Skip to content

Il rilancio del turismo a Palermo

LA RIGENERAZIONE DELLA CITTÀ PER IL RILANCIO DEL TURISMO. Le attività turistiche meritano un discorso a sé stante. Esse gravitano essenzialmente sulla costa, dove sono anche concentrate le attività alberghiere ed extralberghiere. Questo perché città comunque interessanti, come Monreale, non hanno strutture ricettive. La maggior parte dei turisti, dunque, non si rivolge al centro storico palermitano ma ai centri della costa, dove sono frequenti pure le dimore stagionali, che contribuiscono ad aumentare i livelli di traffico. Per ovviare a questo problema il comune di PA ha varato due progetti importanti, gestiti da due uffici:
- AAPIT – Azienza Autonoma Provinciale per l'Incremento Turistico → è l'ufficio fondamentale e svolge alcune azioni fondamentali. 
-Attività dell'Ufficio Marketing → valuta la domanda turistica e sostiene la valorizzazione culturale e artistica, promuovendo ogni aspetto della città dalla storia dell'arte all'enogastronomia. 
- PQ – Progetto Qualità dei servizi → rilascia alle aziende meritorie un marchio di qualità.
- Indagini sulla qualità dei servizi svolta presso i turisti. 
- Costruzione di Club di prodotto che associano aziende agrituristiche, operatori enogastronomici ed artigiani.
- Ufficio Grandi Eventi.
Le attività svolte da queste due strutture sono la spia dell'intenzione di PA di attirare nuovi capitali e interessi, rimarcando la necessità di interventi che non siano effimeri ma duraturi. L'amministrazione ha dato anche attenzione alla valorizzazione dell'immenso patrimonio culturale cittadino, al fine di attivare i circuiti di produzione culturale e creare nuove occasioni di sviluppo per il territorio → Cantieri della Zisa negli ex capannoni del mobilificio Ducrot (1895 – 1968) di 55.000 mq.
Un'altra operazione che appare fondamentale è la riqualificazione del centro storico e del fronte mare, operazione in cui è occupato l'ufficio ATI1. Complementariamente a ciò vi è l'interesse a investire nel settore fieristico – congressuale considerato che PA, nonostante sia sede dell'Ente Autonomo Fiera del Mediterraneo (il maggio ente espositivo e fieristico della Sicilia) ha un ruolo marginale nel panorama nazionale.
Particolare attenzione è stata dedicata anche all'annoso problema della mobilità urbana consci che l'elevato tasso di congestione allontana molti turisti. In questo senso il Piano Integrato di Trasporto Pubblico ha fissato alcune operazioni da realizzare:
- Nuova linea metropolitana leggera automatica. 
- Anello ferroviario sotterraneo in corrispondenza dell'area urbana a maggiore densità di servizi pubblici e commerciali. 
- Tre linee di tram per il collegamento tra centro e periferie. 
- Raddoppio del passante ferroviario per il collegamento con l'aeroporto.
di Gherardo Fabretti
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.