Skip to content

L'Asia Centrale dall'indipendenza dall'Unione Sovietica a oggi. I casi del Kazakistan e dell'Uzbekistan

Informazioni tesi

  Autore: Giorgio Antonino Giuseppe Vanni
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Storiche
  Corso: Storia contemporanea
  Relatore: Silvia Conca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 148

La scelta di svolgere la tesi sull'Asia centrale è nata da varie motivazioni. Fra queste l'importanza di commemorare i trent'anni dall'indipendenza delle cinque repubbliche centroasiatiche e la mia personale esperienza lavorativa. I trent'anni dall'indipendenza e quindi dal crollo dell'Unione Sovietica sono coincisi a livello mondiale con un cambio significativo dei rapporti di forza e dell'influenza geopolitica dei principali attori internazionali, con il sorgere di pericolosi estremismi religiosi e con uno sviluppo economico fortemente sbilanciato per aree geografiche. Questi elementi hanno tutti coinvolto pesantemente la regione centroasiatica e in questo contesto i due Stati scelti per questa analisi rappresentano, al di là della mia esperienza lavorativa, le nazioni più popolose, più economicamente sviluppate dell'area e quindi più rappresentative dei processi in atto.

L'analisi di questo excursus storico è stata facilitata dalle esperienze della mia settennale esperienza lavorativa nella regione, attività svoltasi dal 2008 al 2015 in qualità di funzionario presso le Delegazioni diplomatiche dell'Unione Europea accreditate per le Repubbliche del Kazakistan e dell'Uzbekistan. Per dare un adeguato inquadramento al tema della tesi, ho cercato di fornire una visione globale degli avvenimenti e degli attori coinvolti.

Nel primo capitolo sono descritti gli avvenimenti principali intercorsi dalle conquiste mongole al collasso dell'Unione Sovietica; particolare attenzione è stata posta alle fasi di penetrazione a est della Russia zarista e al periodo sovietico.

Nel secondo, concentrandomi sul Kazakistan e sull'Uzbekistan, ho focalizzato l'analisi sull'evoluzione della situazione dal periodo che va dall'indipendenza (1991) ai giorni nostri. I principali temi trattati sono stati la disastrosa situazione economica e sociale fronteggiata dalle repubbliche all'alba dell'indipendenza, la stasi politica che ha visto il dominio di leaders autocratici con evidente background sovietico e le tensioni sociali e religiose.

Nel terzo capitolo ho cercato d'individuare le sfide più significative che le repubbliche centroasiatiche dovranno probabilmente fronteggiare nel prossimo futuro. Tra queste, ritengo particolarmente insidiose quelle legate alla tenuta del tessuto sociale a fronte di una inevitabile alternanza politica e l'impatto del cambiamento climatico. Siccità prolungate e scioglimento dei ghiacciai avrebbero conseguenze disastrose per la disponibilità di risorse idriche, questo in una regione il cui ambiente già fragile, è stato devastato durante il periodo sovietico; vedi ad esempio il disastro ecologico del lago di Aral.

Nell'ultimo capitolo esamino invece quelli che sono, e potrebbero essere, gli interessi e il coinvolgimento presente e futuro dei principali attori internazionali nella regione. Regione che per le ragioni enunciate nei capitoli precedenti, è tornata ad assumere l'importanza teorizzata da Mackinder nella teoria del Heartland. Con la differenza che a partire dal crollo dell'impero sovietico le motivazioni che all'epoca avevano portato alle tensioni tra gli imperi britannico e russo, si sono arricchite di problematiche ben più complesse. Questa analisi ha quindi valutato il possibile accentuarsi di conflittualità geopolitiche simili a quelle del "Grande gioco", facendo nascere un cosiddetto "Nuovo Grande gioco".

Informazioni tesi

  Autore: Giorgio Antonino Giuseppe Vanni
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Storiche
  Corso: Storia contemporanea
  Relatore: Silvia Conca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 148

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE La scelta di svolgere la tesi sull’Asia centrale per completare il percorso di laurea magistrale in Scienze storiche, è nata da varie motivazioni. Fra queste desidero evidenziare l’importanza di commemorare i trent’anni dall’indipendenza delle cinque repubbliche centroasiatiche e la mia personale esperienza lavorativa. I trentanni dall’indipendenza e quindi dal crollo dell’Unione Sovietica sono coincisi a livello mondiale con un cambio significativo dei rapporti di forza e dell’influenza geopolitica dei principali attori internazionali, con il sorgere di pericolosi estremismi religiosi e con uno sviluppo economico fortemente sbilanciato per aree geografiche. Questi elementi hanno tutti coinvolto pesantemente la regione centroasiatica e in questo contesto i due Stati scelti per questa analisi rappresentano, al di là della mia esperienza lavorativa, le nazioni più popolose, più economicamente sviluppate dell’area e quindi più rappresentative dei processi in atto. Come anticipato, l’analisi di questo excursus storico è stata facilitata dalle esperienze della mia settennale esperienza lavorativa nella regione, attività svoltasi dal 2008 al 2015 in qualità di funzionario presso le Delegazioni diplomatiche dell’Unione Europea accreditate per le Repubbliche del Kazakistan e dell’Uzbekistan. Specificatamente quale responsabile della sezione “Finanze, Contratti e Audit” per la gestione dei fondi devoluti nell’area dalla “Politica europea di cooperazione internazionale e sviluppo” Incarico svolto per quattro anni in Kazakistan ad Astana e ad Almaty, dove ero pure responsabile per i fondi devoluti al Tagikistan e al Kirghizistan, e per tre anni a Tashkent, in Uzbekistan. L’aver ricoperto questa funzione mi ha permesso di cogliere nella quotidianità e nella gestione d'importanti aiuti europei l’evoluzione economica, politica e sociale della regione. Metodo della ricerca e materiali La redazione di questa tesi è totalmente coincisa con la pandemia da Covid19 e quindi con un periodo assai difficile per il Paese e di riflesso naturalmente anche per

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

unione europea
russia
urss
cina
kazakistan
uzbekistan
asia centrale
grande gioco
astana
tashkent

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi