Skip to content

La teoria del contratto sociale delle imprese di Donaldson

Un recente approccio alla responsabilità d'impresa è anche chiamata Integrative Social Contracts Theory (ISCT: Teoria dei contratti sociali integrativi). 
Per la prima volta proposta nel 1600 da Thomas Hobbes, la teoria del contratto sociale risiede nell'idea (almeno in teoria) che gli esseri umani acconsentono ad unirsi in società e, perlomeno tacitamente, aderiscono a leggi e regolamenti cosicché possano vivere in armonia e raggiungere i propri fini in relazione agli altri. Anche se è legata alla responsabilità societaria, la teoria del contratto sociale si focalizzò inizialmente con su come sono costituite le società (nel senso di aziende), ma piuttosto sul loro status nella società. Secondo questa posizione, come inizialmente proposto da Thomas Donaldson (1982), in breve, dato che una corporation è autorizzata dalla società ad operare in una data comunità, la corporation sottoscrive degli impegni impliciti con quella comunità. Questi impegni formano la base del contratto sociale tra la corporation e la società (intesa come ambiente sociale). Ad una corporation è consentito di esistere perché si pensa che i benefici dati dall'autorizzazione di tale esistenza ad organizzazioni produttive, siano superiori agli svantaggi del fare questo. Dal punto di vista della società, l'obiettivo di una organizzazione produttiva si può dire che sia migliorare il benessere nella società attraverso la soddisfazione del consumatore e degli interessi dei lavoratori. La società ha grandi aspettative nei confronti delle corporation e, dato che permette loro di esistere e operare liberamente,  esse hanno l'obbligo di soddisfare queste aspettative. Una corporation che non rispetta la sua parte nel patto, non adempie ai suoi obblighi entro la comunità, e quindi non rispetta il suo contratto.
L'enfasi data dalla teoria del contratto sociale sugli obblighi delle corporation fornisce un importante intuizione riguardo lo scopo della responsabilità morale d'impresa, ma la teoria presuppone che le corporation siano degli agenti morali, mentre risulta meno chiara su cosa comporti in pratica quest'ufficio (acency). Peraltro, sebbene la teoria si focalizzi sulle relazioni societarie aziendali esterne,  bisognerebbe parlare della responsabilità aziendale verso i suoi dipendenti, azionisti e clienti. 
di Valentina Marchiò
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.