Skip to content

Esempi di pregiudizio in antropologia

La certezza crea fiducia, ma anche irrigidimento (senso comune). Può farci illudere sulla realtà perché distrae da un suo esame disincantato.
Il centrismo è l'affermazione esclusiva dei nostri interessi.
Esempi di pregiudizi sono i modelli centrici o l'assolutizzazione e naturalizzazione dei propri valori.
Cercare di conoscere i nostri pregiudizi è una sfida alle nostre sicurezze, contro cui agiscono assopimento e repressione della ragione. Significa "togliersi la corazza ideologica": ci vuole coraggio e apertura.
La metodologia del dubbio è ostacolata dal trionfalismo culturale, che tocca anche antropologi e sociologi. Alcuni autori importanti sono autori "centrici", le cui idee si basano sul concetto di progresso (ansia di futuro e orgoglio del presente):
- Darwin e la teoria dell'evoluzione umana (evoluzionismo sociale)
- Lewis Morgan (1800) suddivide lo sviluppo dell'umanità in 9 periodi (stadio selvaggio – antico, medio, recente – stadio barbaro –antico, medio, recente – stadio civile – antico, medio, recente)
- Schmidt (prima metà ‘900) non era un evoluzionista, ma al contrario uno storico culturale.

Il trionfalismo culturale è espressione di un bisogno di cultura.
Cultura: le concezioni della realtà, le sensibilità che assorbiamo o che ci vengono imposte nell'interazione sociale.
La complessità degli aggregati sociali fa si che ci siano anche sottoculture o opposizioni: pluralità di modelli interconnessi, in ogni gruppo.
Stabilità dei modelli: trasmissione personale dei modelli (con processi interculturativi + controllo sociale)
Progresso: prodotto da fattori sia endogeni che esogeni. 
Trasformazione culturale: in occidente, nelle varie forme culturali, si è sviluppato un humus di produzione dei pregiudizi.
Modelli culturali di orientamento all'azione: divisioni anche interne alle stesse società (chiusure)
Cultura: elemento indispensabile e bisogno di situarsi intellettualmente nella realtà a complemento di bisogni materiali.
La cultura dà la certezza che operare in un certo modo sia normale: giustificazione o razionalizzazione dei nostri interessi.
Ci sono livelli cumulativi nelle culture (conoscenze che si perfezionano con il tempo in ogni sapere) e i contenuti non sono condivisi in egual misura dai membri. La cultura è patrimonio di un gruppo, ma anche di fatto "patrimonio psichico esperienziale individuale".
La cultura è un bisogno. La cultura stabilisce il collegamento tra me e gli altri, individuando che c'è qualcosa in comune per cui posso comunicare. Mi libera dal buio che ci sarebbe intorno a me se non sapessi che ci sono persone che intendono i miei segnali e di cui io intendo i loro. Questo però genera anche stati di ansia e frustrazione perché non comprendo tutti, ne sono compreso da tutti. Ma mi dà delle sicurezze che mi fanno raggiungere uno stato di tranquillità: ho un sistema di interpretazione: ogni sistema diverso dal mio, lo manda però in pezzi, perciò ne sono in qualche modo geloso. Ma guai a chi si abbandona completamente alla cultura, perché in questo modo, senza che ce ne rendiamo conto diventa nostra padrona, addormenta la nostra libertà, ci estranea dalla ragione e dalla responsabilità, facendoci rinunciare alla nostra autonomia. Dunque la cultura è anche un rischio.
I modelli culturali che assorbiamo tramite l'interazione con i nostri simili costituiscono un grande sostegno e risparmio per il nostro lavoro intellettivo. Ciò è comodo e legittimo, a patto però di ricordarci che la memoria culturale che utilizziamo è prodotto di un dato momento storico: di conseguenza il suo contenuto, elaborato peraltro da soggetti concreti storici fallibili come tutti gli uomini, deve essere sempre messo in discussione.

È opportuno distinguere tra:
- errori di conoscenza per assenza o inadeguatezza di mezzi conoscitivi
- errori di conoscenza per non corretto impiego degli strumenti conoscitivi di cui si dispone
- stravolgimento consapevole della realtà per propri fini
- stravolgimento inconsapevole della verità per assenza di vigilanza critica o per la soddisfazione di interessi particolari individuali o di gruppo.
È pregiudizio ad esempio distinguere tra popoli civili e incivili perché, se per civiltà intendiamo l'insieme dei mezzi attraverso i quali un gruppo affronta i problemi dell'esistenza, nessun popolo allora è privo di civiltà, in quanto in mancanza di essa non avrebbe la possibilità di sopravvivere. 
di Giulia Dakli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.