Skip to content

Antropologia di un disastro alpino: l'alluvione di Garessio del 2020 tra memoria ed esperienza.

Informazioni tesi

  Autore: Benedetta Rigo
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Internazionali, dello Sviluppo e della Cooperazione
  Corso: Scienze internazionali e diplomatiche
  Relatore: Pier Paolo Viazzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 65

Questo lavoro si propone di delineare quale sia l'approccio antropologico allo studio dei disastri e di applicarne gli strumenti a un caso empirico, individuato nell'evento alluvionale del 2-3 ottobre 2020 a Garessio, paesino dell'alta valle Tanaro, in Piemonte. Il lavoro si suddivide in due parti: la prima ha lo scopo di presentare l'antropologia dei disastri, le definizioni su cui si è basata per lo studio antropologico delle catastrofi, le applicazioni possibili, le domande di ricerca, il concetto di rischio. La seconda entra dettagliatamente nel caso studio dapprima contestualizzandolo (dove si trova Garessio, che danni ha causato l'alluvione, le ragioni metereologiche per cui si è verificata) e successivamente analizzando le testimonianze raccolte nel corso di interviste telefoniche incentrate sui temi della prevenzione dei disastri, della mitigazione dei rischi, delle politiche di gestione del territorio, del nesso uomo-luogo, della percezione dei cambiamenti climatici. La ricerca ha consentito di indagare da un punto di vista antropologico i modi in cui la popolazione ha vissuto, affrontato e gestito l'emergenza.

Informazioni tesi

  Autore: Benedetta Rigo
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Internazionali, dello Sviluppo e della Cooperazione
  Corso: Scienze internazionali e diplomatiche
  Relatore: Pier Paolo Viazzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 65

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Ho incontrato l’antropologia nel corso delle scuole superiori: fin dal principio ciò che mi ha colpito di questa area del sapere è stato l’interesse di arrivare a conoscere e infine a comprendere, senza giudizio, le altrui epistemologie, modi di vivere e concezioni del mondo. Durante i miei studi accademici ho coltivato questa passione, la quale successivamente mi ha spinto a voler orientare il mio lavoro di tesi sul tema. L’idea di studiare la risposta di una comunità a un disastro naturale, come un terremoto, un’eruzione vulcanica o un’alluvione, è maturata nell’ambito dei miei interessi personali. Ritengo che lo studio delle risposte di una comunità ai disastri possa essere la chiave per una migliore comprensione dell’efficacia o dell’inefficacia delle politiche di gestione del territorio, del tema della prevenzione dei disastri, della valutazione di interventi di lungo periodo in relazione alle variabili socio-culturali. Giacché nel momento del bisogno, dove le certezze crollano così come le strade e i ponti, le case e i palazzi, si rende ancora più urgente conoscere e ri-conoscere le relazioni che ci legano gli uni agli altri, che ci distinguono, che operano a nostra insaputa e che determinano i nostri comportamenti nei confronti dell’ambiente. Ho imparato a nominare antropologia dei disastri e antropologia del rischio le discipline che studiano i disastri- definiti da Oliver-Smith come i processi/eventi che interessano la combinazione di agenti potenzialmente distruttivi derivanti da un ambiente tecnico o naturale e una comunità umana che si trova in una condizione di vulnerabilità socialmente o tecnologicamente prodotta (Ligi, 2009, pag. 43) - in relazione agli ambienti socio-culturali in cui si verificano. “Il Tanaro è un amico, il Tanaro è un compagno di viaggio, il Tanaro è un simbolo del nostro paese, di Garessio” Cittadino di Garessio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]ne.it

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antropologia
ambiente
rischio
riscaldamento globale
cultura
disastri
catastrofi
douglas
cambiamento climatico
gianluca ligi

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi