Skip to content

Il veleno dell'invidia. Da in-videre a per-videre. Guardare oltre le apparenze

Informazioni tesi

  Autore: Annabella Russo
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Scienze pedagogiche
  Relatore: Maurizio Cambi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 109

La tesi si occupa di affrontare quello che è il tema dell'invidia.
In particolare nel primo capitolo si tratta l'invidia in senso generale, cogliendola nei diversi aspetti e manifestazioni, distinguendola, inoltre, dal risentimento e dalla gelosia.
L'invidia è un logorio dell'anima che spesso è scatenata dal principio dell'uguaglianza, nascondendosi dietro la maschera della giustizia. In fondo l'invidia è un sentimento universale, che tocca tutti in un modo o nell'altro, per questo si ha paura di essere invidiati, paura che dà luogo a riti magici di protezione. Dunque, la domanda che nasce spontanea è: si può essere liberi dall'invidia?
Nel primo capitolo è inserito anche un articolo in lingua inglese, pubblicato per la prima volta nel 2002 e revisionato nel 2016, di Justin D'Arms "Envy", con annessa traduzione. Il secondo capitolo affronta la teoria di Renè Girard "Il desiderio mimetico" nata grazie al suo spasmodico interesse verso le opere di Shakespeare e la sua capacità di conoscenza del cuore umano. Girard ritrova in Shakespeare la vocazione al ritorno verso l'essenza della natura umana, che altro non è che una natura violenta. Infatti attraverso il teatro lo spettatore gode del male che soffre l'altro, perché diverso da sé. In tal modo si sperimenta e si sfogano emozioni negative che nella vita quotidiana sono soffocate. Infine viene approfondito il tema analizzando nello specifico l'opera di Shakespeare "Otello". In tale opera emerge poderoso il sentimento dell'invidia (spesso confusa con la gelosia) nelle dinamiche sociali e di potere. infine è analizzato il tema da un altro punto di vista, cioè quello dell' invidioso per cercare di capire cosa lo spinge a comportarsi così. ​

Informazioni tesi

  Autore: Annabella Russo
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Scienze pedagogiche
  Relatore: Maurizio Cambi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 109

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Il presente lavoro è volto ad affrontare un tema particolare in virtù della sua natura oscura e malevola: l‘invidia. È stato difficile studiare tale passione perché più mi inoltravo e più ponevo sotto analisi gli altri e soprattutto me stessa. Ci si confronta con una realtà dalla quale spesso si rifugge e lo scopo di questo lavoro è proprio quello di portarla alla luce e studiarla in tutti i suoi aspetti. Nel primo capitolo l‘invidia è trattata in modo generale, cogliendola nei diversi aspetti e manifestazioni che la caratterizzano e distinguendola dalle passioni che comunemente vengono confuse con essa, cioè la gelosia e il risentimento. Imparando a conoscerla si può divenire coscienti di quelle afflizioni che ci colpiscono e alle quali non riusciamo a dare nome, ma impariamo anche a riconoscerla negli altri così da poter prendere le distanze ed evitare che possano scaricare le loro frustrazioni su di noi o causarci danni. Essa non riguarda solo la sfera intima e per questo passiva del singolo, anzi può essere riversata all‘esterno macchiando l‘immagine dell‘invidiato. L‘invidia attiva, dunque, può manifestarsi con la maledicenza, la calunnia, ma anche con una vera e propria violenza volta ad arrecare danno fisico. L‘invidia è un logorio dell‘anima che non lascia scampo a nessuno e nasce dal confronto con l‘altro, nella relazione e per questo che viene definita anche passione sociale. È una passione che non procura piacere perché tormenta chi la prova e porta con sé la sua pena. L‘idea di alcuni studiosi è che sia l‘uguaglianza la fonte che alimenta l‘invidia. Gli uomini sentendosi uguali tra loro non possono accettare che qualcuno abbia di più rispetto ad un altro, così scatta la corsa per raggiungere i propri scopi senza alcun

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

invidia
caino

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi