Skip to content

I ricordi della terapia intensiva: sperimentazione dell'utilità di lettere di dimissione ai pazienti della rianimazione del pronto soccorso nel ridurre il disturbo post traumatico da stress

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Fiorani
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Scienze Infermieristiche
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Silvia  Pini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

Questo studio si propone di analizzare l’utilità di una lettera di dimissione indirizzata direttamente al paziente nel ridurre il disturbo post traumatico da stress nel post ricovero in Rianimazione.
Viene scritta in termini non medici e facilmente comprensibili rivolta direttamente al paziente e racconta del suo ricovero in Rianimazione.
Il suo scopo è quello di colmare il” vuoto dei ricordi” e “riordinare” i ricordi presenti, spesso vissuti come deliri di persecuzione, torture, che generano talvolta disturbi d’ansia e una più lenta ripresa della vita normale.
Metodi: A partite da Aprile fino a Luglio 2017 tutti i pazienti ricoverati in Rianimazione del Pronto Soccorso di Cisanello con un età compresa tra i 18-80 anni e una permanenza in terapia intensiva > di 5 giorni, in assenza di lesioni cerebrali acute, pregressa demenza, storia di etilismo, sono stati arruolati nel nostro studio. A distanza di 1-2 mesi dalla dimissione il paziente e un suo familiare di riferimento sono stati contattati telefonicamente per valutare l’utilità e il gradimento di questa lettera consegnata.
Risultati: totale 8 lettere.
4 pazienti e 7 familiari hanno esaminato la lettera.
Al momento della telefonata Il 60% dei pazienti non è ansioso-depresso, il 30% è moderatamente ansioso-depresso, il 100% ha letto dalle 1-3 volte la lettera, il 25 % ha definito la lettera utile e il 75 % molto utile.
Il 90% dei familiari ha letto 1-3 volte mentre il 10% ha letto più di 5 volte,
Il 43% ha definito questa lettera utile il 57% molto utile.
Nessuno ha definito questa lettera inutile.
Tutti hanno definito il linguaggio amichevole, i contenuti chiari e hanno consigliato di estendere la lettera ad altri pazienti della Terapia intensiva
Discussione
Questa lettera è una sorta di diario per il paziente; spiega il motivo del suo arrivo in Pronto Soccorso, per quanto tempo è stato ricoverato, gli interventi che ha subito, il periodo di sedazione e di ventilazione meccanica, il delirium post sedazione e tutte le altre vicende riguardo al suo ricovero.
Anche i caregivers dei pazienti in Rianimazione possono essere vittime di disturbo post traumatico e per questo abbiamo deciso di somministrare il questionario sull’utilità della lettera anche ai Familiari.
Sia pazienti che familiari ci hanno piacevolmente sorpreso con frasi di sincera stima e di affetto.
Tra tutte, quella che mi ha fatto più emozionare è stata la risposta della figlia di un paziente:
“E’ stato un piacere riceverla, ci siamo sentiti considerati e amati. Profuma di familiarità.
Grazie davvero.”
Conclusioni: Alla fine di questo studio, i feedback che sono arrivati sono stati più che soddisfacenti e, nonostante lo sforzo richiesto per la traduzione delle patologie e delle problematiche cliniche in un linguaggio non medico e ben comprensibile, può essere davvero utile provare ad estendere questa lettera ad altri pazienti e, forse, non solo per le persone ricoverate in Rianimazione ma anche nelle varie degenze.

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Fiorani
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Scienze Infermieristiche
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Silvia  Pini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 2 IL DELIRIUM E PICS (POST-INTENSIVE CARE SYNDROME) 2.1 Definizione di Delirium e aspetti generali Il Delirium, o disfunzione cerebrale acuta, è un disturbo della coscienza, ossia una riduzio- ne della lucidità della percezione dell’ambiente. Esso comporta una alterazione cognitiva o lo sviluppo di una alterazione percettiva che non è possibile attribuirla con maggiore pro- babilità ad una demenza preesistente. Il delirium viene associato a una ridotta capacità di focalizzare, mantenere o spostare la concentrazione e solitamente è reversibile, ma i deficit cognitivi, permangono per settima- ne o mesi prima di sparire dopo la guarigione(19) La diagnosi viene proposta dal manuale American Psychiatric Association (DSM-5 edizio- ne) che prevede 5 criteri diagnostici: 20

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tesi sperimentale
disturbo post traumatico da stress
medicina narrativa
caregivers
delirium
pics
terapia intensiva aperta
lettere dimissioni
rianimazione
terapia intensiva

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi