Skip to content

Il ciclo di vita della famiglia

Le famiglie sono unità dinamiche soggette a cambiamenti continui che possono manifestarsi a diversi livelli strettamente interdipendenti: individuale, interpersonale, gruppale e sociale.
Ciascun membro della famiglia evolve, cresce e si trasforma nel tempo, per cui ogni famiglia deve confrontarsi e assecondare le trasformazioni relative allo sviluppo emotivo, cognitivo e fisico dei suoi componenti (livello individuale).
Cosi come gli individui si trasformano nel tempo, allo stesso modo le relazioni esistenti tra i diversi membri della famiglia evolvono, portando significative modificazioni all’interno della famiglia stessa (livello interpersonale).
In una famiglia intervengono cambiamenti importanti anche in seguito a trasformazioni della sua composizione (livello gruppale) che si hanno con l’entrata o con l’uscita di uno dei membri.
La famiglia è definita come sistema emozionale plurigenerazionale, in quanto comprende nell’intero sistema emozionale almeno tre o quattro generazioni.
Infine, la struttura relazionale della famiglia cambia anche in seguito alle trasformazioni che avvengono nel contesto sociale e culturale (livello sociale).
Il gruppo famiglia, altre alla capacità di adattarsi ai continui movimenti trasformativi, deve poter conservare una propria “stabilità”, per cui nel corso degli anni deve poter soddisfare due esigenze apparentemente contrapposte tra loro: da una parte, quella di trasformarsi in relazione ai diversi bisogni evolutivi dei singoli componenti (Processi morfologici); dall’altra, quella di conservare il senso della propria identità e continuità nel tempo (Processi morfostatici).
Processi morfologici e processi morfostatici sono interdipendenti.
di Antonino Cascione
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.