Skip to content

Aspetti generali della riscossione dei tributi

La riscossione dei tributi viene generalmente esposta distinguendo la riscossione delle imposte dirette dalla riscossione delle imposte indirette e tasse. Tuttavia, grazie ad una serie di interventi, la differenza tra queste è venuta quasi totalmente meno.
Estinzione dei debiti tributari ed estinzione delle obbligazioni di diritto privato
La riscossione è l’insieme degli atti e fatti medianti i quali l’obbligazione tributaria è attuata ed estinta. Essa è quindi assimilabile ai modi di estinzione delle obbligazioni civilistiche.
Un primo aspetto tipico della riscossione dei tributi è la tipicità delle sue forme, rigidamente disciplinate: l’ente impositore non può riscuotere se non nelle forme previste dalla legge, né il contribuente può liberarsi in forme diverse a quelle stabilite dalle legge.
Nel diritto tributario non hanno riscontro quelle forme di estinzione dei rapporti obbligatori che sono espressione del potere di disporre del rapporto: infatti l’amministrazione finanziaria, a differenza del privato, non può disporre dei suoi crediti (c.d. indisponibilità dell’obbligazione tributaria). Quindi non trovano applicazione né la novazione, né la remissione del debito. A parte il pagamento, i tributi possono estinguersi mediante compensazione, ovviamente nei limiti posti dalle norme tributarie.
In materia di riscossione (ed anche in materia di determinazione del debito d’imposta) la legge obbliga i contribuenti a provvedere di propria iniziativa al pagamento delle imposta (c.d. autotassazione). Il compito dell’amministrazione finanziaria è quello di controllare gli adempimenti dei contribuenti e di formare gli atti diretti a provocare il pagamento. Ecco che si determina una fondamentale distinzione tra:
a.Riscossione spontanea che consiste in pagamenti che i contribuenti eseguono di propria iniziativa in adempimento agli obblighi previsti dalla legge (cc.dd. versamenti diretti);
b.Riscossione in base ad atti emessi dall’amministrazione finanziaria.
di Alessandro Remigio
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.