Skip to content

La nozione di imprenditore. Il requisito della professionalità


L’art. 1 l. fall. dispone l’assoggettabilità dell’imprenditore commerciale al fallimento e concordato preventivo ma, allo stesso tempo, non indica alcuna autonoma configurazione di tale soggetto. È necessario quindi far riferimento alla nozione civilistica fornita dall’art. 2082 cc, secondo cui è imprenditore chi esercita professionalmente un’attività economica organizzata al fine della produzione e dello scambio di beni o di servizi, e all’art. 2195 cc che fornisce l’elenco delle attività commerciali.
Rispetto a ciò, il requisito della professionalità è individuato sulla base di un’attività abituale, stabile e sistematica. L’attività esercitata occasionalmente, a meno che l’affare non appaia di particolare complessità in relazione sia agli strumenti utilizzati sia al risultato economico, non costituisce impresa e quindi non è assoggettabile al fallimento. Il requisito della professionalità sussiste anche quando vi è attività stagionale in quanto ripetuta con una cadenza temporale fissa presentando i caratteri dell’abitualità, stabilità e sistematicità.
Inoltre, la professionalità non implica che quell’attività sia l’unica svolta dal soggetto in quanto si possono esercitare più attività, tutte o meno configurabili come imprese.
Se l’attività è diretta al compimento di un unico affare, si esclude la qualifica di impresa a meno che la consistenza e la complessità dell’affare abbiano comportato un’organizzazione rilevante che ha operato per un lungo periodo al fine di ottenere la produzione di quell’unico prodotto.
Tratto da DIRITTO FALLIMENTARE di Alessandro Remigio
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.