Skip to content

Da Lombroso alla Criminologia Critica: uno studio sulle teorie sociologiche della devianza

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Camassa
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Lecce
  Facoltà: Scienze Sociali
  Corso: Sociologia
  Relatore: Marta Vignola
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 45

Il presente lavoro di tesi tratta delle principali teorie della devianza e della criminalità, a partire dal XIX secolo fino ai giorni nostri.
L’elaborato è diviso in due parti. Nella prima, dopo aver chiarito il significato del concetto di devianza, vengono approfondite le teorie bio-antropologiche e psicologiche del crimine. In particolare, viene analizzato il pensiero di Cesare Lombroso, fondatore dell’antropologia criminale e fautore della teoria del cd. “delinquente nato”, e dei sui discepoli Enrico Ferri e Raffaele Garofalo, il cui approccio al crimine è incentrato, rispettivamente, sui fattori socioeconomici e morali.
Successivamente, si affronta il susseguirsi delle varie teorie di matrice psicologica, come la teoria del “delinquente per senso di colpa” di Freud, gli studi di Reik sull’esistenza di un “impulso a confessare” e del desiderio di essere puniti, ma anche la convinzione diffusa della naturalità dell’aggressività umana e l’idea, più recente, che il comportamento aggressivo derivi dall’osservazione e/o dall’imitazione dei comportamenti altrui.
La seconda parte è invece dedicata all’aspetto sociologico del crimine. In questa prospettiva, è sembrato utile compiere una distinzione tra teorie del consenso e teorie del conflitto. Le prime ritengono che tra gli individui di una società vi sia un certo grado di accordo e focalizzano la loro attenzione sulla ricerca di quelle condizioni che possono garantire l’ordine sociale; al contrario, le seconde partono dall’idea che la società sia poco concorde e gli individui portatori di valori conflittuali. In linea generale, quindi, è possibile affermare che le teorie criminologiche di natura sociologica rintracciano le cause della devianza e del crimine nelle disfunzioni della società. Il crimine non è un fenomeno di “patologia individuale”, ma un risultato sociale.

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Camassa
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Lecce
  Facoltà: Scienze Sociali
  Corso: Sociologia
  Relatore: Marta Vignola
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 45

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
10 8 A. Bagnasco, op. cit., pp. 156- 157 9 D. Melossi, op. cit., p. 82 Da l punto di vista soc iologic o, le norme si pre se nta no c ome de i me z z i c he pre sc rivono o vie ta no de i c omporta me nti in vista di qua lc he fine o va lore ; c ostituisc ono de lle obbliga z ioni 8 . In ta l se nso, la de via nz a può e sse re a c c osta ta a l c onc e tto di div e rsità . Il div e rso è c olui c he pre se nta attitudini difformi da que lle c onside ra te c ome “ norma li” da lla ma ggior pa rte de lla ge nte , rispe tto a llo stile di vita , a ll’orie nta me nto se ssua le e a i c ostumi in ge ne ra le . De via nz a è tutto c iò c he non rie ntra ne lla norma . T utta via , utiliz z a re il te rmine “ dive rso” c ome sinonimo di “ de via nz a ” può risulta re inga nne vole . L a de via nz a non è un’e c c e z ione , ma una c ompone nte ine limina bile de lla soc ie tà . È una qua lità intrinse c a de ll’e sse re uma no. Gli uomini non sono ma c c hine , è impossibile c he si c omportino tutti a llo ste sso modo; c hiunque , a lme no una volta ne lla vita , ha tra sgre dito a norme e re gole . L a de via nz a è , pe rta nto, un “ fatto soc iale normale ” . Que sto c onc e tto è sta to a mpia me nte disc usso da Durkhe im in “ R e gole de l me todo soc iologic o ” (1895). Se c ondo il soc iologo fra nc e se , ta le norma lità risie de re bbe ‹‹ ne ll’e sige nz a di c irc osc rive re un’a re a mora le ne lla qua le la ma ggior pa rte de lla soc ie tà si ric onosc e e c he è a lla ba se de l se nso di ide ntità di gruppo e di c oe sione soc ia le 9 ››. È possibile a llora a ffe rma re c he la de via nz a svolge a lme no tre funzioni soc iali : a ) de finisc e i c onfini tra i gruppi, pe rme tte ndo di distingue re tra a z ioni “ buone ” e “ c a ttive ” , “ le c ite ” e “ ille c ite ” ;

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

devianza
teorie
criminologia
lombroso
sociologia del crimine

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi