fegato
epatocarcinoma
hcc
tecniche mininvasive
nih

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi