Skip to content

Le Core Competence dell'Infermiere in Unità Spinale: nuovi percorsi formativi

Informazioni tesi

  Autore: Martina Laera
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Infermieristiche
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Mauro Spotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 117

Razionale dello Studio:
Il prendersi cura della persona con lesione midollare rappresenta una sfida complessa per il team multidisciplinare dell'Unità Spinale. Al suo interno, l'Infermiere assume un ruolo importante influenzando positivamente gli outcome riabilitativi; per raggiungere questi target deve sviluppare e consolidare competenze avanzate nella prevenzione, ed. terapeutica e riabilitazione. Lo scopo di questa tesi è identificare, tramite la ricerca in letteratura scientifica e il confronto con le principali US italiane, le core competence utili ad orientare l'infermiere neoinserito in questo team multidisciplinare e sviluppare una proposta per il piano di inserimento dell'US di Firenze.

Materiali e Metodi:
Nell'elaborazione di questa tesi è stata eseguita una revisione libera di articoli scientifici dedicati ed è stato somministrato un questionario semistrutturato ai Coordinatori Infermieristici di 10 Unità Spinali Italiane. Le 28 domande proposte indagano sulla pianificazione e sull'organizzazione del piano formativo per gli Infermieri neo – inseriti in US.

Analisi e discussione dei Principali Risultati di Interesse Infermieristico
La revisione libera della letteratura scientifica ci ha permesso di individuare le competenze core dell'Infermiere che opera in Unità Spinale e riguardano diverse aree dell'assistenza: assistenza respiratoria, rieducazione vescicale e intestinale, assistenza alla persona con ridotta mobilità, management delle emergenze (es. TVP, LdP, disfagia ecc..), rieducazione sessuale, educazione terapeutica e supporto psicologico ed emotivo. L' indagine esplorativa condotta tramite il questionario inviato ad i coordinatori infermieristici ha invece portato alla luce sostanziali differenze riguardo le attività formative condotte, ad esempio: competenze richieste e valutate nella realtà indagata; modalità di designazione del Tutor; coinvolgimento interprofessionale nelle attività formative; indicatori di performance utilizzati; metodi formativi applicati all'apprendimento clinico; valutazione in merito alla gestione di tecnologie specificatamente adottate in Unità Spinale; realizzazione di workshop, riunioni, simulazioni in laboratorio e lezioni frontali; organizzazione di periodi di stage nelle strutture specialistiche dell'Unità Spinale e nei vari settori di degenza.

Conclusioni
Dalle riflessioni di questo lavoro emergono due criticità: l'assenza di un Core Curriculum, condiviso a livello Internazionale, delle competenze dell'Infermiere di Unità Spinale e le carenze nella formazione di base degli Infermieri riguardanti l'assistenza alla persona con lesione midollare. Risulta necessario un maggior supporto logistico da parte delle aziende di riferimento, per implementare i training formativi dedicati agli infermieri neo – inseriti in questa realtà multiprofessionale.

Informazioni tesi

  Autore: Martina Laera
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Infermieristiche
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Mauro Spotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 117

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Il prendersi cura della persona con lesione midollare rappresenta una sfida complessa per il team multidisciplinare; al suo interno, l'infermiere assume un ruolo importante influenzando positivamente gli outcome riabilitativi. I teorici del passato relegavano la persona ad un ruolo passivo mentre i sanitari sopperivano ai suoi bisogni di base; i nuovi modelli di nursing riconoscono la complessità dei soggetti assistiti e richiedono che il professionista abbia competenze avanzate nella prevenzione, nell’educazione e nella riabilitazione 1 . Il Nursing Riabilitativo è stato definito dalla ARN 2 come “la diagnosi e il trattamento delle risposte umane di individui e gruppi a problemi di salute reali o potenziali derivanti da capacità funzionali alterate”. È un processo dinamico che ha inizio nelle fasi iniziali del trauma o della malattia, prosegue attraverso la fase di “cura riparativa” e comporta l'adattamento del soggetto interessato ad una nuova vita. All’interno dell’US la figura infermieristica assume un ruolo centrale nell'intero percorso riabilitativo 3 , nella promozione di un modello clinico-assistenziale che superi il lavoro per compiti favorendo invece la presa in carico totale, globale e continuativa della persona. Garantire una reale personalizzazione dell’assistenza richiede che il professionista sia in grado di mettersi in discussione e di pianificare i propri interventi in base alle caratteristiche del singolo individuo. Deve saper comprendere i suoi bisogni, offrire supporto, incoraggiare il recupero dell’autonomia e sapersi relazionare con la rete familiare, assumendo anche il ruolo di educatore nei confronti sia del paziente che del caregiver, che sarà coinvolto e reso partecipe di ogni attività. In passato, la costruzione dei programmi riabilitativi veniva spesso monopolizzata da altre figure, in particolare fisioterapisti e terapisti occupazionali, relegando le attività di nursing ad un ruolo ausiliario. La letteratura ha ignorato questa figura professionale fino al 1980 quando Henderson ha proclamato che gli infermieri sono "riabilitatori per eccellenza" riconoscendo che molti interventi assistenziali fanno parte delle attività riabilitative essenziali, queste includono: il management del dolore, il supporto nelle ADL 4 , la mobilizzazione, la prevenzione delle complicanze legate all'immobilità, il supporto 1 Journal of Rehabilitation Medicine – Clinical Communications, Role of Nursing in Rehabilitation. Vol. 4, 2021, 2 American Nurses Association & Association of Rehabilitation Nurses. Rehabilitation nursing: scope of practice; process and outcome criteria for selected diagnoses. Kansas City, MO: American Nurses Association, 1988. 3 White et al. 2011 and Ross & Bower 1995 4 Activities of daily living

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

riabilitazione
infermiere
unità spinale
lesione midollare

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi