Skip to content

Il fallimento dell’imprenditore fallito


Al fallito non è precluso di esercitare, durante il fallimento, un’altra attività d’impresa quando abbia a disposizione beni personali sottratti allo spossessamento.
Se il fallito diventa nuovamente insolvente rispetto alla “nuova” attività, potrà essere dichiarato fallito in quando non vi è alcuna norma che lo escluda. Piuttosto, questa seconda procedura potrebbe avere a disposizione una minima massa attiva. Il fallimento aperto per primo avrà, infatti, appreso tutte le attività conseguite da quell’esercizio.
Davanti a questo fenomeno, la giurisprudenza tende a negare l’avvio di una seconda procedura per la mancanza di un patrimonio del fallito e, quindi, di convenienza per i creditori concorsuali. Secondo la soluzione più soffi sfacente, per aprire una seconda procedura è necessario attendere la conclusione della prima.
Tratto da DIRITTO FALLIMENTARE di Alessandro Remigio
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro