Skip to content

Il See & Treat in Pronto Soccorso. Uno studio retrospettivo quali-quantativo

Informazioni tesi

  Autore: Niccolò Ignesti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Infermieristiche
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Federico Bacci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 137

Il See & Treat è un modello, gestito dall’infermiere di Pronto Soccorso, mirato a dare una risposta assistenziale alle urgenze classificate come minori. È sviluppato sulla base di protocolli medico-infermieristici condivisi e standardizzati ed ha come obbiettivo il prevenire dell’Overcrowding, ovvero il sovraffollamento del Pronto Soccorso.
Il presente elaborato di tesi intende osservarne e valutarne l’attuale stato dell’arte in alcuni degli ospedali dell’area fiorentina che hanno adottato questo modello, andando ad analizzarne i suoi punti di forza e di criticità, al fine di poter formulare ipotesi future mirate al perfezionamento del percorso See & Treat.
Lo studio ha previsto una revisione della letteratura, italiana ed internazionale, sul tema See & Treat e Overcrowding. Si è svolto quindi uno studio di triangolazione attraverso la somministrazione di questionari ad infermieri impiegati nei Pronto Soccorso degli ospedali San Giovanni di Dio, Santa Maria Annunziata e AOU Careggi e alcune interviste ad esponenti universitari e dirigenziali infermieristici. Infine, sono stati raccolti ed analizzati i dati statistici di un periodo di 6 mesi di See & Treat nel Pronto Soccorso dell’ospedale San Giovanni di Dio.
La ricerca ha permesso di evidenziare punti di forza e criticità del See & Treat. Tra i punti di forza troviamo la riduzione del tempo di attesa (media di ~22 min.), di permanenza in DEA (media di ~52 min.) e degli allontanamenti spontanei (0,3% nei sei mesi presi in esame) oltre all’assenza di reingressi per complicanze nelle 72H successive. Per quanto riguarda le criticità, si notano la totale mancanza di spazi adibiti al S&T, in particolare per l’ospedale S.M. Annunziata, i numerosi criteri di esclusione dagli attuali protocolli, oltre alla reticenza dei radiologi ad accettare richieste da parte degli infermieri (dato ampiamente rilevato).
Gli infermieri hanno valutato lo stato attuale del See & Treat sufficiente con una media di 6 in una scala da 0 a 10, esprimendo per il 95% la necessità di istituire corsi di aggiornamento.
Inoltre, il 64% ritiene insufficiente il numero di infermieri formati al S&T e il 61% incrementerebbe il numero di protocolli.
Per quanto riguarda il percorso S&T nel territorio fiorentino emerge che la fruizione nell’Ospedale San Giovanni di Dio risulta di gran lunga superiore (592 casi nei sei mesi presi in esame) rispetto agli ospedali S.M. Nuova e S.M. Annunziata (rispettivamente 0 e 7 casi in tutto il 2018).
Dopo la sperimentazione effettuata nel corso dello studio possiamo evidenziare innanzitutto la necessità di prevedere spazi dedicati allo svolgimento delle attività di See & Treat, così che questo diventi uno standard per tutti gli ospedali del territorio italiano. Si ritiene inoltre opportuno inserire la formazione al S&T nel piano di studi del Corso di Laurea triennale e l’istituzione di corsi di aggiornamento specifici a cadenza semestrale e annuale con il referente infermieristico del See & Treat.
Al fine di migliorare la validità e l’efficacia di questo modello si propone quindi la necessità di revisionare gli attuali protocolli operativi valutandone l’eventuale incremento.
Si ritiene però di fondamentale importanza abbattere le reticenze culturali evidenziate dallo studio che interessano principalmente il personale medico nei confronti della continua crescita della figura professionale dell’infermiere, come espresso dalla stessa dirigenza infermieristica nelle interviste da me effettuate.

Informazioni tesi

  Autore: Niccolò Ignesti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Infermieristiche
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Federico Bacci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 137

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 6 C A P I T O L O III – I N D I C A T O R I D I R I S C H I O C L I N I C O A S S I S T E N Z I A L E Uno st rument o per l’analisi dei risc hi c linic i assist enziali a disposizione dell’infermiere è la FM EA – FM ECA. FM EA La FM EA – Failure M ode and Effec t s Analysis, t raduc ibile in it aliano c ome “ Analisi dei modi di guast o/errore e dei loro effet t i” c onsist e in una modalit à d’ident ific azione dei risc hi nat a in ambit o aerospaziale, per prevenire i pot enziali errori. Si effet t ua un’analisi di t ipo quant it at ivo dei singoli c omponent i di un sist ema per det erminare gli inc onvenient i (Failure M ode) e gli effet t i (Effec t s) sul sist ema. FM ECA La FM ECA – Failure M ode and Effec t Crit ic ally Analysis, t raduc ibile in it aliano c ome “ Analisi crit ica dei modi di guast o/errore e dei loro effet t i” aggiunge un perc orso di valut azione orient at o all’assunzione di dec isioni operat ive c oerent i. A differenza della FM EA, quest ’ult ima aggiunge valenze quant it at ive, ed è per quest o mot ivo c he approfondirò quest a met odic a per parlare del risc hio c linic o in ambit o di S&T. HFM EA La Healt h Care Failure M ode and Effec t Analysis e ̀ una met odologia c he nasc e dall’int egrazione t ra la FM EA e l’HACCP (Hazard Analysis and Crit ic al Cont rol Point ) ed e ̀ st at a sviluppat a dalla “J oint Commission on Accredit at ion of Healt hcare Organizat ion” – J CAHO . Si t rat t a di una t ec nic a proat t iva applic abile all’analisi dei proc essi prima c he si verific hi l’errore. La HFM ECA nella sua part e iniziale e ̀ similare alla FM EA, ment re analogament e alla HACCP ut ilizza un albero dec isionale, ovviament e adat t at o, all’analisi di risc hio nel set t ore ospedaliero. Per eseguire la c lassific azione in ordine di priorit à dei

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

protocolli
ospedale
infermiere
pronto soccorso
sovraffollamento
see & treat
codici minori
urgenze minori
tempi di attesa
overcrowding

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi