Skip to content

Il ruolo del care-giver in salute mentale

Informazioni tesi

  Autore: Maria Chiara Martino
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Infermieristiche
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Mariangela Civalleri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 59

Introduzione: il care-giver, per definizione, è la persona che si occupa dell'assistenza e della cura di coloro che non sono più in grado di provvedere a sé stessi in autonomia. Nel pensiero comune il care-giver è un familiare, ma ciò non è detto, in quanto può esserlo anche una persona esterna alla famiglia. Proprio per la sua specificità il care-giver riveste un ruolo faticoso soprattutto a livello emotivo che può arrivare anche a livelli di stress elevati. L'obiettivo è quello di dettagliare al meglio il ruolo che svolge il care-giver in salute mentale e di rilevare il livello di stress percepito svolgendo e portando avanti questo importante impegno.

Materiali e metodi: somministrazione dello Zarit Burden Interview a un campione di 20 care-givers che partecipavano ai gruppi di auto-mutuo-aiuto presso le sedi ASL di Fossano e Savigliano. L'indagine si è svolta tramite e-mail e colloqui telefonici nei mesi di febbraio e marzo 2021. Parallelamente è stata fatta anche una ricerca bibliografica consultando le banche dati, da cui sono stati presi in considerazione 4 articoli. Le parole chiave utilizzate sono: "Care-giver", "Mental Illness", "Mental Health", "Burden", "Education", "Quality of life", "Self-help groups", che sono state combinate con gli operatori booleani "AND" e "OR". I criteri di inclusione utilizzati sono: linee guida, revisioni sistematiche, RCT e studi rivolti alla popolazione adulta (18-70anni); mentre, i criteri di esclusione riguardano: popolazione pediatrica, pazienti con trauma cranico, pazienti con Alzheimer.

Risultati: Ai questionari hanno risposto 13 persone: 9 femmine e 4 maschi. Dai risultati riscontrati si può notare che il 69% dei care-givers non percepisce sovraccarico, mentre il 31% percepisce sovraccarico lieve.
Risultati riportati dalla ricerca in letteratura, invece, permettono di comprendere che: i care-giver spesso sono stressati dalla relazione di cura con la persona malata, ma la partecipazione ai gruppi di auto mutuo aiuto in presenza può essere uno strumento favorevole per gestire il burden. Analisi e discussione:l'obiettivo era quello di individuare il carico di stress percepito dai care-givers e la loro esperienza, in modo da poter avanzare delle strategie di supporto al fine di migliorarne la qualità di vita. A causa della pandemia da Covid-19 e dalle limitazioni imposte dal Governo è stato impossibile incontrare di persona i care-givers; così si è pensato di somministrare i questionari tramite e-mail e telefonicamente, ma, alcune persone non sono state in grado di rispondere per via telematica poiché non in grado di utilizzare la tecnologia, mentre altri non hanno voluto rispondere per motivi personali. Insieme alla rilevazione del livello di burden, ci si è proposti di indagare su eventuali caratteristiche del care-giver che potessero influenzare il burden percepito. Dai risultati riscontrati con la somministrazione dei questionari si può notare che: il 73% del campione ha risposto variabilmente assegnando un punteggio da 0 a 2 (mai/a volte). In generale solo il 29% del campione a volte si sente lievemente sovraccaricato essendo "2" la risposta più frequente. Le persone di sesso maschile hanno dato risposte piuttosto contrastanti: il 28% ha risposto che percepisce spesso il sovraccarico, mentre il 35% mai; il sesso femminile, invece, ha dato una gradazione più variabile di risposte.
Analizzando i risultati ottenuti dalla letteratura, si può dedurre che molti care-givers hanno avuto molte difficoltà. La partecipazione ai gruppi di auto mutuo aiuto in presenza può essere uno strumento favorevole alla gestione dello stress rispetto alla partecipazione online. I figli generalmente fanno molta più fatica a prendersi cura dei genitori che non viceversa. Questi ultimi hanno bisogno di un'informazione più precisa; il semplice accesso alle informazioni mediche non mediato da personale che integri quanto appreso non è sufficiente per sostenere la situazione familiare. L'esperienza di care-giving nelle persone giovani può aiutare a crescere personalmente; d'altro canto, risulta essere importante l'educazione, la preparazione e l'esperienza del care-giver per poter svolgere al meglio il proprio lavoro.

Conclusioni: Il care-giver ha un grande carico sul piano psicologico, in cui i vissuti più frequenti, sono: la solitudine, l'incertezza sul futuro, le conseguenze emotive del contatto costante con la persona malata.
Un aumento del burden del care-giver può portare a conseguenze negative sulla qualità di vita di chi assiste e di rimando sulla qualità dell'assistenza erogata.
È emerso sia dagli studi che dalla somministrazione dei questionari che la partecipazione ai gruppi di auto mutuo aiuto (AMA) può essere uno strumento efficace per dare una risposta al burden dei care-givers.

Informazioni tesi

  Autore: Maria Chiara Martino
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Infermieristiche
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Mariangela Civalleri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 59

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 IL RUOLO DEL CARE GIVER IN SALUTE MENTALE ABSTRACT: Introduzione: il care-giver, per definizione, è la persona che si occupa dell’assistenza e della cura di coloro che non sono più in grado di provvedere a sé stessi in autonomia. Nel pensiero comune il care-giver è un familiare, ma ciò non è detto, in quanto può esserlo anche una persona esterna alla famiglia (es. operatori socio sanitari, badanti, volontari). Proprio per la sua specificità il care-giver riveste un ruolo faticoso soprattutto a livello emotivo che può arrivare anche a livelli di stress elevati. L’obiettivo di questo lavoro è quello di dettagliare al meglio il ruolo che svolge il care- giver in salute mentale e di rilevare il livello di stress percepito svolgendo e portando avanti questo importante impegno. Materiali e metodi: il seguente lavoro è stato eseguito tramite la somministrazione dello strumento di indagine: lo Zarit Burden Interview a un campione di 20 care-givers che partecipavano ai gruppi di auto-mutuo-aiuto presso le sedi ASL di Fossano e Savigliano. L’indagine si è svolta tramite e-mail e colloqui telefonici (a causa dell’impossibilità di incontrarsi di persona per la pandemia da Covid 19) nei mesi di febbraio e marzo 2021. Parallelamente è stata fatta anche una ricerca bibliografica consultando le banche dati, da cui sono stati presi in considerazione 4 articoli. Le parole chiave utilizzate sono: “Care-giver”, “Mental Illness”, “Mental Health”, “Burden”, “Education”, “Quality of life”, “Self-help groups”, che sono state combinate con gli operatori booleani “AND” e “OR”. I criteri di inclusione utilizzati sono: linee guida, revisioni sistematiche, RCT e studi rivolti alla popolazione adulta (18-70anni); mentre, i criteri di esclusione riguardano: popolazione pediatrica, pazienti con trauma cranico, pazienti con Alzheimer. Risultati: ai questionari hanno risposto 13 persone: 9 femmine e 4 maschi. Dai risultati riscontrati si può notare che il 69% dei care-givers non percepisce sovraccarico, mentre il 31% percepisce sovraccarico lieve. Il 28% delle persone di sesso maschile hanno risposto che percepiscono spesso il sovraccarico, mentre il 35% mai; le femmine, invece, hanno dato una gradazione più variabile di risposte; solamente il 32% percepisce un sovraccarico lieve. È possibile

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi