Skip to content

La valenza della nozione di imprenditore


Come ogni fattispecie normativa anche quella di imprenditore, dettata dall’art. 2082 c.c., indica una fattispecie al fine di collegarvi una determinata disciplina: l’appartenenza al genere imprenditore, infatti, è presupposto necessario per rientrare in una delle specie in cui tale genere si articola e in relazione alle quali viene dettata la gran parte della disciplina.
Il c.d. statuto generale dell’imprenditore, cioè quello che si applica a qualunque imprenditore come definito dall’art. 2082 c.c. indipendentemente dalla specie di appartenenza, consiste nelle norme relative all’azienda e ai segni distintivi, alla concorrenza e ai consorzi.
Molto più ricco è invece l’insieme delle norme che si applicano alle singole specie in cui il genere imprenditore si distingue.
La figura di imprenditore si suddivide:
1. sul piano dell’oggetto dell’attività esercitata:
- imprenditore commerciale
- imprenditore agricolo
2. sul piano delle dimensioni dell’attività:
- piccolo imprenditore
- imprenditore medio/grande
3. sul piano della natura del soggetto che esercita l’attività, da un lato:
- imprenditore individuale
- imprenditore collettivo
dall’altro:
- imprenditore privato
- imprenditore pubblico
Tratto da DIRITTO COMMERCIALE di Stefano Civitelli
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.